La principessa e l'aquila

play

Regia di Otto Bell

Con Alma Dalaykhan, Nurgaiv Rys, Aisholpan Nurgaiv Vedi cast completo

Questo film non è disponibile. Prenotalo o aggiungilo alla tua Watchlist.

Trama

Da oltre 2 mila anni il popolo kazako della regione dei monti Altaj in Mongolia occidentale si dedica a una tradizionale caccia con le aquile, attività strettamente maschile. La piccola Aisholpan desidera però diventare una cacciatrice e, con l'aiuto del padre, impara tutti gli aspetti della falconeria per prendere parte a un'importante competizione annuale.

Approfondimento

LA PRINCIPESSA E L'AQUILA: IL CORAGGIO DI UNA TREDICENNE NEL PERSEGUIRE IL PROPRIO SOGNO

Diretto da Otto Bell, La principessa e l'aquila documenta la vita di Aisholopan, una ragazzina kazaka di tredici anni che si allena per diventare, dopo dodici generazioni, la prima donna addomesticatrice di aquile per la caccia, una tradizione che si tramanda da secoli di padre in figlio. Mentre ci sono molti vecchi cacciatori con aquile che con veemenza si oppongono all'idea che una donna possa infrangere una secolare tradizione maschile, Nurgaiv, il padre di Aisholopan, ritiene che la sua bambina possa fare tutto ciò che è concesso di fare a un ragazzo a patto che si dimostri determinata.

La videocamera di Bell inizia a seguire Aisholopan dal momento in cui ha finito molti mesi di allenamento con il padre. Poiché ogni aquila può avere un solo padrone, è arrivato per lei il momento di catturare un'aquila tutta sua. Arrampicandosi lungo una scogliera rocciosa con una corda, deve recuperare un'aquila appena nata dal nido della madre. Dopodiché, dovrà prendersene cura, addestrarla e portarla a caccia con sé fino a quando, molti anni dopo, arriverà il momento di lasciarla nuovamente libera. Per testare le sue abilità, Aisholpan prenderà anche parte a una nota competizione, il Golden Eagle Festival,  e affronterà 70 dei più grandi cacciatori della Mongolia. Inoltre, come rito di iniziazione, dovrà partecipare a una battuta di caccia tra le gelide montagne e dimostrare di non avere paura di nulla.

Con la direzione della fotografia di Simon Niblett e le musiche di Jeff Peters, La principessa e l'aquila racconta dunque di quanto capace e coraggiosa sia Aisholpan. Al pari di ogni maschio della sua tribù, non conosce ostacoli e si rifiuta di vedere negate le sue ambizioni. Nonostante si eserciti in un'arte antica, la sua storia è molto moderna perché rappresenta un mondo in cui i sogni di una giovane ragazza si trasformano in realtà a prescindere dalle difficoltà che la circondano.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La principessa e l'aquila è il regista Otto Bell. A capo del Courageous (uno studio commerciale di registi e designer con sede a New York), Bell ha diretto oltre 15 documentari in luoghi come l'Uganda, il Giappone, l'Egitto e il Vietnam, per marchi come IBM e Philips. Nel settore della produzione... Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

pazuzu di pazuzu
7 stelle

  Sui monti Altai, nel nordest della Mongolia, la tradizione vuole che da duemila anni i nomadi Muslim maschi si succedano, di padre in figlio, nel ruolo di "cacciatore con l'aquila", secondo quella che non va letta come un'investitura o una sorta di eredità, ma come una vera e propria vocazione: ogni figlio maschio, quando pronto, ruba dal nido un aquilotto che terrà con... leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
5 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2016 - SELEZIONE UFFICIALE  Il coraggio, l'ostinazione ad andare contro regole di vita e tradizioni conclamata nei secoli. Per una bambina tredicenne nata e vissuta in un villaggio nomade kazako tra le steppe della Mongolia, figlia maggiore di una famiglia di cacciatori con aquila, il fatto di vedersi proibire tale attività solo per la circostanza di... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Uscito nelle sale italiane il 28 agosto 2017
locandina
Foto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

pazuzu di pazuzu
7 stelle

  Sui monti Altai, nel nordest della Mongolia, la tradizione vuole che da duemila anni i nomadi Muslim maschi si succedano, di padre in figlio, nel ruolo di "cacciatore con l'aquila", secondo quella che non va letta come un'investitura o una sorta di eredità, ma come una vera e propria vocazione: ogni figlio maschio, quando pronto, ruba dal nido un aquilotto che terrà con...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito