Trama

A causa dell'invasione nazista della Polonia e della conseguente devastazione dello zoo di Varsavia, il guardiano dello zoo Jan Zabinski e la moglie Antonina sono costretti a lasciare ciò che resta del parco e i pochi animali sopravvissuti. Non appena i nazisti iniziano a deportare gli ebrei verso i campi di concentramento, Jan e Antonina rischiano il tutto per tutto per nascondere il maggior numero di future vittime nel loro zoo. Contro ogni previsione, Antonina e gli ebrei protetti riescono a creare un particolare rapporto di fiducia che porterà a tracciare uno straziante piano di fuga.

Approfondimento

LA SIGNORA DELLO ZOO DI VARSAVIA: DA UN ROMANZO DI DIANE ACKERMAN

Diretto da Niki Caro e sceneggiato da Angela Workman, La signora dello zoo di Varsavia racconta la vera storia di Antonina Zabinski, una semplice moglie e madre che nel corso della Seconda guerra mondiale si trasforma in un'eroina per centinaia di persone. La sua vicenda ha inizio nel 1939 in Polonia, patria di Antonia e del marito, il dottor Jan Zabinski. Innamorati e devoti l'uno all'altra, i due si occupano insieme lo zoo di Varsavia che, sotto la gestione di Jan e la cura di Antonia, attraversa un felice momento. Con energia, Antonia provvede ai bisogni familiari e lavorativi e tutto procede al meglio fino al giorno in cui lo zoo viene chiuso a causa dell'occupazione tedesca. Stordita, la coppia deve allora rispondere agli ordini dello zoologo nominato dal Reich, Lutz Heck, un uomo che prevede un nuovo programma di allevamento selettivo per la struttura. Antonina e Jan decidono quindi di combattere le nuove condizioni e segretamente iniziano a collaborare con la Resistenza, rendendosi conto come le gabbie per animali dello zoo e i tunnel sotterranei, originariamente progettati per salvaguardare le bestie, possano segretamente essere usati per salvare vite umane. Il loro piano d'azione e di aiuto nei confronti degli ebrei di quello che è diventato il ghetto di Varsavia finirà però per porre Antonina e i suoi figli in grande pericolo.

Con la direzione della fotografia di Andrij Parekh, le scenografie di Suzie Davis, i costumi di Bina Daigeler e le musiche di Harry Gregson-WilliamsLa signora dello zoo di Varsavia è l'adattamento cinematografico del romanzo Gli ebrei allo zoo di Varsavia, scritto da Diane Ackerman e basato sul diario della vera Antonina Zabinski. Osserva la produttrice Diane Miller Levin, da subito colpita dalla storia di Antonina: "Ho letto il libro in una sola notte, seduta per le scale. Le vicende di Antonina e di Jan permettono di concentrarsi - in un periodo storico molto vasto che abbraccia vari episodi - sulla resistenza polacca all'oppressione nazista durante la Seconda guerra mondiale. Ciò che però le distingue dalle altre è il fatto che, oltre a raccontare ovviamente la guerra, le loro vicende raccontano anche una storia intima tra marito e moglie. Gli ebrei allo zoo di Varsavia è in definitiva la storia di una famiglia che lotta per salvaguardare la propria quotidianità e il proprio matrimonio nel bel mezzo di una guerra.

L'importanza degli Zabinski è comunque fondamentale. Anni dopo, lo stato di Israele li ha onorati nominandoli Giusti tra le nazioni ma, nonostante ciò, la coppia ha continuato a rimanere modesta e a sottovalutare il proprio impegno. Eppure, con coraggio e compassione, hanno provveduto oltre 300 persone, alcune delle quali sono ancora in vita e in rado di testimoniare lo spirito e l'istinto di Antonina, una donna in grado sia di disinnescare l'aggressività di un predatore sia di curare un animale ferito. Il suo successo forse risiede nel fatto di aver applicato la stessa psicologia che usava con gli animali agli uomini".

Alla sceneggiatura del film hanno anche collaborato i due figli di Antonina, Rys e Teresa.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La signora dello zoo di Varsavia è Niki Caro. Regista e sceneggiatrice neozelandese nata a Wellington nel 1967, si laurea in Belle Arti all'università di Auckland prima di cominciare un master in cinema alla Swinburne University of Technology a Melbourne, in Australia. Le sue prime esperienze di regia... Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Il meglio del 2016
2016
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito