Trama

Negli ultimi trent'anni, il dottor Jean-Pierre Werner ha lavorato come medico generico in un paese di campagna, distante da qualsiasi altra struttura medica. Quando scopre di soffrire di una grave malattia, non ha altra scelta che quella di trovare un sostituto, sebbene non consideri nessuno alla sua altezza. Può però contare su Nathalie, recentemente arrivata dall'ospedale per aiutarlo.

Approfondimento

IL MEDICO DI CAMPAGNA: UNA FIGURA IN VIA D'ESTINZIONE

Diretto da Thomas Lilti e sceneggiato dallo stesso con Baya Kasmi, Il medico di campagna racconta la storia di Jean-Pierre, un medico generico di una zona di campagna che guarisce e assiste gli abitanti del posto giorno e notte, sette giorni su sette. Anch'egli malato, Jean-Pierre è considerato insostituibile ma deve presto cedere il posto a Nathalie, dottoressa arrivata da un ospedale per aiutarlo ma che deve adattarsi alla nuova vita.

Con la direzione della fotografia di Nicolas Gaurin, le scenografie di Philippe Van Herwijnen, i costumi di Dorothée Guiraud e le musiche originali di Alexandre Lier, Sylvain Ohrel e Nicolas Weil, Il medico di campagna segna una nuova incursione di Lilti nel mondo della medicina dopo Hippocrate (2014) e a spiegarne le ragioni è lo stesso regista: «Prima di diventare regista, ero un medico. Spesso mi sono ritrovato a fare delle sostituzioni in zone di campagna, prendendo il posto temporaneamente di medici esperti su cui tutti potevano contare. Diventando regista, ovviamente, non ho dimenticato tutte le informazioni che ho immagazzinato nella mia precedente vita: da qui, nasce la mia attenzione nei confronti della medicina. Da un punto di vista prettamente cinematografico, poi, la figura del medico di campagna è molto romantica. Non voglio di certo fossilizzarmi nel genere: a pensarci bene, Hippocrate e Il medico di campagna hanno in comune solo lo sfondo medico ma sono due storie molto distinte. Hippocrate conduceva lo spettatore all'interno del microcosmo ospedaliero rappresentato come una società a se stante.  #Il medico di campagna, invece, ha un protagonista che è un dottore esperto che pratica e conosce molto bene la medicina.

#Il medico di campagna è come un vero eroe popolare, la gente lo ama e ha la particolarità di essere una figura quasi in via di estinzione a causa del continuo spopolamento delle campagne. Incarna un importante ruolo sociale e funge da legame tra le generazioni, lottando contro l'isolamento e la solitudine dei suoi pazienti. Nel mio film, ha il volto di François Cluzet, che a differenza di Marianne Denicourt (che interpreta Nathalie) non ha voluto trascorrere tempo in compagnia di un vero medico di campagna. Marianne, per voler suo, ha conosciuto dei veri medici generici, li ha seguiti durante le visite ai pazienti e ha raccolto le loro testimonianze.

Tutti i personaggi di Il medico di campagna, compresi i pazienti, sono attori professionisti. Tutti tranne uno: il contadino che all'inizio del film viene curato da François Cluzet. Si tratta del proprietario della fattoria in cui stavamo girando. Tra i pazienti, poi, ve ne sono alcuni con disabilità mentali. Pur non essendo attori nel vero senso del termine, hanno alle spalle alcune esperienze cinematografiche o di esibizioni in pubblico, come ad esempio Yohann Goetzman.

Jean-Pierre, il mio medico di campagna, è una sorta di tuttofare: medico, badante, consigliere, confidente... E ciò spiega il sovraccarico di lavoro a cui è chiamato, nonostante sia egli stesso malato. La malattia e la lotta contro essa è anche il motivo per cui diventa impellente il bisogno di essere sostituito, cosa spesso non facile nella realtà. A venire in suo soccorso è Nathalie, la stessa dottoressa d'ospedale che ha curato il suo tumore. Con un approccio alla disciplina del tutto differente, Nathalie inizialmente non è ben vista da Jean-Pierre, che non desidera invasioni nel suo territorio e non vuole rendere nota la sua malattia».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (3) vedi tutti

  • a me non è piaciuto per niente..temi affrontati in maniera superficiale,,, scontato, poco credibile(malattia del protagonista)... lungo ed anche un po' noioso!!

    commento di cinemachepassione
  • Eccellente commedia francese,con sfumature amare che immette nel mondo delle campagne dove il medico è ancora e forse per poco a totale servizio della salute fisica e mentale degli abitanti.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Il cinema francese riesce spesso a costruire un film gradevole, delicato, con dei messaggi positivi anche da una trama esile. Viene fuori una piccola comunità fraterna, colta,disponibile, tesa ad un miglioramento collettivo. Ottima l'interpretazione di tutti, nonchè la regia e il ritmo generale.

    commento di sorry
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

  Il regista Thomas Lilti ci offre con IL MEDICO DI CAMPAGNA (2016), il secondo film dedicato all’arte medica, da lui esercitata prima di dedicarsi alla regia, che si discosta da tutti i canoni della narrazione e dal precedente Hyppocrates, presentando un personaggio in via di estinzione, che è ancorato al suo modo di occuparsi della salute di una comunità... leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

starbook di starbook
6 stelle

Film francese forte della presenza dell'attore Francois Cluzet, noto in Italia per essere il protagonista del fortunato campione d'incassi transalpino 'Quasi amici'. Narra le vicende di un medico generico che conduce la sua attività professionale da più di trent'anni nelle campagne della provincia francese settentrionale. Appena finiti i...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

will kane di will kane
6 stelle

In Francia è stato uno dei successi del 2016, e da qui, probabilmente, la scelta di far uscire "Il medico di campagna" per le festività natalizie, da noi, onde proporlo come alternativa "impegnata" ai kolossal americani e ai cinepanettoni nostrani: tra l'altro, del regista Thomas Lilti, è il primo lungometraggio ad arrivare sugli schermi italiani, nonostante si tratti del...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Ad un apprezzato e scrupoloso medico di campagna viene improvvisamente diagnosticato un tumore al cervello non operabile. L’uomo non ha altra possibilità che sottoporsi a cure intensive, per attuare le quali avrà bisogno di molto più tempo libero e di riposo. Per questo il suo amico e medico curante specializzato fa in modo che al suo fianco gli venga affiancata...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

bufera di bufera
6 stelle

  Il regista Thomas Lilti ci offre con IL MEDICO DI CAMPAGNA (2016), il secondo film dedicato all’arte medica, da lui esercitata prima di dedicarsi alla regia, che si discosta da tutti i canoni della narrazione e dal precedente Hyppocrates, presentando un personaggio in via di estinzione, che è ancorato al suo modo di occuparsi della salute di una comunità...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 19 dicembre 2016
Il meglio del 2015
2015
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito