Trama

La giovane violoncellista Julie vive con il padre macellaio che traffica in carne umana. Abitano in un edificio fatiscente, popolato da inquilini inquietanti. Julie si innamora del clown Louison, prossima vittima designata del padre, e per salvarlo trova aiuto in una setta di vegetariani che vivono e tramano nel sottosuolo. Nel crescendo di un finale catastrofico il macellaio muore e l'amore trionfa. Film d'esordio, originale per le soluzioni narrative e visive che lo caratterizzano, avvicinandolo al gusto del fumetto francese o di certo Terry Gilliam. Una sorta di via di mezzo tra la fantascienza e l'horror film, tutto giocato sul registro dello humour nero.

Commenti (11) vedi tutti

  • Commedia tragicomica dallo humour nero pece trasformatasi in un piccolo cult. Un'esperienza unica e affascinante.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Dalla prima inquadratura, già non vedevo l'ora che finisse.

    commento di andreacontini
  • Un grottesco particolarissimo fra commedia nera e sprazzi di horror. Storia paradossale, personaggi stravaganti. Uno degli esordi più azzeccati ed originali degli ultimi anni. Da rivalutare.

    commento di Utente rimosso (Luke Vacant)
  • Cupo, surreale, grottesco e allo stesso tempo divertente! Chi non l'ha visto dovrebbe correre a guardarlo!

    commento di francy1976
  • Estremamente interessante questo piccolo/grande inizio del mio amato Jean-Pierre.

    commento di Totororesurrection
  • Estremamente interessante questo piccolo/grande inizio del mio amato Jean-Pierre.

    commento di Totororesurrection
  • Allucinato oltre ogni immaginazione. Più che un film , un 'opera d'arte, visiva e non. A metà tra un quadro di De Chirico ed una sinfonia di Beethoven, è qualcosa di assolutamente impensabile. Davvero Grandioso.

    commento di brando
  • assolutamente da vedere.

    commento di akronte
  • Assolutamente geniale, per tutti i personaggi surrelai e le scene simil-grottesche che si presentano, favoloso!

    commento di RageAgainstBerlusca
  • Simpatica commediola grottesca e orrorifica messa in piedi da quel gran personaggio che è Jeunet, piacevole, divertente ma un po limitato. Amelie altro non è che una clonazione aliena di questo film, con un gran risultato.

    commento di Totoro
  • Capolavoro del genere grottesco-noir. Un po' Alan Ford, un po' Tartarughe Ninja alla riscossa. Consigliato solo a chi ama lo humor nero surreale. Da segnalare l'uso narrativo (un po' abusato, a dire il vero) dei rumori della vita quotidiana.

    commento di zio_ulcera
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Peppe Comune di Peppe Comune
7 stelle

In un luogo non ben precisato della Francia e in un ambientazione "postatomica" che annulla qualsiasi tipi di orientamento spazio-temporale, si erge malefico un palazzo fatiscente abitato da gente alquanto strana. Su tutti svetta la figura del laido macellaio (Jean-Claude Dreyfus), padrone dello stabile e procacciatore di carne umana da distribuire agli affamati condomini. La prossima vittima... leggi tutto

23 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

sokurov di sokurov
6 stelle

Bell'esordio di Jeunet che già dalla prima pellicola ci offre il suo cinema stralunato, pieno di invenzioni, con i suoi colori e le sue facce, il suo amore per il cinema in bianco e nero, le musiche. Divertente con scene e microscene eccezionali, però anche con cosette che mi hanno lasciato dubbi sulla loro efficacia (tipo i trogloditi e la prima parte decisamente sul lento) e... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
4 stelle

Grottesco ed oltremodo cupo, a cavallo fra una fiaba ed un incubo, il film vive di una logica (volutamente) traballante e sembra continuamente sul punto di rivelarsi, fallendo puntualmente. Difficile simpatizzare per i personaggi, brutti e stolidi, difficile appassionarsi ad una storia così sbilenca, dalla narrazione sconnessa, che si perde su dettagli insignificanti e scenette insulse ed... leggi tutto

2 recensioni negative

Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

In una Francia (post) apocalittica, un palazzo ancora non completamente diroccato ospita una macelleria e un condominio di inquilini stravaganti. Il proprietario dello stabile sembra essere lo stesso titolare della macelleria "Delicatessen", che espone all'esterno una targa con un bel porcellino. Peccato però che di maiali non se ne senta più neanche l'odore e probabilmente di...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 28 giugno 2017 su Iris
Trasmesso il 27 giugno 2017 su Iris
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

omero sala di omero sala
8 stelle

Una ciliegia tira l’altra. La recente visione di Ma Loute (di Bruno Dumont) mi ha ricordato questo film del 1991 che, come Ma Loute, è francese, grottesco e scombinato; e contiene surreali scene di cannibalismo. Ho voluto rivederlo ed è stata una buona idea.   Gli autori sono una coppia bizzarra: Jeunet, il più noto, è anche il regista de Il...

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2014
2014

Recensione

DeathCross di DeathCross
9 stelle

Gioiellino francese diretto da Marc Caro e Jean-Pierre Jeunet (celebre per "Le Fabuleux Destin d'Amélie Poulain" e "Aliens - Resurrection"), il film racconta in chiave grottesca una storia post-atomica (tra i vari indizi, si capisce che gli animali si sono praticamente quasi tutti estinti, e di loro restano solo dei suoni riprodotti in scatola), resa a-temporale dalla fotografia...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
8 stelle

  Un imprecisato futuro apocalittico fa da sfondo alle tragicomiche e nerissime avventure di un condominio dell'urbe francese. Jean Pierre Jeunet, che dieci anni più tardi acquisirà fama internazionale con “Amelie” (con "Delicatessen" se ne fece comunque una di nicchia), fa qui il suo esordio da regista e mostra già tutte quelle qualità che lo...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2012
2012
Il meglio del 2011
2011

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
7 stelle

In un luogo non ben precisato della Francia e in un ambientazione "postatomica" che annulla qualsiasi tipi di orientamento spazio-temporale, si erge malefico un palazzo fatiscente abitato da gente alquanto strana. Su tutti svetta la figura del laido macellaio (Jean-Claude Dreyfus), padrone dello stabile e procacciatore di carne umana da distribuire agli affamati condomini. La prossima vittima...

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Il cinema come meccanismo creatore e narrante: sembra questa la visione di Jean-Pierre Jeunet, che confeziona ogni suo film come una realtà inscatolata che, nello spazio compresso di un sogno, costringe varie tipologie umane a confrontarsi con situazioni paradossali. I personaggi, che si dibattono entro la prospettiva forzata di un quadro surrealista, vivono vicende in cui la follia...

leggi tutto

ALCHIMIE

LAMPUR di LAMPUR

“Un odore ha preceduto il caos ed un altro sopravvivrà al mondo. A volte li percepiamo, il primo negli eccessi della fornicazione, l’altro nel fragore della defecazione, quando ci dissolviamo e non...

leggi tutto
Il meglio del 2009
2009

Condomini

gheri di gheri

Il condominio è una dimensione chiusa, e quando l'azione si concentra al suo interno, inevitabilmente le tensioni crescono...

leggi tutto
Il meglio del 2008
2008

Natale rosso sangue?

HarryLime di HarryLime

Il Natale: un delirio cinematografico e televisivo di storielle insulse e sdolcinate che hanno come unico effetto quello di esarcerbare gli istinti più bassi e la voglia di violenza e crudeltà (cinematografica,...

leggi tutto

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Grottesco ed oltremodo cupo, a cavallo fra una fiaba ed un incubo, il film vive di una logica (volutamente) traballante e sembra continuamente sul punto di rivelarsi, fallendo puntualmente. Difficile simpatizzare per i personaggi, brutti e stolidi, difficile appassionarsi ad una storia così sbilenca, dalla narrazione sconnessa, che si perde su dettagli insignificanti e scenette insulse ed...

leggi tutto
Il meglio del 2007
2007
Il meglio del 2006
2006

All'anima de li mortacci tua

ROTOTOM di ROTOTOM

E’ strano. Quello che sanno i miei amici, mia moglie, tutti quelli che mi stanno bene o male intorno e ai quali ogni tanto rinnovo il concetto onde evitare colpevoli mancanze nel momento in cui si verificasse...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2005
2005

Futuri possibili.

tenouchi di tenouchi

Qui c'à molto del nostro oggi, domani, o dopodomani al più tardi...Per cui non perdete altro tempo, e guardateli se non lo avete fatto prima; per un improbabile esploratore alieno, in visita di studio presso il...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2004
2004
Il meglio del 2003
2003

Caccia = Schifo.

Crawford di Crawford

Viva chi mangia carne umana, soprattutto quella di chi onora scene crudeli di film stupidi. Ma tranquilli: nessun elegante mangiatore di carne umana, vestito di nero di Londra, si avvicinerebbe al fetore di simili...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2002
2002

Titoli di testa (III)

woody di woody

Spesso i titoli di testa sono favolosi e per varie ragioni: l'eleganza (o singolarità) del carattere, i colori sgargianti, la bellezza dello sfondo, l'incisività della musica, l'elaborazione ed efficacia...

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito