Trama

La Seconda guerra mondiale è finita quando un gruppo di prigionieri di guerra tedeschi viene catturato dall'esercito danese. Ancora ragazzi e non ancora uomini, i prigionieri sono costretti a un nuovo tipo di servizio sotto il comando di un brusco sergente danese. Rischiando la vita, scopriranno che il conflitto è tutt'altro che terminato.

Approfondimento

LAND OF MINE: UN INEDITO RESOCONTO DELLA FINE DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE

Scritto e diretto da Martin Zandvliet, Land of Mine porta nei giorni che seguirono la resa della Germania nazista nel maggio del 1945. I soldati tedeschi in Danimarca furono deportati e vennero messi a lavorare per quelli che erano stati i loro prigionieri. Con la minima o nessuna esperienza nel settore, furono inviati a disinnescare più di due milioni delle loro mine dalla costa occidentale danese. Durante l’operazione, più della metà di loro rimasero uccisi o gravemente feriti. Zandvliet fa luce su questa tragedia storica, raccontando una storia che coinvolge l'amore, l'odio, la vendetta e la riconciliazione.

I giovani prigionieri di guerra tedeschi sono confusi, hanno la paura e la sconfitta nei loro occhi. Sprezzante dei tedeschi, per la loro occupazione di cinque anni del suo paese, e con l'intento di punire ciò che resta del regime nazista, il sergente Rasmussen (Roland Møller) fa marciare la sua squadra sulle dune ogni giorno per disinnescare per le mine. Questo compito, apparentemente senza fine, diventa rapidamente una carneficina; e anche in Rasmussen cresce un conflitto di sentimenti nei confronti dei suoi giovani detenuti.

Con la direzione della fotografia di Camilla Hjelm Knudsen, le scenografie di Gitte Malling, i costumi di Stefanie Bieker e le musiche di Sune Martin, Land of Mine parla delle conseguenze della guerra ma ancora di più, di umanità. Zandvliet riesce a far uso di materiale altrettanto convincente per la sua storia di cameratismo, di sopravvivenza e di amicizie inaspettate. Mette in discussione l'esistenza di un male intrinseco che potrebbe esistere in tutti noi. Ma è mai possibile provare simpatia per coloro che hanno rappresentato il terrore nazista?

A spiegare meglio le intenzioni dell'opera, sono le parole dello stesso regista: «La mia intenzione era quella di rivelare un episodio basato su un fatto storico che fa ancora vergognare particolarmente la Danimarca. Molti storici finora hanno evitato l'argomento, comprensibilmente forse. Non volevo assegnare colpe o puntare il dito; mi sembrava interessante fare un film che non guardasse i tedeschi sempre come mostri. È la storia di un camion militare pieno di giovani ragazzi tedeschi, che sono stati sacrificati nel periodo successivo alla seconda guerra mondiale. Tuttavia, in fin dei conti, è davvero solo un film sugli esseri umani. Ti porta in un viaggio che va dall'odio al perdono. La mia intenzione era quella di creare una storia rilevante e lasciare che il pubblico sperimentasse la potenza della paura, la speranza, i sogni, le amicizie e la lotta per la sopravvivenza, attraverso questo gruppo di personaggi.

L'offerta inglese di prigionieri di guerra tedeschi per le operazioni di sminamento mise il governo danese davanti a un dilemma politico. Rifiutare l'offerta sarebbe stata una decisione molto impopolare sia agli occhi del pubblico danese che delle nazioni alleate circostanti. La Danimarca come nazione aveva ancora una brutta reputazione dopo la guerra. E gli inglesi erano gli eroi assoluti - i liberatori della Danimarca. Tuttavia, costringendo i giovani prigionieri di guerra tedeschi a sminare la costa danese, si potrebbe sostenere che la Danimarca abbia commesso un crimine di guerra.

Ho voluto che questo dramma realistico fosse girato in un universo fantastico, idilliaco, contaminato solo da bunker di cemento grezzo e dalle detonazioni quotidiane delle mine. #L'estate, la sabbia, le dune, il clima caldo e l'acqua erano un richiamo costante alla vita idilliaca che c’era una volta, e la vita che sarebbe ancora una volta risorta dalle ceneri.

Insieme alle migliaia di mine, le esplosioni, la morte e il dolore, tutti questi elementi ci portano nel pieno delle conseguenze della guerra.

Io e mia moglie Camilla Hjelm Knudsen, direttore della fotografia, siamo stati pesantemente influenzati dal look dei film degli anni '60. Si trattava di creare il giusto mix di poesia e di tenebre. Il set doveva essere il più bello possibile, per far fronte all'orrore che si stava svolgendo sullo schermo.

La maggior parte del film si svolge di giorno, in contrasto con l’oscurità mostrata attraverso i nostri personaggi. Mi sono ispirato a gente come David e Albert Maysels. Il modo in cui i fratelli Maysels hanno filmato i loro soggetti era così vulnerabile e sensuale che non si poteva non percepire la presenza dei loro personaggi. È una cosa bella e rara, quando ciò accade. E questo accade solo quando si diventa un tutt'uno con gli esseri umani che si sta guardando e si entra totalmente nel sentimento della scena.

L'idea era quella di creare un senso di vita. Non volevo che la telecamera attirasse l’attenzione sui personaggi, ma volevo che fosse lo spettatore ad essere sempre in grado di seguire gli attori. I personaggi mi hanno sempre interessato più della trama.

Siamo stati fortunati ad avere direttori di casting incredibili, che ci hanno aiutato a evitare gli stereotipi in un certo senso. Abbiamo provinato tutti i ragazzi per tutti i ruoli - nessuno sapeva quale ruolo avrebbe avuto e chi fosse stato selezionato per cosa. Ho scelto quelli che ho ritenuto fossero più naturali per i ruoli. Questi ragazzi sono alle prime armi, dilettanti, se così si può dire. La cosa bella è che è possibile modellarli e plasmarli in quello di cui si ha bisogno, incanalare le loro prestazioni in ciò che si sta cercando. Questo è avvenuto anche per il ruolo principale, non a caso è il primo ruolo da protagonista di Roland in un film.

Consuetudine generale tra i registi è che gli attori debbano essere belli, nel senso in cui la bellezza voglia dire non avere difetti. Ma ho sempre pensato che ogni essere umano sia più interessante quanto più sia possibile vedere la sua storia. È utile conoscere le angosce di qualcuno, vedere le sue cicatrici e sentire i suoi demoni. Non volevo soltanto mostrare i lati brutti, ma credo che la bruttezza dica più di ogni altra cosa su chi siamo come esseri umani.

È un film molto umano che esplora non solo la bellezza delle tenebre, ma cerca anche di scoprire chi erano questi ragazzi tedeschi. Condividiamo le loro speranze e preghiamo per la loro sopravvivenza attraverso questo incubo. Dobbiamo credere ancora che possono diventare degli esseri umani, anche se disapproviamo il regime violento di cui facevano parte. #In un certo senso ci poniamo la domanda: “È possibile provare simpatia per le persone che rappresentano il terrore del regime nazista?"

Si dice che un grande dramma dipenda in gran parte dall'entità del cattivo. Per quanto mi riguarda, è l'uomo che li costringe alla morte, è l’uomo il vero referente del film e dell'odio. #Insieme ai ragazzi, seguiamo quindi il loro custode, il sergente Carl. Per Carl, i mostri si trasformano in esseri umani.

Per me, Land of Mine racconta una storia importante e umana. Una storia per lo più sconosciuta alla maggior parte dei danesi. È stata tenuta nascosta. Appositamente dimenticata. Repressa. È un film sulla vendetta e sul perdono. Su un gruppo di ragazzi costretti a fare penitenza per conto di un'intera nazione».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (2) vedi tutti

  • Un manipolo di soldati-bambini utilizzati come cavie per sminare aree costiere dell'appena liberato territorio danese, sancisce un patto di solidarietà tra costoro ed un sergente solo apparentemente disumano e vendicativo.Un film delicato e drammatico sulle sfumature in grado di trasformare la bestia che coltiviamo, ridandole la dignità che merita

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • “È possibile provare simpatia per le persone che rappresentano il terrore del regime nazista?" Martin Zandvliet

    leggi la recensione completa di Infinity94
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

amandagriss di amandagriss
8 stelle

  Il morto che cammina   Camminare vuol dire muoversi; è un gesto spontaneo, un’azione che avviene in automatico. Significa calpestare il suolo, poggiare ripetutamente, uno dopo l’altro, i piedi su una superficie che può essere piana, irta o scoscesa, ruvida o scivolosa. Una strada, un prato, un bosco, una distesa di sabbia, nel deserto come in riva al... leggi tutto

13 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Mulligan71 di Mulligan71
4 stelle

Sgomberiamo subito le min..ops, i dubbi su questo film e dico subito che l'unico elemento d'interesse è che, almeno, fa conoscere un'appendice importante a quel massacro che fu la seconda guerra mondiale: danesi che sfruttano le ultime avanguardie della Wehrmacht, soldati ragazzini, per sminare le loro spiagge. Detto questo, il racconto di questa compagnia di soldati tedeschi, del buon... leggi tutto

1 recensioni negative

Recensione

barabbovich di barabbovich
8 stelle

Nel 1945, immediatamente dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, il territorio danese doveva essere bonificato dall'enorme quantità di mine antiuomo che i tedeschi avevano seppellito sotto la sabbia lungo tutta la costa, prefigurando un attacco alleato da quella parte. Quattordici soldati tedeschi prigionieri, tutti giovanissimi, vennero utilizzati a questo scopo, sotto le direttive...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti

Recensione

GoonieAle di GoonieAle
7 stelle

Che gran bel film. Particolare e spiazzante per il tema. A fine guerra, i perdenti tedeschi devo  riparare i danni fatti dagli adulti. Infatti i protagonisti sono ragazzini che tutto possono sembrare tranne che colpevoli. La guerra è un orrore per entrambi i fronti. Attori bravissimi. Finale liberatorio ma fino ad un certo punto. Meritati gli elogi. 

leggi tutto
Recensione
Disponibile dal 9 gennaio 2017 in Dvd a 12,11€
Acquista
Il meglio del 2016
2016

Recensione

amandagriss di amandagriss
8 stelle

  Il morto che cammina   Camminare vuol dire muoversi; è un gesto spontaneo, un’azione che avviene in automatico. Significa calpestare il suolo, poggiare ripetutamente, uno dopo l’altro, i piedi su una superficie che può essere piana, irta o scoscesa, ruvida o scivolosa. Una strada, un prato, un bosco, una distesa di sabbia, nel deserto come in riva al...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 21 marzo 2016
Il meglio del 2015
2015

Recensione

pazuzu di pazuzu
8 stelle

  Nel corso della seconda guerra mondiale, le coste occidentali della Danimarca occupata furono disseminate di mine antiuomo dalla Germania nazista, come parte integrante di un più ampio sistema di difesa che intendeva prevenire eventuali sbarchi alleati. Nel maggio 1945, immediatamente dopo la fine del conflitto, oltre duemila soldati tedeschi divenuti prigionieri furono...

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito