Trama

Romeo è un medico di quasi cinquant'anni, che si è ormai lasciato dietro le illusioni legate al suo matrimonio, oramai naufragato, e alla sua Romania, frantumata dagli eventi. Per lui, la figlia diciottenne è tutto ciò che conta. Vicina agli esami di maturità, la ragazza sarà mandata a studiare in una prestigiosa scuola in Inghilterra. Alla vigilia dell'esame viene, però, aggredita per strada. Romeo farà di tutto affinché tale evento non disturbi il destino che ha scelto per la figlia.

Approfondimento

UN PADRE, UNA FIGLIA: UN UOMO E I SUOI COMPROMESSI

Scritto e diretto da Cristian Mungiu, Un padre, una figlia racconta la storia di Romeo, medico di una piccola città in Transilvania, che ha fatto di tutto affinché la figlia Eliza venga accettata in un'università inglese. Alla giovane, studentessa diligente, non mancherebbe che una sola formalità da adempiere, presumibilmente senza alcun problemi: prendere il diploma di maturità. Ma Eliza subisce un'aggressione e l'obiettivo inesorabilmente si allontana. Il susseguirsi degli eventi sconvolgerà tutta l'esistenza di Romeo, che rimette in discussioni i principi che ha trasmesso alla sua bambina ricorrendo a promesse e compromessi.

Con la direzione della fotografia di Tudor Vladimir Panduru, le scenografie di Simona Paduretu, i costumi di Brandusa Ioan e la produzione tra gli altri dei fratelli Dardenne, Un padre, una figlia viene così presentato dal regista in occasione della partecipazione del film in Concorso al Festival di Cannes 2016: «Sarebbe stato improbabile che Romeo giungesse ai cinquant'anni senza dover mai scendere a compromessi. Per gran parte della vita, ha seguito ciò che gli hanno impartito i genitori o i professori ma doveva accadere qualcosa affinché maturasse l'idea che il compromesso fa parte della vita. Una volta accettato il primo compromesso, per lui sarà più facile accettare il secondo e poi il terzo e capire che esistono diversi tipi di bugie, diversi tipi di compromessi e diversi tipi di situazioni.

Se il mondo avesse rispettato la giustizia e si fosse comportato onestamente, anche Romeo probabilmente non sarebbe mai sceso a compromessi. Purtroppo, la vita non è né buona né giusta e non si può passare per pazzi, per sciocchi o per falliti. Nella vita, ci si deve adattare a situazioni destabilizzanti e preoccuparsi solo sul momento di cosa è corretto e cosa no, di fino a che punto ci si può spingere e dei limiti che si hanno, oltre i quali non si può andare. Accettato il primo compromesso, non può più ritornare indietro o ricominciare da capo: deve proseguire sulla stessa strada, buona o cattiva che sia. Il perché è semplice: si crea una forte complicità tra chi scende al compromesso e chi ha assistito alle sue azioni, formando una fitta rete di relazioni, accordi, solidarietà e senso di colpa. Una tela che si continuerà a espandere.

Il giorno in cui si diventa genitori ci si inizia a porre mille domande: cosa si dovrebbe tramandare ai figli? Come ci si prepara? Da genitori, si desidera solo il meglio per i figli. Ma cos'è il meglio? Il mondo in cui si è cresciuti o quello in cui vorremmo che crescessero? Il mondo reale o uno ideale? Si deve insegnare loro a rispettare gli altri, a lottare per i propri valori e che il fine non giustifica i mezzi? Modi di pensare e di agire comuni si stanno diffondendo oggi al punto di definire i confini etici della nostra società. Viviamo a contatto con corruzione, bugie e imbrogli, ma nonostante la loro insopportabilità non li denunciamo, non ci opponiamo. Del resto, cosa potrebbe fare la voce di dissenso di un singolo contro un mondo intero a cui va bene lo status quo? Potrebbero forse i nostri figli combattere le nostre battaglie quando emergono i problemi? Ma se vogliamo che siano felici come possiamo chiedere loro sacrifici e sforzi?

Un padre, una figlia fotografa quel particolare momento della vita in cui ci si rende conto di aver superato la metà della propria esistenza, quando ciò che si è diventati è ben diverso da quello che si immaginava da giovani. Eppure, è anche il momento in cui si sente che c'è ancora qualche cosa da poter fare attraverso i figli, qualcosa che potrebbe dare un significato a tutte le difficoltà affrontate: salvaguardare i figli, educarli bene e a far loro fare scelte migliori delle proprie. Tuttavia, non è così semplice... Un padre, una figlia è una storia sui compromessi e principi, sulle decisioni e scelte, sull'individualismo e solidarietà, ma anche sull'educazione, sulla famiglia e sull'invecchiamento. È la storia di un genitore che si chiede cosa è meglio per sua figlia, se ella è pronta a diventare una sopravvissuta in un mondo reale o se debba lottare per essere onesta e cambiare il mondo più che può. Romeo è il simbolo di quella fase della vita in cui ci si sente mancare il terreno sotto i piedi. Non è più giovane ma non è neanche vecchio. Il suo matrimonio è in crisi, sua madre è vecchia e malata e sua figlia è pronta a partire per vivere la sua vita. Si chiede anche cosa ne sarà nei giorni a venire di lui e cosa farà ma non ha risposte. Sente su di lui solo il peso dell'ansia e la pressione generata dalla routine quotidiana. La storia di Romeo è anche la storia di una società, delle sue istituzioni e del rapporto tra compromesso, corruzione, istruzione e povertà».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (8) vedi tutti

  • Continuano le analisi sulla Romania di Mungiu,in stile neorealista.Assolutamente imperdibile.

    commento di ezio
  • Le Variazioni Goldberg delle molteplici ramificazioni del compromesso compongono la struttura drammaturgica di storie ad incastro in cui la programmata intempestività dei fatti è l'artificioso pretesto di uno scontro etico sospeso tra necessità pubbliche e doveri privati: una cascata di eventi attesi che chiama ciascuno alle proprie responsabilità.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • Anche questa volta Mungiu ambienta il suo film in una grigia Romania che ha perso le speranze, ma in realtà si rivolge a tutti noi, con domande senza risposta e senza giudicare. Bel tema, bel film.

    leggi la recensione completa di cherubino
  • "Niente da nascondere"; nella complicazione degli aiuti non legali, si fa quel che si può per i propri figli, in un sistema sconquassato da nostalgie di ripiego a causa di desideri infranti. Gran bel film, che legge il quotidiano interpersonale su uno sfondo sociale e storico di una Romania disidentificata.

    commento di logos
  • Ancora una volta Cristian Mungiu non delude. Il titolo indica la forte preoccupazione che prova un padre verso il futuro della figlia, consapevole delle difficoltà nella Romania odierna ancora memore dei nefasti lasciti del regime di Ceausescu. Nulla è scontato, anzi il tutto lascia inebetiti. E non ci saranno risposte a tutti i risvolti.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Benvenuti in Romania:un affresco disarmante, che suscita indignazione per il grado di corruzione e clientelismo che pervade tutti gli ambienti ritratti in presa diretta dal nuovo Loach romeno. Manca però l'ironia e i risvolti della vicenda principale non sono portati a compimento. Film duro che lascia un senso di impotenza.

    commento di almodovariana
  • Non è il più nitido dei film di Mungiu, pur confermandone il calibro di autore di primo piano. Impegno e serietà immutati, ma un eccesso di scrittura e di premeditazione ne fanno un apologo piuttosto inerte.

    commento di Utente rimosso (Cantagallo)
  • Uno stimato medico cerca di procurare alla figli, vittima di un'aggressione nei giorni che precedono la maturità, le risposte per la prova d'esame, alleviandola da una ulteriore emozione. Ne esce fuori il ritratto tutto ombre di una società dell'inganno e della sopraffazione, su tutti i fronti. Gran film, potente regia

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Romeo, medico rumeno di mezz'età in rotta con la moglie, ha riposto tutte le sue aspettative nel futuro della figlia, in procinto di diplomarsi e di partire per Cambrigde grazie a una prestigiosa borsa di studio. Quando la ragazza rimane vittima di un tentativo di violenza sessuale, l'uomo non esiterà a ricorrere a tutte le sue conoscenze pur di fare arrestare il colpevole e... leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

cherubino di cherubino
9 stelle

    UN PADRE, UNA FIGLIA (2016) ♣   È possibile essere sempre onesti eppure continuare a vivere? Forse se si è soli, ma quando si vuole anche il bene di altri, in particolare dei propri figli? Ma è possibile capire se si opera davvero per il loro bene?  Siamo umani, accontentiamoci di fare del nostro meglio e speriamo di sbagliare... leggi tutto

8 recensioni positive

Il meglio del 2017
2017

Recensione

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Romeo, medico rumeno di mezz'età in rotta con la moglie, ha riposto tutte le sue aspettative nel futuro della figlia, in procinto di diplomarsi e di partire per Cambrigde grazie a una prestigiosa borsa di studio. Quando la ragazza rimane vittima di un tentativo di violenza sessuale, l'uomo non esiterà a ricorrere a tutte le sue conoscenze pur di fare arrestare il colpevole e...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

cherubino di cherubino
9 stelle

    UN PADRE, UNA FIGLIA (2016) ♣   È possibile essere sempre onesti eppure continuare a vivere? Forse se si è soli, ma quando si vuole anche il bene di altri, in particolare dei propri figli? Ma è possibile capire se si opera davvero per il loro bene?  Siamo umani, accontentiamoci di fare del nostro meglio e speriamo di sbagliare...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 29 agosto 2016
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito