Questo sito contribuisce alla audience di
Espandi menu

Trama

Nel XVII secolo, padre Rodrigues e padre Garupe, due preti gesuiti, affrontano violenze e persecuzioni quando, recatisi nel Giappone sotto lo shogunato Tokugawa, tentano di ritrovare il loro mentore e di diffondere il vangelo. Con un governo che desidera eliminare dal Giappone ogni influenza occidentale, i due preti si separano costringendo Rodrigues a dirigersi verso le campagne e a chiedersi perché il suo Dio rimanga in silenzio mentre i suoi figli soffrono.

Approfondimento

SILENCE: IL SILENZIO DI DIO

Diretto da Martin Scorsese e sceneggiato dallo stesso con Jay Cocks, Silence racconta la storia di due missionari portoghesi che nel XVII secolo intraprendono un pericoloso viaggio in Giappone per cercare il loro mentore scomparso e diffondere il vangelo cristiano. Tutto prende avvio quando padre Sebastian Rodrigues e padre Francisco Garupe, i due giovani missionari, decidono di mettersi sulle tracce di padre Christavao Ferreira di cui non si hanno più notizie. Padre Ferreira era infatti partito per il Giappone per diffondere il Cristianesimo in un Paese che, a seguito delle volontà dei feudatari e dei samurai, aveva deciso di perseguitare coloro che praticavano la religione. I cristiani in Giappone, che continuavano a coltivare la loro fede di nascosto, venivano di conseguenza perseguitati e torturati fino al punto di essere costretti a rinunciare alla loro fede o ad affrontare una morte prolungata e dolorosa.

Con la direzione della fotografia di Rodrigo Prieto, le scenografie e i costumi di Dante Ferretti e le musiche di Kathryn e Kim Allen Kluge, Silence si basa su un pluripremiato romanzo di Shûsaku Endô in cui si esamina la questione spirituale e religiosa del silenzio di Dio di fronte alla sofferenza umana. La lunga trasposizione del romanzo ha avuto inizio nel 1988 quando, durante una proiezione speciale per i leader religiosi di New York di L'ultima tentazione di Cristo, Martin Scorsese ha fatto la conoscenza dell'arcivescovo Paul Moore e questi gli ha regalato una copia del romanzo di Endô, Silenzio. Pubblicato in Giappone nel 1966, dove era stato molto apprezzato, Silenzio conteneva un'analisi intensa, completa e rigorosa, di ciò che era avvenuto ai Cristiani che nel Seicento provavano a evangelizzare il Giappone. Il libro ha subito colpito Scorsese, che varie volte ha dichiarato come il soggetto del romanzo con le sue questioni religiose sembrasse parlargli direttamente e fosse a lui indirizzato: "La materia presentata da Endô nel suo libro è qualcosa che ha fatto parte della mia vita da quando ero bambino. Sono cresciuto in una famiglia fortemente cattolica e sono stato molto coinvolto nelle questioni di Chiesa. Sin da bambino, si sono insediate in me questioni inerenti alla spiritualità e alla fede e Silenzio tocca in maniera diretta quelle stesse argomentazioni a cui non ho mai smesso di pensare. Il mio Silence, riprendendo le fila del romanzo, racconta la storia di un uomo, padre Rodrigues, che impara in maniera dolorosa che l'amore di Dio agisce in maniera ancora più misteriosa di quella che conosce ed è sempre presente, anche nel suo silenzio, in modi che gli uomini non sempre vedono", ha sottolineato il regista.

Leggi tuttoLeggi meno

Curiosità

IL ROMANZO DI SHUSAKU ENDO

Silenzio, il romanzo di Shûsaku Endô, è ambientato nel Giappone del Seicento nella cosiddetta era 'Kakase Kirishitan' (dei Cristiani nascosti) e sin dalla sua pubblicazione è considerato come uno dei migliori romanzi del XX secolo. Pubblicato nel 1966, ha ricevuto il prestigioso premio Tanazaki e ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. Il romanzo trae spunto da uno scandalo storico legato alla Chiesa che aveva avuto eco in tutto il mondo: la defezione di padre Christovao Ferreira, un gesuita portoghese che ha rinunciato alla religione cattolica, è divenuto uno studioso buddista e ha sposato una donna giapponese.

I Gesuiti, i membri della Compagnia di Gesù, costituiscono ancora oggi il più grande ordine religioso di sacerdoti e fratelli della Chiesa cattolica. Storicamente impegnati nell'evangelizzazione dei popoli e nel ministero apostolico, i Gesuiti si sono da sempre impegnati a fare opere buone in materia di istruzione (hanno fondato scuole e università), ricerca intellettuale, attività culturali, diritti umani e giustizia sociale. Fondato nel 1530 da Ignazio di Loyola, l'ordine si basa sui voti di castità, povertà e obbedienza al Papa.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

Regista di Silence è Martin Scorsese, uno dei maggiori e più importanti registi della storia del cinema. Autore di pellicole che hanno spesso come tema centrale la violenza, la colpa, il peccato, la religione, i conflitti tra gang e l'identità siculo-americana, Scorsese, i cui nonni erano originari di Polizzi... Vedi tutto

Commenti (4) vedi tutti

  • Lento, ripetitivo ma visivamente potente, questo film non comunica molto al di là della vicenda delle persecuzioni dei cristiani in Giappone. Al di là del messaggio contro ogni fanatismo, la vicenda non ha un messaggio contemporaneo, è la mera trasposizione del romanzo.In ogni caso la durata è eccessiva mentre l'ultima mezzora è la più pregnante.

    leggi la recensione completa di almodovariana
  • Silente e intensa preghiera, si configura così questo magnifico e potente film del maestro Scorsese.Regala i mezzi affinché il pensiero dello spettatore vada nei meandri del ragionamento metafisico accompagnato dalle immagini e dalle parole, pesate con giusta misura, della pellicola. Tante importanti domande le quali rimanda laRiposteAlloSpettatore

    leggi la recensione completa di Galagan91
  • Come si pratica la fede? Cosa vuole (qualunque) Dio per le sue creature? Martin Scorsese scolpisce un’opera che parla direttamente all’uomo, e dell’uomo, di ogni epoca. Fermatevi un attimo, toglietevi le vostre vesti (simboliche) e riflettete. E se amate l’arte, godetene tutti.

    leggi la recensione completa di supadany
  • Le sfaccettature di una passione....la potenza salvifica del martirio....Silence si rivela un film profondissimo, intimo e personale quanto mai prima in Scorsese, in grado di sondare i limiti umani della fede, lungo un viaggio che rappresenta una variazione mistica dell'esperienza umana di Cuore di tenebra.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
9 stelle

Il silenzio inquietante di un Dio che pare, con questo suo atteggiamento di inerzia, compiacersi della sofferenza derivante dal martirio scelto da chi decide di non sconfessarlo. Attorno al 1640 due giovani padri gesuiti, Rodrigues e Guarupe, profondamente in ansia, oltre che in panico mistico per non avere più notizie del proprio padre ispiratore Ferreira - che si vocifera abbia... leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Cantagallo di Cantagallo
6 stelle

Ma sì, per un volta proviamo ad andare dritto al punto mettendo in conto il probabile scontro frontale: "Silence", l'ultima fatica del grande maestro Martin Scorsese, è un capolavoro? E' il film che potevamo attenderci sapendo che sono ben 30 anni che un regista di tale calibro medita di realizzarlo? E' superiore, o almeno gravita nell'ordine di grandezza di un "Mission", tanto... leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

      L'immagine finale. Una postilla enfatica, innecessaria (o forse, probabilmente sì …), fallace, ad effetto. Si trasecola, accerchiati e muti, fedeli, di fronte al religioso Silenzio che Martin Scorsese impone come unità di misura della sua visione/missione. Invero, una sequenza che, mentre la mdp s'addentra sull'oggetto portatore della Rivelazione... leggi tutto

1 recensioni negative

Recensione

almodovariana di almodovariana
5 stelle

Lento, ripetitivo ma visivamente potente, questo film non comunica molto al di là della vicenda delle persecuzioni dei cristiani in Giappone. Al di là del messaggio contro ogni fanatismo, la vicenda non ha un messaggio contemporaneo, è la mera trasposizione del romanzo.In ogni caso la durata è eccessiva mentre l'ultima mezzora è la più pregnante....

leggi tutto
Recensione

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

      L'immagine finale. Una postilla enfatica, innecessaria (o forse, probabilmente sì …), fallace, ad effetto. Si trasecola, accerchiati e muti, fedeli, di fronte al religioso Silenzio che Martin Scorsese impone come unità di misura della sua visione/missione. Invero, una sequenza che, mentre la mdp s'addentra sull'oggetto portatore della Rivelazione...

leggi tutto

Recensione

Cantagallo di Cantagallo
6 stelle

Ma sì, per un volta proviamo ad andare dritto al punto mettendo in conto il probabile scontro frontale: "Silence", l'ultima fatica del grande maestro Martin Scorsese, è un capolavoro? E' il film che potevamo attenderci sapendo che sono ben 30 anni che un regista di tale calibro medita di realizzarlo? E' superiore, o almeno gravita nell'ordine di grandezza di un "Mission", tanto...

leggi tutto

Recensione

Haloahaloa di Haloahaloa
9 stelle

Un film intenso e che fa riflettere, da cui emergono i temi della verità, ma soprattutto del dubbio. Il dubbio di non essere nel luogo adatto per la propria missione, il dubbio di condannare la vita di persone povere e innocenti, il dubbio di fare la cosa giusta, il dubbio che forse non esiste né una cosa giusta né una sbagliata. Lo spettatore si ritrova in un primo...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

halloran di halloran
10 stelle

SILENCE di Martin Scorsese Un film 'assoluto', difficile, profondo, immersivo, scomodo -che può piacere o non piacere - ma..che assai difficilmente lascerà indifferenti; più tempo passa dalla visione e più rimane ancorato dentro, nella mente, nel profondo..nell'anima. Si tratta dell'opera più fortemente autoriale di Martin Scorsese, il più austero e...

leggi tutto

Recensione

Texano98 di Texano98
7 stelle

Di Martin Scorsese ho sempre adorato quella consuetudine a tracciare minuscole sbavature, piccole falle fra uno stacco e l'altro capaci di rendere ancora più vivo il suo cinema. Scorsese, che è uno dei registi che porto nel cuore, è se vogliamo l'uomo-cinema per eccellenza,capace tramite la settima arte di unire magistralmente fotografia, musica, drammaturgia,...

leggi tutto

Recensione

Galagan91 di Galagan91
9 stelle

  Possiamo solamente lasciarci trasportare dal vortice mistico che pervade l'opera,le immagini e fa a meno di una poderosa colonna sonora per lasciar spazio al "silenzio". Perchè questo sofferente e prolungato silenzio da parte del Padre degli uomini?  E' qui che si diramano le domande dello spettatore, dal più credente al più ateo. Il film si apre con una...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

ange88 di ange88
8 stelle

XVII secolo.Due preti gesuiti portoghesi, Sebastião Rodrigues(Andrew Garfield) e Francisco Garrpe(Adam Driver) partono come missionari per il giappone e alla stesso tempo alla ricerca del loro mentore,padre Cristóvão Ferreira(Liam Neeson) vittima delle persecuzione che da anni flagellano i cristiani in giappone. Tratto dal romanzo Silenzio di Shusaku Endo.   ...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

Eric Draven di Eric Draven
8 stelle

  Urge il dolore mor(t)ale nella purificazione delle anime ansimanti per la sal(i)vazione     In quanti sosterranno questo kolossal dalla fotografia nebbiosa, “acquitrinante”, urlante, spettacolarmente vibrante, sanguigna e passionale, e non si addormenteranno? Fioccano già le critiche superficiali, e gente di poco (s)conto lo disprezza, avvisando i...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Sono trascorsi tre anni dalla frenesia bulimica che caratterizzava The wolf of Wall street e Martin Scorsese torna con un progetto sentito, così (apparentemente) fuori tempo eppure tremendamente, e da sempre, attuale. Rispetto al lavoro precedente, Silence è un film divergente nella forma e anche nei contenuti, ma i due insiemi trovano comunque un bacino comune, almeno...

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
9 stelle

Il silenzio inquietante di un Dio che pare, con questo suo atteggiamento di inerzia, compiacersi della sofferenza derivante dal martirio scelto da chi decide di non sconfessarlo. Attorno al 1640 due giovani padri gesuiti, Rodrigues e Guarupe, profondamente in ansia, oltre che in panico mistico per non avere più notizie del proprio padre ispiratore Ferreira - che si vocifera abbia...

leggi tutto

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Messa della bellezza e della sofferenza.   Il sacerdote Rodriguez non fa fatica a confessare tra sé e sé, nella lettera che forse non riuscirà ad arrivare a destinazione (o forse direttamente nel suo dialogo con Dio), che in tutto quel Male che lo circonda c'è un'incredibile bellezza. E il traduttore giapponese non fa fatica a dire, nella sua opera di...

leggi tutto
Recensione
Utile per 22 utenti

Uscito nelle sale italiane il 9 gennaio 2017

Il meglio del 2016

2016

In sala nel 2017

cinefox di cinefox

L'anno che verrà! Come di consueto propongo una lista di film interessanti in uscita nell'anno nuovo... quanti di questi valgono l'attesa o quantomeno il prezzo del biglietto?

leggi tutto

Il meglio del 2015

2015

Il meglio del 2014

2014

I nostri top user

Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user

Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire

Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito