Questo sito contribuisce alla audience di
Espandi menu

Trama

Ben, libero pensatore e padre di sei figli, cresce i suoi ragazzi tra i boschi dello stato di Washington. Una mattina, un'emergenza familiare li costringe a lasciare in auto il piccolo paradiso in cui vivono per imbarcarsi in un viaggio attraverso il paese, durante il quale Ben realizzerà che le sue poco convenzionali idee sul modo di crescere i figli mal si adattano al mondo reale.

Approfondimento

CAPTAIN FANTASTIC: UNA VITA NON COMUNE

Scritto e diretto da Matt Ross, Captain Fantastic racconta la storia di una famiglia poco convenzionale che lascia la sua casa in mezzo alla natura per cercare di adattarsi al mondo al di fuori delle foreste del Pacifico nord-occidentale. Ben Cash e la moglie Leslie fanno creato per la loro famiglia un piccolo paradiso, un composti artigianale autosufficiente in cui l'uomo insegna ai sei figli le competenze necessarie per sopravvivere nella fitta foresta, impartendo loro anche una rigorosa educazione fisica e intellettuale. Quando però una tragedia costringe i Cash a lasciare il loro piccolo universo e a relazionarsi con il mondo esterno, le idee di Ben su ciò che vuol dire essere un genitore vengono messe a dura prova, obbligandolo a confrontarsi con il prezzo che i figli stanno pagando per il suo sogno.

Con la direzione della fotografia di Stéphane Fontaine, le scenografie di Russell Barnes, i costumi di Courtney Hoffman e le musiche originali di Alex Somers, Captain Fantastic è un dramma che si interroga sulle scelte che i genitori fanno per i loro figli. Ben, il protagonista, è un patriarca fieramente indipendente che tenta di tenere la sua prole lontana dall'influenza della moderna cultura consumista, creando una piccola comunità familiare in cui vigono valori come l'educazione, l'impegno e la cultura "filosofica". Rinunciando a qualsiasi ambizione personale, Ben ha dedicato la sua vita a divenire il miglior padre del mondo, facendo scelte - molto più estreme di quelle la maggior parte dei genitori non prenderebbero mai in considerazione - che ben presto mineranno ogni sua più ferrea convinzione. Captain Fantastic è liberamente ispirato all'esperienza vissuta dallo stesso Matt Ross, la cui madre era fortemente interessata a vivere "situazioni alternative". Da piccolo, Ross è cresciuto in varie comuni tra il nord della California e l'Oregon, lontano da ogni lusso e moderna tecnologia.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Protagonista di Captain Fantastic è l'attore Viggo Mortensen nei panni di Ben Cash. Ben ha voluto per la sua famiglia uno stile di vita quasi folle per i tempi moderni: senza telefoni cellulari o computer, i Cash vivono nella foresta e si nutrono dei frutti della terra. Con il desiderio di crescere i suoi sei piccoli in un ambiente organico, ha fatto della sopravvivenza e dell'educazione le sue ragioni di padre, insegnando ai figli non solo come muoversi nella natura ma anche tutto ciò che concerne la filosofia, la scienza, il sesso o la morte. L'idilliaca esperienza però viene tragicamente interrotta quando Leslie, moglie di Ben e madre dei suoi figli interpretata da Trin Miller, muore lontano da casa e i Cash sono costretti a lasciare il loro piccolo angolo di paradiso per prendere parte ai funerali, dando inizio a un viaggio on the road verso il New Mexico, dove vivono i genitori della compianta Leslie. Il viaggio segna dunque l'entrata in conflitto tra il modo in cui i Cash vivono e quello a cui tutto il mondo è ormai abituato. Come fa notare Bo, il più grande dei figli, al padre, sebbene anche il più piccolo della famiglia sia in grado di disquisire in modo intelligente su Noam Chomsky o sulla Costituzione, nessuno sa molto di come vivono le persone al di fuori del loro nucleo.

I sei giovani attori che interpretano i figli di Ben, di età compresa tra i 7 e i 18 anni, sono stati reclutati dopo un lungo casting in Gran Bretagna, Australia, Stati Uniti, Canada e Nuova Zelanda. Bo, il figlio maggiore diciottenne, ha il volto dell'attore britannico George McKay: raggiunto un punto della sua vita in cui vorrebbe spiccare il volo dal nido familiare, Bo è colui che - nonostante le abilità fisiche e intellettuali - si accorge prima di tutti dei difetti sociali che gravano sui Cash, affrontando di conseguenza una crisi di identità. Dopo Bo, troviamo le sorelle gemelle quindicenni Vespyr e Kielyr, portate in scena da Annalise Basso e Samantha Isler: come il fratello, anche loro sono in grado di provvedere a loro stesse e alla famiglia in assenza della madre. Il fratellino dodicenne Rellian è supportato dall'attore australiano Nicholas Hamilton: ribelle della famiglia, Rellian mette continuamente in discussione le scelte fatte dal padre e vorrebbe una vita più convenzionale. I due figli più piccoli, Zaja (con una passione quasi morbosa per la morte) e Nai (una sorta di "nudista"), sono impersonati da Shree Crooks e Charlie Shotwell.

Una volta lasciata la casa nella foresta, Ben si ritrova ad affrontare le seduzioni del mondo contemporaneo, dai fast food alla tecnologia elettronica. Cercando di proteggere i figli dalle tentazioni che esulano dai suoi principi, incontra l'opposizione dei suoceri Jack e Abigail, così come quella di sua sorella Harper e del cognato Dave. Mentre i suoceri, che considerano Ben il responsabile della morte di Leslie, sono giocati da Frank Langella e Abigail Spencer, Harper e Dave sono interpretati da Kathryn Hahn e Steve Zahn.

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (11) vedi tutti

  • Bizzarra e stravagante questa famigliola che vive nei boschi, condotta dal padre somigliante più a un ''capitano'' dei marines che al classico buon genitore inconografico del mulino bianco mentre i figli ricordano i bambini sperduti nell'isola che non c'è. Questo è ciò che appare almeno all'inizio.....

    leggi la recensione completa di Galagan91
  • Bizzarra e stravagante questa famigliola che vive nei boschi, condotta dal padre somigliante più a un ''capitano'' dei marines che al classico buon genitore inconografico del mulino bianco mentre i figli ricordano i bambini sperduti nell'isola che non c'è. Questo è ciò che appare almeno all'inizio.....

    leggi la recensione completa di Galagan91
  • Bizzarra e stravagante questa famigliola che vive nei boschi, condotta dal padre somigliante più a un ''capitano'' dei marines che al classico buon genitore inconografico del mulino bianco mentre i figli ricordano i bambini sperduti nell'isola che non c'è. Questo è ciò che appare almeno all'inizio.....

    leggi la recensione completa di Galagan91
  • Una famiglia da una parte utopistica, dall'altra immorale

    leggi la recensione completa di lino99
  • La retorica made in Sundance raggiunge vette mai esplorate prima. Peccato perchè l'idea alla base del film era ottima

    commento di BreakingNico22
  • Un film manifesto antisistema

    leggi la recensione completa di siro17
  • Piacevolissima sorpresa, anche se per me la catalogazione nel genere drammatico mi sembra una forzatura. La filosofia educativa"hippy" del padre alla fine...si ritrova sconfitta dalla attuale modello sociale...forse il lieto fine è a abbastanza ruffiano ma il film rimane godibilissimo

    commento di ripley2001
  • il film offre buoni spunti di discussione, non ultima quella sul lungo finale di matrice onirica (i figli non tornano più sul bus: il protagonista in realtà rimane da solo), che però risulta un po' paracula...ma sarebbe la visione di chi? del padre improvvisamente ravveduto o dello spettatore che anelerebbe il favolistico lieto fine?

    commento di giovenosta
  • Film molto scorrevole, simpatico, interessante. Mi e' piaciuto molto.

    commento di idontcare
  • Sono certo che Captain Fantastic avrà un grande successo di pubblico e di critica ma a mio parere non va oltre una diligente messa in scena di un'esperienza rousseauiana del persistente mito americano della purezza - Thoreau e la wilderness tante volte evocate nel cinema (In Into the Wild). Viggo Mortensen regge il film, tutto sommato piacevole.

    commento di Marcello del Campo
  • Penso,che.sara.un.bel.film..da.non.perdere

    commento di SPIDERMAN63
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

        Interessante («è una non parola»). L'idea. (L'esser, realmente, in concreto, antisistema, anticapitalismo, anticasta, antiistituzioni, nel bel mezzo di una foresta di principi rivoluzionari applicati, fuori dal mondo, fuori dalla giungla urbana di bieche tentazioni consumistiche). Che piace a tutti, che tutti vorrebbero idealmente mettere in... leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

LoSqualoSiciliano di LoSqualoSiciliano
10 stelle

Captain Fantastic , pellicola drammatica del 2016 presentata al Sundance Film Festival e al Festival di Cannes 2016  nella selezione Un Certain Regard per il miglior regista  ,  regista che  è Matt Ross che viene da una carriera da buon attore e che all'attivo i suoi lavori sono soltanto due cortometraggi ed un film del 2012 "28 Hotel Rooms" a me sconosciuto quindi... leggi tutto

14 recensioni positive

Recensione

Galagan91 di Galagan91
8 stelle

  Bizzarra e stravagante questa famigliola che vive nei boschi, condotta dal padre somigliante più a un ''capitano'' dei marines che al classico buon genitore inconografico del mulino bianco mentre i figli ricordano i bambini sperduti nell'isola che non c'è. Questo è ciò che appare almeno all'inizio ma successivamente conosceremo meglio i nostri...

leggi tutto
Recensione

Recensione

Galagan91 di Galagan91
8 stelle

  Bizzarra e stravagante questa famigliola che vive nei boschi, condotta dal padre somigliante più a un ''capitano'' dei marines che al classico buon genitore inconografico del mulino bianco mentre i figli ricordano i bambini sperduti nell'isola che non c'è. Questo è ciò che appare almeno all'inizio ma successivamente conosceremo meglio i nostri...

leggi tutto
Recensione

Recensione

Galagan91 di Galagan91
8 stelle

  Bizzarra e stravagante questa famigliola che vive nei boschi, condotta dal padre somigliante più a un ''capitano'' dei marines che al classico buon genitore inconografico del mulino bianco mentre i figli ricordano i bambini sperduti nell'isola che non c'è. Questo è ciò che appare almeno all'inizio ma successivamente conosceremo meglio i nostri...

leggi tutto
Recensione

Il meglio del 2016

2016

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

        Interessante («è una non parola»). L'idea. (L'esser, realmente, in concreto, antisistema, anticapitalismo, anticasta, antiistituzioni, nel bel mezzo di una foresta di principi rivoluzionari applicati, fuori dal mondo, fuori dalla giungla urbana di bieche tentazioni consumistiche). Che piace a tutti, che tutti vorrebbero idealmente mettere in...

leggi tutto

Uscito nelle sale italiane il 5 dicembre 2016

Il meglio del 2015

2015

Il meglio del 2013

2013

I nostri top user

Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user

Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire

Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito