La mia vita da Zucchina

  • Ma vie de courgette

  • Svizzera
  • Genere: Animazione
  • durata 66'
play

Regia di Claude Barras

Vedi cast completo

altre VISIONI

Trama

Zucchina è il soprannome intrigante di un bambino di dieci anni la cui storia unica è sorprendentemente universale. Dopo la morte improvvisa della madre, Zucchina stringe infatti amicizia con una specie di agente di polizia di nome Raymond e da lui viene accompagnato in un nuova casa adottiva piena di altri orfani della sua età. In un primo momento, Zucchina fatica ad adattarsi al nuovo ambiente, strano e a volte ostile, ma imparerà presto a fidarsi e a ritrovare l'amore che solo una famiglia può dare.

Approfondimento

LA MIA VITA DA ZUCCHINA: LA DURA ESPERIENZA DEI BIMBI MALTRATTATI

Diretto da Claude Barras e sceneggiato da Céline Sciamma, La mia vita da Zucchina si basa sul romanzo Autobiographie d'une courgette di Gilles Paris, pubblicato nel 2002. La storia ha al centro Icaro, un bambino di nove anni rimasto orfano dopo la morte della madre soprannominato Zucchina. Da solo, Zucchina stringe amicizia con una specie di poliziotto, Raymond, che lo accompagna in una nuova casa per l'adozione piena di piccoli orfani suoi coetanei. In un primo momento, Zucchina fatica ad adattarsi allo strano posto ma, con l'aiuto di Raymond e dei suoi nuovi amici, imparerà a fidarsi, a ritrovare fiducia nell'amore e una nuova propria famiglia.

Con la direzione della fotografia di Kim Keukeleire e le musiche originali di Sophie Hunger, La mia vita da zucchina è un lungometraggio d'animazione in stop-motion. Ogni pupazzo, realizzato con un mix di materiali differenti ed è alto all'incirca 25 centimetri.

A spiegare meglio il progetto sono le parole dello stesso Barras, in occasione della presentazione del film alla Quinzaine des Réalisateurs 2016: «Mi sono innamorato del libro di Gilles Paris, una storia di formazione tenera e poetica. La vicenda e il suo tono mi hanno riportato all'infanzia e ricordato le mie emozioni come spettatore di fronte a film come I quattrocento colpi o serie e cartoni come Dolce Remì, Belle e Sebastien, Heidi, e anche Bambi. Con un adattamento cinematografico delle avventure di Zucchina, ho voluto in qualche modo condividere le magnifiche e formative emozioni che hanno nutrito e plasmato la mie esperienza. Tuttavia, questo film è soprattutto un omaggio a tutti quei bambini trascurati e maltrattati che fanno del loro meglio per sopravvivere alle loro ferite. Zucchina, il protagonista, ha vissuto momenti molto difficili e, dopo aver perso la mamma, crede di essere solo al mondo, almeno fino a quando non va incontro a una nuova vita nel centro per l'adozione, dove incontra un gruppo di amici su cui poter contare e grazie a cui potere essere nuovamente un giorno felice. Zucchina ha ancora molto da imparare sulla vita: è questo il messaggio, semplice ma al tempo stesso profondo, che voglio trasmettere ai nostri bambini.

Ho voluto adattare il libro di Paris perché volevo realizzare un film che parlasse ai bambini dei maltrattamenti subiti dai loro coetanei e dei rimedi che questi adottano contro gli abusi. Ne ho fatto un film divertente ma in grado di fare ridere e piangere contemporaneamente, concentrandomi sulla resistenza di un gruppo di amici in cui imperanti sono i concetti di empatia, cameratismo, condivisione e tolleranza. Nel cinema contemporaneo, gli orfanotrofi sono raffigurati quasi sempre come il luogo degli abusi e il mondo esterno come quello della libertà: in La mia vita da Zucchina, invece, ho invertito le cose. Gli abusi vengono dal mondo esterno e l'orfanotrofio è il posto in cui i bambini possono trovare pace e ricostruire i loro animi danneggiati. Dopo aver trascorso del tempo in un centro per l'affido, ho capito quanto fosse importante trattare il tema dell'adozione con delicatezza: il centro è il luogo fisico in cui i bambini, privi di affetto, imparano a relazionarsi con il mondo degli adulti.

Poiché il lavoro di Paris è indirizzato soprattutto ai giovani adulti e ai genitori con le sue descrizioni esplicite delle violenze subite dai bambini, ho avuto la necessità di riadattare la storia per farla conoscere a un pubblico molto più giovane. E a tal fine grande aiuto è venuto da Céline Sciamma, che ha provveduto a scrivere una sceneggiatura in equilibrio tra umorismo, emozione, avventura e realismo sociale. Céline ha lavorato molto sui personaggi, evocando sottilmente il loro tragico passato da esorcizzare grazie alle amicizie che si formano nel centro».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (1) vedi tutti

  • La storia tenera di un orfano dal cuore d'oro che riesce a farsi amare grazie alla sua disarmante propensione alla tolleranza e alla capacità di superare i conflitti apparentemente più insanabili.Una storia di adattamento alla vita che parte fitta di ostacoli.La famiglia, anche sui generis o allargata come elemento salvifico indispensabile.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
7 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2016 - QUINZAINE DES REALISATEUR Dalla Svizzera il cartoon che farà intenerire l'intero Festival. Con la valida, brillante e cpmmovente sceneggiatura della valida cineasta Celine Sciamma, esperta nel raccontarci storie di borgata ed emarginazione tra giovani, il film d'animazione, girato secondo i parametri dello stop motion simile a certi fortunati prodotti usciti... leggi tutto

2 recensioni positive

Disponibile dal 20 aprile 2017 in Dvd a 12,99€
Acquista

Recensione

mc 5 di mc 5
10 stelle

Intuivo da alcini fotogrammi intercettati qua e la' che il film che mi aspettava era interessante e godibile ma mai avrei immaginato un simile gioiello. Pellicola di rara (forse unica) intima POESIA che colpisce dritto al bersaglio del cuore suscitando irresistibili emiozioni nello spettatore che non può fare a meno di commuoversi e di restare travolto da tanta semplicita', disincanto...

leggi tutto
Recensione
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016
Uscito nelle sale italiane il 28 novembre 2016

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2016 - QUINZAINE DES REALISATEUR Dalla Svizzera il cartoon che farà intenerire l'intero Festival. Con la valida, brillante e cpmmovente sceneggiatura della valida cineasta Celine Sciamma, esperta nel raccontarci storie di borgata ed emarginazione tra giovani, il film d'animazione, girato secondo i parametri dello stop motion simile a certi fortunati prodotti usciti...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2015
2015
Il meglio del 2014
2014
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito