Trama

Il quattordicenne Cosmo, cresciuto nella Dublino degli anni Ottanta, deve sopravvivere alla difficile vita familiare, caratterizzata dalla problematica relazione dei genitori, dai problemi economici e dalle angherie del fratello maggiore, e a una nuova scuola pubblica, dove tutto è più pesante da gestire. Cosmo, inoltre, scrive canzoni, forma una scombinata band con alcuni compagni di scuola e gira alcuni video musicali amatoriali, per conquistare il cuore della ribelle Raphina.

Approfondimento

SING STREET: LA DUBLINO DEGLI ANNI OTTANTA

Scritto e diretto da John Carney, Sing Street racconta la Dublino degli anni Ottanta attraverso gli occhi di un ragazzo adolescente di nome Conor, alla ricerca di spensieratezza dai problemi domestici causati dalla difficile relazione tra i genitori (il divorzio ai tempi non è ancora permesso in Irlanda) e la mancanza di denaro, che lo ha portato a frequentare una scuola pubblica. Connor trova un barlume di speranza nella conoscenza della bella e cool Raphina, una coetanea che spera di conquistare invitandola a prendere parte ai video musicali della sua band. C'è però un ostacolo di non poco conto: Conor non fa ancora parte di nessun gruppo musicale. Mentre Raphina accetta, Conor deve provare a mantenere la promessa e, rinominandosi come Cosmo, si immerge nella scena musicale della città, forma una band con un paio di ragazzi e si dedica alla scrittura di canzoni. L'idea di creare una band nasce anche dal desiderio di proteggersi dagli attacchi dei bulli della scuola, da cui è stato picchiato non appena arrivato.

Con la direzione della fotografia di Yaron Orbach, le scenografie di Alan MacDonald, i costumi di Tiziana Corvisieri e le musiche dirette da Gavin Glass e composte da Gary Clark, Sing Street mostra un mondo in cui la musica ha il potere di portare lontano dai tumulti della vita quotidiana e di trasformare le persone. Spinto dal desiderio di raccontare qualcosa di profondamente personale, Carney per Sing Street si è ispirato alla sua stessa adolescenza. Adolescente nella fervente Dublino degli anni Ottanta, è cresciuto sperimentando in prima persona il passaggio da una scuola privata a una pubblica (come il protagonista Conor), vivendo in prima persona sia i tumulti dell'età sia quelli della città, chiamata a vivere il forte contrasto con Londra e le conseguenze della recessione economica che ha spinto in tanti a emigrare.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Protagonisti di Sing Street sono due giovani attori alle loro prime esperienze, reclutati dopo sei mesi di provini realizzati in giro per l'Irlanda. A interpretare Conor è l'esordiente Ferdia Walsh-Peelo, appartenente a una famiglia che da sempre milita nella scena dell'opera e della musica folk irlandese. Giovane soprano già protagonista a teatro in Il flauto magico e suonatore di pianoforte, Walsh-Peelo ha avuto una formazione musicale classica. All'inizio di Sing Street, il mondo di Conor è al collasso. Suo padre Robert (impersonato da Aidan Gillen) ha appena perso il lavoro, e l'atmosfera in famiglia non è delle migliori: Conor, il fratello maggiore Brendan (portato in scena da Jack Reynor) e la sorella Ann (supportata da Kelly Thornton) sono testimoni della difficile relazione che intercorre tra i genitori, sposatisi troppo giovani e impossibilitati a separarsi. Il divorzio in Irlanda diventerà legale solo nel 1996 e per salvare le apparenze Robert e Penny (interpretata da Maria Doyle Kennedy) fanno buon viso a cattivo gioco.

La difficile situazione finanziaria costringe inoltre Conor a lasciare la scuola privata che frequentava per una scuola pubblica. Cambiare scuola non è mai semplice per un ragazzo della sua età, soprattutto quando il nuovo istituto si presenta con metodi e maniere piuttosto forti sin dalla prima volta. Picchiato dai nuovi compagni, Conor si sente alle strette quando conosce la ribelle Raphina, impersonata da Lucy Boynton. Più grande della sua età per via delle esperienze di vita vissute, Raphina è più vulnerabile di quanto voglia mostrare agli altri ma è anche colei che funge da timone per la crescita di Conor, in cui matura il desiderio di conquistarla e di sorprenderla grazie alla musica.

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (2) vedi tutti

  • Un film di adolescenti per adolescenti: quelli di oggi è, soprattutto, quelli degli anni Ottanta.

    leggi la recensione completa di Springwind
  • C’è ancora la musica nel cuore del terzo film di John Carney, che segue un gruppo di ragazzini irlandesi, insegnando a guardare con occhi diversi. La vita reale sarà anche un’altra cosa, i tempi sono profondamente cambiati, ma il punto di partenza è provarci. Fisiologicamente rigenerante, ingenuo come può essere uno sguardo non ancora contaminato.

    leggi la recensione completa di supadany
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
7 stelle

John Carney e la musica, su spartito romantico, atto terzo. Di solito, a un autore si chiede di evolversi, di uscire dai luoghi all’interno dei quali ha già dimostrato di sapersi muovere in piena sicurezza, ma fin quando i risultati sono soddisfacenti, apportando variazioni al più parziali, si può anche procrastinare la richiesta del (comunque inevitabile) passo in... leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2016 - ALICE NELLA CITTÀ  Nel bel mezzo degli esuberanti anni '80, mentre in Irlanda del Nord una pesante crisi economica spinge i giovani a cercare asilo nella capitale inglese, presso la famiglia del quattordicenne Concorso, ai problemi economici si aggiunge Ge la crisi coniugale che divide i due genitori, impegnati egoisticamente solo in dispute tra... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 10 voti
vedi tutti
Disponibile dal 16 marzo 2017 in Dvd a 14,99€
Acquista
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

Springwind di Springwind
7 stelle

Nascita di un gruppo rock nell'Irlanda degli anni Ottanta. Occorre sfuggire prima di tutto alla tentazione del paragone immediato con The Commitments di Alan Parker, un film senza dubbio più maturo, avvincente e anche più politicamente motivato. Se nel film di Parker i componenti il gruppo erano adulti e suonavano rhythm and blues, qui si tratta di adolescenti che...

leggi tutto
Recensione
Il meglio del 2016
2016

Recensione

supadany di supadany
7 stelle

John Carney e la musica, su spartito romantico, atto terzo. Di solito, a un autore si chiede di evolversi, di uscire dai luoghi all’interno dei quali ha già dimostrato di sapersi muovere in piena sicurezza, ma fin quando i risultati sono soddisfacenti, apportando variazioni al più parziali, si può anche procrastinare la richiesta del (comunque inevitabile) passo in...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 7 novembre 2016
Il meglio del 2015
2015
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito