Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    Parigi, 1921. Come ogni anno, la ricca Marguerite Dumont ha organizzato una grande festa nel suo castello, invitando una schiera di amanti della musica. Nessuno di loro sa quasi nulla della donna ma tutti si fingono interessati a sentirla cantare. Marguerite ha infatti una grande passione per il canto, si esibisce con tutta la passione che conosce ma è stonata come una campana, motivo per cui tutti corrono ad ascoltarla solo per poi deriderla alle spalle. Quando un irriverente giornalista decide di scrivere un articolo entusiasmante sulla sua ultima performance, Marguerite trova il coraggio di dedicarsi anima e corpo al suo sogno e, a dispetto della contrarietà del marito e con l'aiuto di una ex diva, decide di prepararsi per il suo primo concerto pubblico.

    Approfondimento

    MARGUERITE: CANTARE PER SENTIRSI VIVI

    Diretto da Xavier Giannoli e scritto dal regista in collaborazione con Marcia Romano, Marguerite racconta la storia di Marguerite Dumont, una donna ricca della Parigi degli anni Venti appassionata di musica e opera. Da anni, Marguerite si diletta a cantare regolarmente dinanzi alla sua cerchia di amici abituali e, nonostante sia stonata e canti male, nessuno ha mai trovato il coraggio per rivelarle la verità. A sostenere le sue illusioni e i suoi sogni sono soprattutto il marito e la famiglia ma la situazione prende una piega più complicata quando Marguerite si mette in testa di voler cantare dal vivo per il pubblico del Teatro dell'Opéra.

    Con la direzione della fotografia di Glynn Speeckaert, le scenografie di Martin Kurel, i costumi di Pierre-Jean Larroque e le musiche originali di Ronan Maillard, Marguerite viene così descritto da Giannoli in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Venezia 2015: «Un paio di anni fa ho sentito in radio l'improbabile voce di una cantante che eseguiva in maniera del tutto sbagliata l'Aria della Regina della Notte di Mozart. La registrazione, davvero divertente, sembrava provenire da un altro pianeta ma le mie successive ricerche mi hanno portato a scoprire che si trattava di Florence Foster Jenkins, una donna americana degli anni Quaranta ricca, appassionata di musica e soprattutto stonata. La Jenkins aveva l'abitudine di cantare di fronte agli amici, senza che mai questi le avessero rivelato per ipocrisia, convenienza o vigliaccheria, la verità sulle sue doti canore. La situazione era molto divertente ma anche crudele e ho voluto approfondire la storia. A New York ho trovato molti aneddoti inerenti alla sua eccentricità ma anche a un grande concerto che ha voluto tenere al Carnegie Hall, reperendo anche un disco contenente le registrazioni di alcuni brani classici eseguiti sempre con esilarante goffaggine. Sulla copertina del disco vi è una foto di lei di spalle, con un paio di ali da angelo sulla schiena e una diadema da regina in testa.

    Marguerite però non è un film biografico. Lo possiamo definire semmai come una libera rilettura di un personaggio realmente esistito tanto che ho voluto traslare la vicenda nella Francia degli anni Venti. La mia Marguerite sogna di esibirsi tra le dive dell'Opéra sebbene l'essere legata a un modo antico di vedere le cose le impedisca in qualche modo, per ragioni di morale, di prendersi le libertà che vuole. La sua esistenza è segnata dalla passione per il canto: è stonata ma attraverso la musica esprime il suo bisogno impellente di sentirsi viva. Per lei il canto, oltre a essere il simbolo della sua passione disinteressata per l'arte, è qualcosa di liberatorio, un inno alla vita.

    Marguerite è sì una commedia ma è soprattutto una storia d'amore tra un uomo e una donna alla ricerca di come continuare ad amarsi. Coniugando gli aspetti che contano nella vita umana (desiderio e morte), Marguerite finirà tra le braccia dell'uomo che lei ama e che l'amerà troppo tardi, come in un'opera melodrammatica».

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Il regista sceglie la scena parigina del primo dopoguerra, tra dadaismo e avanguardia, per sottolineare, però, la paradossale carica sovversiva di Marguerite: le stonature tolgono infatti il trucco al mondo e lo preparano a nuove rivoluzioni. Il film, purtroppo, non è altrettanto rivoluzionario, è troppo classico e composto. Ma Giannoli è in fondo onesto con se stesso, gira un film commerciale eppure ambizioso, lasciando però l’amaro in bocca per le potenzialità di una storia di grande e inconsapevole modernità. Liberamente ispirato alla vita di Florence Foster Jenkins.
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    Spaggy di Spaggy
    8 stelle

    Vissi d'arte, vissi d'amore, non feci mai male ad anima viva! Con man furtiva quante miserie conobbi, aiutai.   Diretto da Xavier Giannoli, Marguerite si ispira alla vera storia di Florence Jenkins per mettere in scena un’opera lirica composta da cinque atti sul potere consolatorio della musica e sulla riscoperta dell’amore in extremis. La protagonista è Marguerite... leggi tutto

    1 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    EightAndHalf di EightAndHalf
    5 stelle

    "Mi lanceranno sicuramente dei pomodori". "Come a tutti i più grandi, mia cara". "Qualche volta dovremmo lanciare delle opere d'arte sui pomodori, tanto per cambiare".     Marguerite è il dramma comico del capovolgimento umoristico. Nel film di Xavier Giannoli è tutto al contrario: il giudizio, l'apprezzamento, la dote artistica,... leggi tutto

    5 recensioni sufficienti

    Disponibile dal 1 luglio 2016 in Dvd a 9,49€

    Acquista

    Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 5 voti

    vedi tutti

    Anche i cinefili piangono

    MarioC di MarioC

    Si ha sempre paura delle lacrime. E non si dovrebbe. Sarà che gli anni passano, le certezze diminuiscono, i ricordi urlano (anche quelli belli): negli ultimi tempi mi scopro a commuovermi diverse volte...

    leggi tutto

    Il meglio del 2015

    2015

    Uscito nelle sale italiane il 14 settembre 2015

    Recensione

    Spaggy di Spaggy
    8 stelle

    Vissi d'arte, vissi d'amore, non feci mai male ad anima viva! Con man furtiva quante miserie conobbi, aiutai.   Diretto da Xavier Giannoli, Marguerite si ispira alla vera storia di Florence Jenkins per mettere in scena un’opera lirica composta da cinque atti sul potere consolatorio della musica e sulla riscoperta dell’amore in extremis. La protagonista è Marguerite...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 10 utenti

    I nostri top user

    Scopri chi sono i top user

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono i top user

    Come si diventa un top user

    I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare un top user?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito