Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    Durante una giornata come tante altre, Sophie, da poco reclutata in un'organizzazione di aiuti umanitari, è insieme ai colleghi esperti Mambru e B in una zona di conflitto quando ingaggia una lotta contro il tempo per salvare l'approvvigionamento di acqua per una comunità abbandonata. I tre sono costretti a superare astuti e pedanti burocrati delle Nazioni Unite, fazioni militari e criminali locali, per portare a termine la loro missione. Quando per ottenere ciò di cui hanno bisogno accettano il compito, all'apparenza semplice, di estrarre da un pozzo un cadavere, rimanere sani di mente si rivelerà essere la sfida più grande da affrontare.

    Approfondimento

    PERFECT DAY: UNA COMMEDIA SUL DRAMMA DELLA GUERRA

    Diretto da Fernando León de Aranoa e sceneggiato dal regista con Diego Farias, Perfect Day riprende un romanzo di Paula Farias per raccontare una storia che si svolge in Bosnia nel 1995, quando a guerra appena finita un gruppo di operatori umanitari deve rimuovere un cadavere da un pozzo per evitare che contamini l'acqua del villaggio. La squadra, guidata dal carismatico Mambrú (Benicio del Toro), comprende Sophie (Mélanie Thierry), ingenua idealista appena arrivata dalla Francia, la bella e disinibita Katya (Olga Kurylenko) e l'incontenibile B (Tim Robbins), volontario di lungo corso e allergico alle regole. Dopo una rocambolesca serie di avventure, i quattro capiranno che si tratta di una missione più complicata del previsto, in un paese in cui anche trovare una corda può diventare un'impresa impossibile.

    Commedia unica nel suo genere, Perfect Day conta sulla direzione della fotografia di Alex Catalan, sulle scenografie di César Macarron, sui costumi di Fernando Garcia e sulle musiche originali di Arnau Bataller, per raccontare il dramma della guerra con le armi dell'ironia e della speranza. A spiegare meglio le origini del film, presentato al Festival di Cannes 2015, sono le parole dello stesso regista: «Questo film parla di persone che affrontano il difficile compito di mettere ordine al caos. E racconta i loro tentativi quotidiani di fare una guerra nella guerra: quella contro l'irrazionalità, contro lo scoraggiamento, contro il loro stesso enorme desiderio di tornare a casa. Sono operatori umanitari. Come loro, il film usa l'umorismo per creare una distanza: i commenti più arguti, i passaggi da commedia più crudi e feroci, nonché i più disperati, spesso emergono nel bel mezzo della tragedia. Perché non c'è posto sulla Terra dove ciò sia più necessario. In Perfect Day possiamo assistere alla routine di coloro che lavorano in un posto dove niente è routine, possiamo vedere i loro punti di forza e le loro debolezze, le decisioni giuste e le avversità di ogni tipo. Senza perdere mai di vista che salvare delle vite non è qualcosa di eroico in sé. L'eroismo viene dal fatto stesso di provarci.

    Perfect Day si svolge in un'area montuosa, una specie di microcosmo in cui ritroviamo tutti i protagonisti di una guerra: soldati, civili, caschi blu, giornalisti… e naturalmente gli operatori umanitari, impegnati in questo caso a rimuovere un cadavere da un pozzo, forma primitiva ma efficace di guerra batteriologica. È un problema in apparenza semplice da risolvere, ma la prima vittima di un conflitto armato è il buon senso: è per questo che vediamo le loro macchine sfrecciare avanti e indietro lungo le strade di montagna, come in un labirinto, cercando una via d'uscita che forse neanche esiste. Un labirinto aperto e luminoso, sotto il cielo dei Balcani: la sua vastità lo rende ancora più claustrofobico. L'immagine dall'alto dei due SUV che vagano tra le montagne come cavie l'ho avuta in testa fin da quando ho iniziato a scrivere il copione.

    I miei film mi hanno dato spesso l'opportunità di lavorare a fianco degli operatori umanitari nelle zone di guerra. La prima volta è stato nel febbraio del 1995, proprio durante il conflitto in Bosnia: riprendevamo per un documentario il loro lavoro, con due telecamere Betacam. Tornammo a casa con dozzine di nastri e un pugno di parole che usavamo di frequente per descrivere la guerra: Confusione, Irrazionalità, Babele, Labirinto, Impotenza. Qualche anno fa ho girato un documentario in Uganda con i volontari di Medici Senza Frontiere. In quello che potrebbe definirsi un bar, che trovammo a 15 chilometri dal confine con il Sudan e dove stavamo bevendo una birra calda, ho sentito per la prima volta il capo della sicurezza della nostra missione menzionare Dejarse llover, il romanzo di Paula Farias. Paula è un dottore, è emergency coordinator per MSF, ed è anche una scrittrice. In un certo senso cerca di aiutare le persone in due modi. Ero catturato dalla semplicità della vicenda raccontata da Paula e dalla sua profondità, perché parla della crudeltà della guerra, ma lo fa con senso dell'umorismo e dell'assurdo. Nelle sue pagine e nei miei ricordi personali dell'impenetrabile labirinto dei Balcani, ho trovato l’idea per questo film, un film il cui unico genere a cui si può ricondurre è la vita stessa. Come in una matrioska: c'è un dramma dentro la commedia, dentro un road movie, dentro un film di guerra.

    Al confine tra Etiopia e Somalia, un esperto di logistica australiano ci ha spiegato una volta che gli operatori umanitari si dividono in tre categorie: i Missionari, i Mercenari e i Disadattati. Ci sono le persone che arrivano e vogliono salvare il mondo; persone che stanno sul campo da anni, gli operatori professionisti; persone che hanno rimbalzato da una guerra all'altra per così tanto tempo che ormai non potrebbero fare nient'altro. In Perfect Day ritroviamo tutti e tre i tipi».

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Una piccola produzione che affronta grandi temi con un cast internazionale di prim'ordine. Lo sguardo sulla guerra è trasversale, collaterale, insomma non frontale. L'obiettivo non è quello di lasciare fuori campo sofferenza e dolore ma di arrivare a descrivere in maniera obiettiva cosa significhi assumere la guerra come condizione esistenziale.

    Commenti (5) vedi tutti

    • Un film che riesce a tenersi in bilico tra ironia e tragedia - una cifra stilistica che forse imita il singolare atteggiamento esistenziale comune nella cultura balcanica - e che descrive una guerra in gran parte dimenticata con profonda partecipazione senza mostrare mai un solo gesto violento.

      commento di leoposner
    • Il film é di quelli che ti trascinano in una vicenda, quella della guerra nella ex Jugoslavia, attraverso il racconto di un difficile, complesso ritorno alla normalità. la ricerca di una corda per recuperare un cadavere da un pozzo - che rischia così di imputridire- diviene l'occasione per raccontare in modo originale la guerra nei Balcani

      commento di pattilucchini
    • Umorismo nero, apparentemente cinico. Il punto di vista di un gruppo di "cooperanti", in merito ad un conflitto orrendo, occupati a risolvere una spigolosa questione. Cast eccezionale, specialmente Tim Robbins e Benicio del Toro. Da vedere.

      commento di uomodimelzo
    • Con il supporto di una sceneggiatura impeccabile e di un cast in stato di grazia, il regista intesse la sua tela intorno a tante piccole tragedie quotidiane alle prese con un fitto intreccio di situazioni simboliche (anche godibili per l’ironia profusa) e fa dell’antibellicismo la sua missione.. Le sue carte vincenti? Humor, umanità e suspense

      commento di spopola
    • un piccolo film indipendente con due grandi attori in stato di grazia

      leggi la recensione completa di Springwind
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    Cantagallo di Cantagallo
    8 stelle

    A perfect day ovvero il film sulla, anzi, nella guerra dei Balcani che non ti aspetteresti mai.    1995, da qualche parte in Bosnia, un cadavere è stato gettato in un pozzo. Il compito del team della ONG internazionale Aid Across Borders è reperire una fune con cui estrarlo prima che si produca infezione, evitando così che la popolazione locale rimanga senza... leggi tutto

    10 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    Jucan di Jucan
    5 stelle

    In estrema sintesi, buona prova d'attori , Benicio del Toro e Tim Robbins, storia sicuramente sotto tono. E' un peccato, avere un buon cast, uno spazio ospitale per esprimersi e non utilizzarlo a dovere. La guerra e la violenza, senza farla vedere, viene resa bene, ma purtroppo i cali di tensione nel racconto mancano l'obiettivo. Ci sono spunti vitali nella sceneggiatura, specialmente in... leggi tutto

    1 recensioni sufficienti

    Recensione

    dollyfc di dollyfc
    8 stelle

    Spesso si discute su cosa possa contribuire a fare di un film un'opera importante ;  in linea di massima  e obiettivamente parlando pare sia necessario che il film tratti argomenti  cosidetti seri o quantomeno di interesse universale , poi va da sè che il lavoro andrebbe svolto con una certa cura .   Perfect Day , opera di un regista spagnolo  certamente...

    leggi tutto

    Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti

    vedi tutti

    Disponibile dal 6 maggio 2016 in Dvd a 17,99€

    Acquista

    Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 7 voti

    vedi tutti

    Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 9 voti

    vedi tutti

    Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 18 voti

    vedi tutti

    Recensione

    giorgiobarbarotta di giorgiobarbarotta
    8 stelle

    La bonifica di un pozzo d'acqua, un cadavere da estrarre, l'assistenza umanitaria di un'associazione internazionale, la giurisdizione territoriale e le competenze sul campo, una corda, un pallone e il buon senso che va a farsi benedire, uno specchio rotto come metafora di un incomprensibile conflitto, case scoperchiate, posti di blocco, fuoristrada, caschi blu, mine, soldati, prigionieri,...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 4 utenti

    Recensione

    Springwind di Springwind
    7 stelle

    Con due protagonisti e una colonna sonora simili, era impossibile sbagliare il film. Film di guerra senza battaglie e senza armi, commedia più che nera, grigio-scura, ambientata nei Balcani nel 1995 (ma potrebbe essere qualsiasi altro conflitto in qualsiasi tempo), prima ancora che una pellicola anti bellica o un'esaltazione del lavoro misconosciuto di chi mette a rischio la propria...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 1 utenti

    Il Meglio del 2015

    Isin89 di Isin89

    Lista o elenco in ordine sparso dei migliori film che, a mio avviso, sono usciti in sala durante il 2015. La lista non segue un ordine gerachico di preferenza.

    leggi tutto

    Il meglio del 2015

    2015

    Uscito nelle sale italiane il 7 dicembre 2015

    Recensione

    Cantagallo di Cantagallo
    8 stelle

    A perfect day ovvero il film sulla, anzi, nella guerra dei Balcani che non ti aspetteresti mai.    1995, da qualche parte in Bosnia, un cadavere è stato gettato in un pozzo. Il compito del team della ONG internazionale Aid Across Borders è reperire una fune con cui estrarlo prima che si produca infezione, evitando così che la popolazione locale rimanga senza...

    leggi tutto
    Perfect Day valutazione media: 7.3 11 recensioni del pubblico.

    Le nostre firme

    Scopri chi sono le firme

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono le firme

    Come si diventa una firma

    Le firme sono scelte tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare una firma?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito