Trama

La storia di un pilota di caccia da combattimento, divenuto pilota di droni, che quotidianamente combatte contro i talebani per dodici ore prima di ritornare a casa dalla moglie e dai figli. Con il passar del tempo, l'uomo comincia a porsi diverse domande etiche sulla sua occupazione: sta forse creando più terroristi di quelli che sta uccidendo? E sta combattendo una guerra che non avrà mai fine?

Approfondimento

GOOD KILL: IN GUERRA CON I DRONI

Scritto e diretto da Andrew Niccol, Good Kill racconta la stora di un ex pilota del maggiore Tommy Ergan, un ex pilota di F16 divenuto pilota di droni che tutti i giorni combatte i talebani attraverso un sistema di controllo remoto prima di tornare a casa dalla moglie Molly e dai figli nel quartiere periferico destinato alle abitazioni militari. La normalità delle sue giornate, però, viene messa in discussione da alcune fondamentali domande: sta con il suo lavoro creando più terroristi di quelli che sta uccidendo? Sta forse combattendo una guerra senza fine? Tali questioni finiranno per avere ripercussioni nella sua psicologia e implicazioni epiche nella sua quotidianità.

Presentato (non senza critiche) in concorso al Festival di Venezia 2014, Good Kill viene così descritto da Niccol, regista celebre per le visioni futuriste messe in scena con titoli come In TimeS1mØneGattaca. La porta dell'universo: «Good Kill è la storia di Tommy Ergan, un maggiore che è stato alla guida degli F16 durante le missioni in Iraq e Afghanistan. Egli sta ancora volando ma dall'altra parte del mondo, negli Stati Uniti, e lo sta facendo da una cabina di pilotaggio molto differente da quella a cui era abituato. Diventato un pilota di droni, combatte in guerra tramite un sistema di controllo remoto in una stanza a 7 mila miglia dal conflitto all'interno di una base militare vicino Las Vegas.

Good Kill è un film sulla schizofrenia generata dal nuovo modo di combattere le guerre. Dopo aver combattuto contro i Talebani per dodici ore al giorno, Tommy torna alla casa di periferia in cui vivono la moglie Molly e i figli per le restanti dodici. Ambientato durante il più massiccio ricorso ai combattimenti con droni, Good Kill indaga sui conflitti morali e sui dilemmi che derivano dall'uso delle nuove tecnologie. Si tratta tuttavia di una storia molto personale. Tommy sta diventando una vittima di una guerra che combatte a chilometri di distanza, in un contesto effettivamente privo di pericoli. Egli è un pilota che soffre di psicosi traumatica, che si rammarica della morte di coloro che volano realmente e che allo stesso tempo si sente colpevole di essere lontano dai campi reali di guerra. Mentre si allontana lentamente dalla sua reale esistenza, si sente più vicino agli obiettivi che spia e alle loro famiglie piuttosto che alla propria.

E, cosa molto più importante, Tommy inizia a chiedersi il perché della missione, rimettendo in discussione ciò in cui aveva sempre creduto».

Con la direzione della fotografia di Amir Mokri, le scenografie di  Guy Barnes e i costumi di Rhonda Paynter, Good Kill conta sulle interpretazioni di Ethan Hawke (è Tommy), di Felicity Jones (è Molly, la moglie di Tommy) e di Zoë Kravitz, Jake Abel e Bruce Greenwood (sono l'aviatrice Vera Suarez, lo specialista Zimmer e il colonnello Johns, colleghi di lavoro di Tommy).

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (4) vedi tutti

  • Non il miglior film di Niccol che con questo film è sceso un pochino, anche la sceneggiatura è meno riuscita in confronto a tutti gli altri suoi film. Ciò nonostante un film che ho apprezzato. Lo spunto e la critica sociale sempre apprezzabile. Consigliato.

    commento di LucaJazz94
  • Ucciderli costa meno che catturarli...

    leggi la recensione completa di champagne1
  • A mio giudizio, è un film sottovalutato. Qui lo show di Truman finisce per essere un circolo senza fine, in cui la sintassi virtuale della guerra al terrorismo viene presentata come la deriva stessa di una civiltà, la nostra, al suo proprio tramonto alienato.Voto 8.

    commento di logos
  • La lotta al terrorismo ai tempi della X-Box nel film di guerra (da camera) del neozelandese Niccol è il succedaneo di una virtualizzazione del conflitto che sembra spersonalizzare i suoi belligeranti protagonisti e disinnescare il potenziale di orrore e di morte che ogni guerra porta inevitabilmente con sè.

    leggi la recensione completa di maurizio73
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

amandagriss di amandagriss
8 stelle

War games   Che il mondo stia cambiando in fretta non v’è dubbio alcuno e gli evidenti segni del suo repentino mutamento toccano anche il settore militare. Oggi le guerre non si combattono più ‘partendo per il fronte’ ma stando seduti comodamente in poltrona. E non si parla di capi di Stato, che dalla poltrona proprio non vogliono staccarsi, ma di... leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Nacro di Nacro
6 stelle

Guerra dall'alto Questo film ,uscito a Venezia nel 2014, fu smontato completamente dalla critica, per via dei suoi toni effettivamente pendenti verso una retorica americanista. Il soldato che prima era pilota, ora si ritrova a bombardare tramite droni a distanza, ne risente a livello psicologico non per l'atto in quanto tale ma per il fatto che vuol tornare a volare, alla top gun per... leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

maurizio73 di maurizio73
4 stelle

Già reduce da sei scenari di guerra, ex pilota di caccia americano viene reimpiegato nella guida di droni che l'aereonautica utilizza in remoto per bombardare obiettivi sensibili nel teatro del conflitto afgano. Combattuto tra le difficili scelte etiche che deve prendere quotidianamente ed una relazione coniugale che si sta inesorabilmente logorando, la sua crisi umana e professionale... leggi tutto

5 recensioni negative

Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

bardolfo di bardolfo
5 stelle

Buon soggetto, sceneggiatura pessima. Regia di routine, senza troppa fantasia e attori piuttosto dimessi, del resto con una sceneggiatura così è difficile fare miracoli. Ethan Hawke spicca sui colleghi, con una faccia più dura e segnata del solito, ma anche lui è vittima di una scrittura debole, con momenti veramente naif. Alla fine la cosa più significativa...

leggi tutto
Recensione
Il meglio del 2016
2016
Disponibile dal 15 giugno 2016 in Dvd a 11,50€
Acquista

Recensione

amandagriss di amandagriss
8 stelle

War games   Che il mondo stia cambiando in fretta non v’è dubbio alcuno e gli evidenti segni del suo repentino mutamento toccano anche il settore militare. Oggi le guerre non si combattono più ‘partendo per il fronte’ ma stando seduti comodamente in poltrona. E non si parla di capi di Stato, che dalla poltrona proprio non vogliono staccarsi, ma di...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 22 febbraio 2016
Il meglio del 2015
2015

Recensione

nickoftime di nickoftime
4 stelle

Non è la prima volta che Andrew Niccol si occupa di guerra. La prima volta lo aveva fatto in modo indiretto, attraverso la storia del trafficante di armi Yuri Orlov, interpretato da Nicolas Cage in “The Lord of The War”. Nella seconda invece, il tema bellico ritrova gli scenari che gli sono più consoni, collocandosi dalle parti di quel conflitto afghano che, con molte...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

alan smithee di alan smithee
2 stelle

  VENEZIA 71. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA  - CONCORSO   "Bel colpo": ovvero appunto "good kill", l'ultimo commento che fa seguito alla riuscita di una operazione a distanza. Fare centro, centrare il bersaglio: la nuova tattica di guerra che consente ai nuovi militari di raggiungere l'obiettivo come giocando ad un videogame. Attraverso l'uso  di droni...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito