Trama

Sessant'anni dopo essere scappata da Vienna, l'anziana ebrea Maria Altmann inizia il suo viaggio teso a recuperare i beni di famiglia sequestrati dai nazisti, tra cui un famoso dipinto di Klimt che rappresenta una donna in oro. Insieme al suo inesperto ma coraggioso giovane avvocato, Maria intraprende una battaglia legale che si prolungherà per ben otto anni e che la costringerà a confrontarsi con le difficili verità del passato.

Approfondimento

WOMAN IN GOLD: LA VERA STORIA DI MARIA ALTMANN

Diretto da Simon Curtis e sceneggiato da Alexi Kaye Campbell, Woman in Gold racconta la vera storia del viaggio di una donna per reclamare il suo patrimonio e chiedere giustizia per ciò che è accaduto alla sua famiglia. Sessant'anni dopo essere fuggita da Vienna durante la Seconda guerra mondiale, l'ebrea Maria Altmann inizia il suo viaggio per recuperare i beni di famiglia sequestrati dai nazisti, tra cui il famoso dipinto Ritratto di Adele Bloch-Bauer I di Gustav Klimt. Insieme al suo inesperto ma coraggioso giovane avvocato Randy Schoenberg, Maria si imbarca in una grande battaglia che la porterà fino al cuore dell'establishment austriaco e della Corte Suprema degli Stati Uniti, costringendola a confrontarsi con le difficili e dure verità sul passato.

Con la direzione della fotografia di Ross Emery, le scenografie di Jim Clay e le musiche di Martin Phipps e Hans Zimmer, Woman in Gold si basa sulle vere biografie dell'avvocato E. Randol Schoenberg e di Maria Altmann. La più piccola di cinque figli, Maria Altmann è nata a Vienna nel 1916, nove anni dopo che Gustav Klimt aveva terminato il ritratto di Adele Bloch-Bauer, sorella della madre di Maria. Le sorelle Bauer avevano sposato due fratelli, Ferdinand e Gustav Bloch, e insieme avevano condiviso un sontuoso appartamento su uno dei viali più grandi e importanti di Vienna. Figure di spicco nella fiorente comunità ebraica della città, i Bloch-Bauer erano ricchi mecenati d'arte e la stessa Adele era hostess in un salone viennese, frequentato da personalità influenti come Gustav Mahler, Arthur Schnitzler e Gustav Klimt. Proprio quest'ultimo, i cui dipinti erano famosi per la loro carica erotica, aveva scelto Adele come soggetto e nel suo famoso 'ritratto d'oro' l'aveva dipinta come una regina egiziana, ornata di oro e gioielli.

All'età di 21 anni, Maria è andata in sposa all'aspirante cantante d'opera Fritz Altmann, sei settimane prima che l'Austria fosse annessa alla Germania di Hitler. Tale evento storico ha portato alla rovina dei Bloch-Blauer e alla breve detenzione di Fritz nel campo di Dachau. In fuga dai pericoli nazisti, Maria e Fritz hanno allora deciso di scappare da Vienna per rifuggiarsi in America, da dove solo nel 1998 Maria ha iniziato - su spinta dell'amico di famiglia Randy Schoenberg - a reclamare la sua eredità, a cominciare dal dipinto di Klimt ormai rinominato La donna in oro.

Di fronte al diniego dell'Austria di riconsegnare il quadro, la Altmann e Schoenberg sono stati costretti a farsi strada attraverso il sistema giudiziario americano, approfittando di una legge che permette ai cittadini statunitensi di citare in giudizio i governi stranieri. Nonostante l'Austria si sia in seguito appellata alla Corte Suprema, tutti i cinque dipinti di Klimt sono stati assegnati a Maria, morta nel 2011 all'età di 94 anni.

Per ritrarre l'indomita e caparbia Maria Altmann in Woman in Gold i realizzatori hanno sempre avuto in mente un solo nome: l'attrice Helen Mirren. Su suggerimento dei produttore Weinstein, il ruolo di Randy Schoenberg è stato invece assegnato all'attore Ryan Reynolds. Completano poi il cast principale di Woman in Gold l'attore tedesco Daniel Brühl (è Hubertus Czemin, il giornalista investigativo che, nel prendere le difese di Maria, scopre il passato segreto nazista dell'ex presidente austriaco Kurt Waldheim), Moritz Blaibtreu (è il pittore Gustav Klimt), Antje Traue (è Adele Bloch-Bauer), Tatiana Maslany (è la giovane Maria), Max Irons (è Fritz, il marito di Maria), Katie Holmes (è Pam, la moglie di Randy), Henry Goodman e Allan Corduner (sono rispettivamente lo zio e il padre di Maria), Frances Fisher (è la madre di Randy), Charles Dance (è il boss dello studio legale di Randy), Elizabeth McGovern (è il giudice californiano che cambia il corso del caso giudiziario) e Jonathan Pryce (è il giudice capo William Rehnquist).

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Se la linea processuale è un colabrodo narrativo, quella introspettiva è anche peggio, arata da una regia inerte che cerca la sacralità con espedienti elementari e si aggrappa al volto di Helen Mirren come ultima speranza.

Commenti (2) vedi tutti

  • Un film interessante perché racconta la storia del dipinto Woman in gold di Klimt. La regia buona perché alterna situazioni attuali a quelle indietro nel tempo. Cast buono con la Mirren veramente brava e un Reynolds meno espressivo adatto alla sua personalità nel film. Film poco impegnativo ma da vedere per la storia del quadro.

    commento di nicelady55
  • Debole, scontato a tratti addirittura noioso. Reynolds ha una faccia da pesce lesso per tutto il film. La mirren è all'altezza ma da sola non basta. Mi aspettavo molto di piò ma sono rimasto deluso.

    commento di camillo65
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

bufera di bufera
4 stelle

  Una storia vera non indifferente, con riferimenti alle opere d’arte passate per le mani dei nazisti, ma poi recuperate e trattenute indebitamente nei musei all’insaputa dei proprietari, il fatto che si trattasse di uno dei più bei ritratti eseguiti da Gustav Klimt con     il suo stile elegante e inconfondibile, oggetto di una decennale battaglia legale, e... leggi tutto

2 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

steno79 di steno79
5 stelle

"Woman in gold" è un film che ripercorre una storia insolita, quella di una donna che si batte per riavere dopo tanti anni alcuni quadri di Klimt sequestrati dai nazisti alla sua famiglia e poi presi dal governo austriaco ed esposti in un celebre museo di Vienna. La storia è vera, pur con qualche inevitabile aggiustamento, ma il film non lascia del tutto soddisfatti a causa di un... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

danceinthenight di danceinthenight
7 stelle

Ho atteso ben tre settimane prima di vedere il film in questione perchè le sale della mia città che davano woman in gold erano sempre strabordanti (soprattutto di persone anziane). Il film è decisamente bello e interessante e c'è tanta carne al fuoco: la splendida interpretazione di Helen Mirrer, la sceneggiatura scorrevole e avvincente, un' ottima regia, Gustav... leggi tutto

2 recensioni positive

Recensione

germarco di germarco
7 stelle

E' un film che probabilmente interessa più gli appassionati di arte, diritto e storia che non di cinema. Serio e compassato, punta alla ricostruzione di un episodio molto significativo dal punto di vista storico (anche se è una storia davvero molto recente) e civile. Non che si stia parlando di una grande conquista civile; ma di una piccola vittoria, dal punto di vista legale,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 3 gennaio 2018 su Canale 5
Il meglio del 2017
2017

Recensione

steno79 di steno79
5 stelle

"Woman in gold" è un film che ripercorre una storia insolita, quella di una donna che si batte per riavere dopo tanti anni alcuni quadri di Klimt sequestrati dai nazisti alla sua famiglia e poi presi dal governo austriaco ed esposti in un celebre museo di Vienna. La storia è vera, pur con qualche inevitabile aggiustamento, ma il film non lascia del tutto soddisfatti a causa di un...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
Disponibile dal 23 marzo 2016 in Dvd a 9,99€
Acquista
Il meglio del 2015
2015

Recensione

bufera di bufera
4 stelle

  Una storia vera non indifferente, con riferimenti alle opere d’arte passate per le mani dei nazisti, ma poi recuperate e trattenute indebitamente nei musei all’insaputa dei proprietari, il fatto che si trattasse di uno dei più bei ritratti eseguiti da Gustav Klimt con     il suo stile elegante e inconfondibile, oggetto di una decennale battaglia legale, e...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 12 ottobre 2015
Il meglio del 2014
2014
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito