Espandi menu

Straziami ma di baci saziami

Regia di Dino Risi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tafo

tafo

Iscritto dal 26 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 20
  • Post 1
  • Recensioni 367
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Straziami ma di baci saziami

di tafo
9 stelle

Il triangolo di Risi è una figura geometrica precisa e spiazzante vertice assoluto della commedia nostrana.

Il sessantotto per Risi è una commedia provinciale e romantica, strapaesana e cattolica. L’amore deve essere puro e semplice come da iconografia sanremese, non sono ammessi dubbi o ombre quando il colpo di fulmine è così lampante. Tra Marino barbiere ciociaro e Marisa pantalonaia marchigiana il sentimento scatta al primo sguardo. Fra il folklore paesano e cadenze dialettali nascoste dietro un’ Italiano formale la passione non può scattare , la donna deve fingere  in principio disinteresse per il viaggio d’amore dell’uomo che si trasferisce nell’innevato e isolato borgo di lei natio. La loro storia è contrastata dal padre di Marisa burbero artista del marmo che non vede in Marino un buono e giovane  partito per la figlia e da una vedova inconsolabile che avendolo  come ospite della sua pensione con lui si vorrebbe consolare. I nostri promessi sposi di fronte ad un genitore così cattivo tentano un suicidio ferroviario in coppia con lettera incorporata , ma i treni in Italia oltre ad non essere mai in orario vanno troppo lenti per uccidere. I due non possono che affidarsi alla provvidenza che fa passare a miglior vita  il genitore per cui il matrimonio non si aveva da fare. La malalingua della donna rifiutata dal fedele Marino  gli fa credere dell’infedeltà  della povera Marisa che decide di fuggire a Roma dove comincia per lui un altro viaggio speranzoso  di ritrovarla  e farsi perdonare l’avere creduto alle falsità della vedova. La ricerca finisce non per la peste ma per fame, quando cioè l’uomo non ha più nulla e quando la ritrova lei è già la signora di un altro. Il lieto fine è un obbligo di sceneggiatura per una commedia perfetta, il regista ci lascia vedere la solita storia dei due innamorati che alla fine vivranno felici e contenti dopo essere passati tra suicidi e omicidi che non possono che  fallire in modo comico. Quando esplode qualcosa non uccide nessuno, anzi se qualcuno riacquista l’uso della parola è per forza un miracolo da rispettare nel silenzio della fede delle nostre credenze religiose. La capacità del nostro di ritrarre l’Italia  qualunque che esalta la cultura dei buoni sentimenti e delle canzonette come un paese che non si sa se faccia  più ridere o piangere è spietata e empatica, lascia realizzare il sogno dei due amanti senza dimenticare di descriverne gli aspetti mediocri dosando in modo impeccabile ironia e cattiveria.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati