Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    Kate (Hilary Swank) è una trentenne affermata la cui vita perfetta viene improvvisamente stravolta quando le diagnosticano una devastante e incurabile malattia: la SLA. Kate e suo marito Evan (Josh Duhamel), nella ricerca di un assistente a tempo pieno per Kate, si imbattono in Bec (Emmy Rossum), una studentessa di college che ha risposto impulsivamente all'annuncio pur non avendo la minima esperienza. Nonostante Bec sia una persona confusionaria ed incapace di creare stabili relazioni sentimentali e professionali, Kate vede qualcosa di speciale in lei e la sceglie come suo “angelo custode”.

    Approfondimento

    QUALCOSA DI BUONO: L'AMICIZIA TRA DUE DONNE E LA SLA

    Diretto da George C. Wolfe e sceneggiato da Shana Feste e Jordan Roberts, Qualcosa di buono racconta la storia della grande amicizia tra due donne diverse ma unite dalla malattia di una di esse. Kate è una pianista di musica classica di successo, sposata e dai modi garbati, a cui è stata diagnosticata la SLA. Bec, invece,è un'estroversa studentessa universitaria e aspirante cantante rock che riesce a malapena a destreggiarsi in una vita estremamente caotica e confusionaria sia sul piano delle relazioni romantiche sia in altri ambiti. Eppure, quando Bec decide di accettare la disperata proposta dii lavoro come assistente di Kate, proprio nel momento in cui il matrimonio di quest'ultima con Evan inizia a entrare in crisi, le due donne si affidano a ciò che diventerà un legame non convenzionale, a volte conflittuale e ferocemente onesto. Senza una meta chiara nella vita, Bec è decisa a diventare l'ombra di Kate accompagnandola e traducendo per lei le situazioni più sconcertanti e goffamente comiche. Ne deriva un forte cameratismo ridotto all'estremo essenziale, fatto di sostentamento quotidiano e confessioni a notte fonda. Quando poi la sensuale, meticolosa e ostinata, Kate comincerà a influire sulla confusa, spontanea e inafferrabile, Bec e viceversa, entrambe si ritroveranno faccia a faccia con i rispettivi rimpianti, esplorando nuovi territori ed espandendo la propria idea su chi in realtà vogliono essere.

    Con la direzione della fotografia di Steven Fierberg, le scenografie di Aaron Osborne e i costumi di Marie-Sylvie Deveau, Qualcosa di buono si basa sull'omonimo romanzo di Michelle Wildgen. Pubblicato nel 2006, il romanzo si è rivelato una sorpresa per la critica. La storia di una giovane donna dalla vita ribelle e frenetica che, seguendo l'impulso del momento, decide di accettare il gravoso compito di assistere una nota musicista affetta da SLA poteva facilmente virare verso i prevedibili toni del melodramma. Al contrario, il romanzo è stato invece lodato per la sua capacità di divertire in modo semplice e rivelare argomenti che vanno dal sesso alle lezioni #di cucina fino alla commovente intimità di una amicizia nata da una combinazione di evidente necessità e progressiva fiducia. Come il testo della Wildgen, Qualcosa di buono ha la sua forza nella grande capacità di definire il ritratto di due donne, apparentemente così diverse tra loro, e della grande amicizia che le legherà per sempre. A dispetto di quanto si possa pensare, il trait d’union nel rapporto tra Kate e Bec non è la malattia ma l’umorismo e i momenti di spensieratezza che attraversano l’intera evoluzione della storia.

    In Qualcosa di buono a interpretare Kate è il premio Oscar Hilary Swank mentre Bec ha il volto di Emmy Rossum ed Evan quello di Josh Duhamel.

    AUTENTICITÀ DEL PROGETTO

    Fin dall'inizio il regista George C. Wolfe ha voluto fare dell'autenticità la colonna portante di Qualcosa di buono incentrando ogni elemento della produzione sull'autenticità delle due donne al centro della storia, l'autenticità della vera amicizia e, soprattutto, l'autenticità delle esperienze vissute dai malati di SLA.

    Per cercare di far conoscere questa realtà al cast e alla troupe, George C. Wolfe ha chiamato, come consulente, l'infermiera professionale Mary Beth Geise con un'esperienza pluridecennale nell'assistenza ai pazienti di SLA. Mary Beth Geise ha lavorato in stretta collaborazione con Hilary Swank e Loretta Devine per garantire la verosimiglianza, #condividendo le sue conoscenze sui movimenti, il linguaggio e i cambiamenti a cui vanno incontro nel tempo le persone affette da SLA. Ha anche collaborato con Emmy Rossum, Josh Duhamel e Ernie Hudson per fornire loro informazioni dettagliate sui pro e i contro del processo di cura e assistenza.

    Inoltre, George C. Wolfe ha invitato alcuni membri della comunità SLA a partecipare il più possibile alle riprese, compreso l'utilizzo di alcune persone affette dalla malattia come comparse in una scena chiave del film.

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Ispirato a un romanzo di Michelle Wildgen, non è un remake statunitense e al femminile di Quasi amici, nonostante le apparenze: sprazzi di commedia sono relegati al primo atto e affidati all’inadeguatezza di Bec; poi il film si concentra sull’amicizia tra due personalità opposte e, naturalmente, sul dramma di una malattia terribile che non prevede speranza né lieto fine. Se Qualcosa di buono non naufraga del tutto nelle formule ricattatorie da film strappalacrime, è per le interpretazioni principali: Hillary Swank fa valere i due Oscar e dipinge un calvario rassegnato tutto di dettagli, Emmy Rossum ripropone una versione meno rabbiosa del suo personaggio nella serie Shameless, inseguendo con pudore il corpo di Kate, fino a diventarne una delicata estensione.

    Commenti (1) vedi tutti

    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    ezio di ezio
    7 stelle

    A Kate (Swank) ,pianista classica,e' stata diagnosticata la SLA.Bec (Rossum),estroversa studentessa universitaria e aspirante cantante rock,accetta di assisterla proprio quando il matrimonio della donna con Evan (Duhamel) entra in crisi.Il film e' tratto da un romanzo di Michelle Wildgen pubblicato nel 2006 e la brava premio Oscar Hilary Swank ha potuto contare sulla consulenza di esperti... leggi tutto

    2 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    M Valdemar di M Valdemar
    5 stelle

      Un mistero e una certezza. Il mistero si chiama Emmy Rossum, ovvero la sua carriera: un gran bel talento che il Cinema non sa - non ha saputo (ancora?) - sfruttare. Lo ha fatto il piccolo schermo, con quel gioiello (sconcio) di Shameless, durante la quale è cresciuta come interprete. La certezza riguarda invece la capacità degli americani di confezionare un... leggi tutto

    3 recensioni sufficienti

    Recensioni

    La recensione più votata delle negative

    Nacro di Nacro
    4 stelle

    Da un po di tempo che non vedevo un film con Hilary Swank, accanto a lei un altro personaggio interpretato dalla bella Emma Rossum, le uniche due cose buone del film.La pellicola dal trailer sembra essere la versione riuscita male del film francese “Quasi Amici” con un inevitabile condimento strappalacrime. Ciò che mi interessava era vedere se il film nonostante la... leggi tutto

    2 recensioni negative

    Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 5 voti

    vedi tutti

    Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti

    vedi tutti

    Recensione

    ezio di ezio
    7 stelle

    A Kate (Swank) ,pianista classica,e' stata diagnosticata la SLA.Bec (Rossum),estroversa studentessa universitaria e aspirante cantante rock,accetta di assisterla proprio quando il matrimonio della donna con Evan (Duhamel) entra in crisi.Il film e' tratto da un romanzo di Michelle Wildgen pubblicato nel 2006 e la brava premio Oscar Hilary Swank ha potuto contare sulla consulenza di esperti...

    leggi tutto

    Disponibile dal 10 marzo 2016 in Dvd a 12,99€

    Acquista

    Il meglio del 2015

    2015

    Recensione

    M Valdemar di M Valdemar
    5 stelle

      Un mistero e una certezza. Il mistero si chiama Emmy Rossum, ovvero la sua carriera: un gran bel talento che il Cinema non sa - non ha saputo (ancora?) - sfruttare. Lo ha fatto il piccolo schermo, con quel gioiello (sconcio) di Shameless, durante la quale è cresciuta come interprete. La certezza riguarda invece la capacità degli americani di confezionare un...

    leggi tutto

    Uscito nelle sale italiane il 24 agosto 2015

    Il meglio del 2014

    2014

    I nostri top user

    Scopri chi sono i top user

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono i top user

    Come si diventa un top user

    I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare un top user?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito