Espandi menu

Il silenzio degli innocenti

Regia di Jonathan Demme vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Viola96

Viola96

Iscritto dal 1 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 135
  • Post 10
  • Recensioni 223
  • Playlist 52
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il silenzio degli innocenti

di Viola96
10 stelle

"Il silenzio degli innocenti" è l'esempio più importante ed espressivo dello straordinario talento di Jonathan Demme,grande regista dell'inconscio e dell'arte dei sogni.Il film è un'eccezionale meditazione sull'attrazione assoluta del Male,in tutte le sue forme e percezioni.Bisogna rileggersi con attenzione lo splendido romanzo da cui è tratto e anche i vari saggi sul cannibalismo e sugli atti impuri della percezione sessuale per entrare appieno nel mondo de "Il silenzio degli innocenti" e restare,perfino,attratti dallo stesso Male che pervade l'intera pellicola.Si può già partire dall'analisi della locandina:Si vede una falena con un teschio.Ma guardando meglio si scorge l'immagine di sette donne nude,foto artistica di Salvador Dalì,intente a compiere atti sessuali.Da qui si potrebbe cercare di esplorare la matrice sessualmente perversa della vicenda.Jodie Foster è la splendida agente dell'FBI Clarice Starling,scelta da uno dei dirigenti per indigare sul caso di Buffalo Bill,un serial killer che scuoia le sue vittime,per cercare una nuova pelle e ricrearsela con cura per cucirsela addosso.Un motore della vicenda è il fatto che l'FBI mandi Starling a interrogare il serial killer Hannibal Lecter,poichè potrebbe sapere parecchie cose riguardo all'assassino.Da lì,Clarice resterà ossessionata da Lecter,e non riuscirà ad uscire dalla sua spirale di terrore.Demme è un geniale autore che riesce a disegnare due figure di assassini diversi eppure uguali.Da una parte c'è Buffalo Bill,il mostro,l'assassino.Omosessuale e necrofilo,cerca di trovare una nuova pelle,perchè la sua gli fa schifo.Nella sua penosità frequente è il personaggio più odiato.Dall'altra parte c'è lui,Hannibal.Il dottor Lecter,cannibale e assassino quanto il vecchio Bill,si pone come aiutante della protagonista e quindi diventa un personaggio affascinante e straordinario.La potenza visionaria del grande lavoro si pone come un ulteriore passo avanti nello studio sul Male assoluto che si contrappone alle forze minori del bene.Ma alla fine vince il Bene,perchè è giusto così."Il silenzio degli innocenti" non è solo un capolavoro orrorifico di immagini e di suoni che si contrappongono all'apparente tranquillità della Storia,ma è uno dei migliori film degli ultimi 20 anni,che riesce ad appassionare ancora chi riesce a farsi catturare dalla splendida visione.Il filmè tratto da uno dei migliori romanzi di Thomas Harris ed è diventato lentamente un cult-movie,uno dei migliori.Le scene che vengono ricordate con più ironia e paura sono:La prima comparsa di Hannibal Lecter,La telefonata finale di Lecter,la scoperta della falena,il ricordo del passato di Clarice,lo splendido qui pro quo tra i due,il gioco macabro di Buffalo Bill.Clarice viene inesorabilmente attratta dal baratro e ci finisce risucchiata.L'emblematica figura,portata alla pura metafisicità dalla meravigliosa interpretazione della Foster,tra rivangamenti del passato,esplosioni di rabbia ed intuizioni travolgenti diventa la migliore tra le protagoniste donne degli anni 90,vincendo un Oscar e qualche altro premio.Il film,di Oscar,ne ha vinti 5,i più importanti.Così come "Accadde una Notte" e "Qualcuno volò sul nido del cuculo".Ed ora assume anche la figura di grande classico,così come i film sovraccitati.Il film,se qualcuno ha letto la mia play sui miei 7 film preferiti,si trova al primo posto,davanti a capolavori come "Pulp Fiction" e "Manhattan".Perchè la forza del tesissimo nero/thriller di Demme non sta tanto nella sua frenetica attenzione ai particolari e nel suo ampliamento dell'arte del sogno,ma bensì sta nella fantastica creazione di un mondo a parte.Ogni tanto lo rivedo,di giorno e di notte,per ricominciare di nuovo un viaggio nei meandri della mia mente.E sognare di nuovo,di evadere in un mondo nè migliore nè peggiore.Ma diverso.

Sulla trama

Eccellente.

Sulla colonna sonora

Fa accapponare la pelle.

Cosa cambierei

Niente,assolutamente.

Su Jonathan Demme

Grandioso.

Su Jodie Foster

Meravigliosa.

Su Anthony Hopkins

Ottimo.

Su Scott Glenn

Molto bene.

Su Anthony Heald

Discreto.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati