Trama

Andrew, studente di primo anno al college, è disposto a tutto pur di diventare un famoso batterista jazz. I suoi sforzi e il suo impegno sono messi però a dura prova dagli estremi metodi di insegnamento dell'eccentrico professor Fletcher. Condotto quasi sull'orlo della follia, Andrew dovrà imparare a credere in se stesso e aver fede nella musica per far scintillare il talento nel quale Fletcher ripone fiducia.

Approfondimento

WHIPLASH: LA PAURA DELLA MUSICA

Scritto e diretto da Damien Chazelle, Whiplash racconta la storia di Andrew Neiman, giovane e ambizioso batterista jazz il cui unico obiettivo è quello di essere all'altezza della scuola musicale d'élite che frequenta. Tormentato dalla carriera di scrittore fallito del padre, Andrew fatica notte e giorno per diventare un grande musicista quando viene scoperto da Terence Fletcher, un istruttore noto per le sue doti di insegnamento e per i suoi metodi terrificanti. A capo dell'ensemble della scuola, Fletcher prende Andrew nella sua band, cambiandogli per sempre l'esistenza. Da quel momento in poi, infatti, la passione di Andrew per la perfezione si tramuta rapidamente in ossessione, spinto sull'orlo delle sue abilità e della sanità mentale dallo stesso insegnante.

Con la direzione della fotografia di Sharone Meir, le scenografie di Melanie Jones, i costumi di Lisa Norcia e le musiche originali di Justin Hurwitz, Whiplash ha per protagonisti principali il giovane attore Miles Teller nei panni di Andrew e il veterano J.K. Simmons in quelli dell'insegnante Fletcher. L'anomalo rapporto che si instaura tra docente e allievo fa di Whiplash un film sulla musica molto diverso da quelli che si è abituati a vedere, come ha tenuto a precisare il regista in occasione della presentazione dell'opera al Sundance 2014 (dove ha rimediato il premio del pubblico): «Ci sono molti film sulla gioia della musica. Da giovane batterista che ha fatto parte di un'orchestra liceale in stile conservatorio, so però bene quale è il sentimento più frequente che si prova: la paura. La paura di perdere un colpo. La paura di perdere il ritmo. E, soprattutto, la paura del direttore d'orchestra. Con Whiplash ho voluto realizzare un film sulla musica che sembrasse un film sulla guerra o un film di gangster, in cui le armi sono sostituite dagli strumenti, le parole risuonano violente come pistole e l'azione anziché sul campo di battaglia ha luogo in una sala prove di una scuola o sul palco di un concerto.

La leggenda del jazz che mi ha sempre incuriosito maggiormente è quella del giovane Charlie Parker. Se qualcuno avesse chiesto ai sedicenni o diciassettenni, coetanei di Parker, di Kansas City chi sarebbe tra di loro diventato il più grande musicista della loro generazione, nessuno avrebbe scelto Charlie. Eppure, in qualche modo, è accaduta qualcosa nella tarda adolescenza di Charlie che lo ha portato all'età di 19 anni a suonare la più grande musica mai sentita prima. Come è potuto succedere? Beh, dicono che una notte Charlie abbia partecipato a una sessione musicale al Reno Club e abbia eseguito, con scarsi risultati, il suo assolo: si dice che come conseguenza il batterista dell'orchestra del locale gli abbia lanciato in testa un piatto e che il pubblico lo abbia deriso. Sempre secondo tale racconto, Charlie pare che sia andato a letto in lacrime e che abbia cominciato a pensare alla sua rivalsa. L'anno successivo, ha cominciato a esercitarsi come un pazzo per ritornare poi al Reno ed entusiasmare il mondo.

Da liceale, trascorrevo ore e ore ogni giorno rinchiuso in uno scantinato insonorizzato, suonando la batteria fino a quando le mie mani non sanguinavano, sognando di avere la stessa trasformazione di Parker. A spronarmi era il direttore d'orchestra della mia scuola, l'uomo dalle larghe vedute che era riuscito a trasformare una band di jazz alle prime armi di una scuola pubblica del New Jersey nel miglior gruppo scolastico della nazione (secondo il Down Beat Magazine) chiamato a suonare a due inaugurazioni presidenziali e ad aprire il JVC Jazz Festival di New York. Per anni, suonare la batteria è stato la mia vita e nella mia mente associavo la musica non con il divertimento, l'autorealizzazione o l'intrattenimento, ma con la paura.

Guardando indietro, mi chiedo come e perché sia potuto succedere. Il mio percorso come batterista mi ha portato a onori e riconoscimenti a livello nazionale ma ricordo ancora nitidamente gli incubi, la nausea, i pasti saltati e i giorni in preda all'ansia, implicabili a uno stile di musica che solo in superficie è libertà e gioia. La cosa più importante per me in quei giorni era il legame con il mio maestro. E in Whiplash volevo esplorare proprio quello: il nostro rapporto caricato e carico di tensione. Se un insegnante ha il dovere di spingere uno studente verso la grandezza, a quale punto dovrebbe fermarsi? Forse Charlie Parker aveva bisogno dell'umiliazione pubblica per diventare ciò che è diventato? Cosa rende qualcuno un grande?

Per catturare le emozioni che ho provato nei miei anni da batterista, ho voluto girare ogni esibizione musicale del film come se fosse una questione di vita o di morte, un inseguimento in auto o una rapina in banca. Ho voluto mostrare ogni dettaglio che ricordavo: tappi per le orecchie, bacchette spezzate, mani piene di vesciche o tagli, incessanti conteggi, sudore, fatica... Allo stesso tempo, ho voluto catturare i fugaci momenti di bellezza che la musica permette: quando ad esempio si ascolta un assolo di Charlie Parker, si va in estasi. Forse è per la sofferenza che Parker ha vissuto che oggi noi, decenni dopo, godiamo di tale beatitudine? Non ne ho idea ma è una domanda che vale la pena porsi, che va oltre la musica e tocca un concetto semplice e fondamentale per ogni americano: la grandezza a tutti i costi».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Chazelle, classe 1985, cresciuto a pane e Cassavetes, viene da un esordio (Guy and Madeline on a Park Bench) che con disinvolta arroganza innestava aperture da musical hollywoodiano su un dispositivo da Nouvelle vague. Whiplash - il più basso incasso mai arrivato alla nomination all’Oscar, girato e montato in 10 settimane, con un attore (Miles Teller, ottimo) che suona dal vivo e versa vero sangue sul set - è il suo manifesto, un’opera che grida le sue convinzioni, dilatando le performance live fino all’esaurimento, rivendicando il diritto di credere a un cinema duro e puro. Vincitore del Gran Premio della Giuria e del Premio del pubblico al Sundance 2014.

Commenti (9) vedi tutti

  • Impagabilmente noioso !

    leggi la recensione completa di chribio1
  • La musica come non la si era mai sentita al cinema,tra convinzione e crudeltà.

    leggi la recensione completa di LoSqualoSiciliano
  • Ambizione, perfezionismo, competizione: i drammi di un giovane uomo con grandi aspirazioni.

    leggi la recensione completa di giansnow89
  • bel film che però a mio parere si concentra troppo sull'aspetto ginnico dello strumento... ed il resto in fondo parliamo di Jazz improvvisazione, anima e fantasia...

    commento di gac
  • Un film da SENTIRE. Con quanti più sensi si possano racimolare. E non solo ovviamente per la musica che lo attraversa, ma anche per la tensione, il bel crescendo e LA FISICITÀ che lo contraddistinguono. Tutti elementi che tendono a trascinare lo spettatore senza richiedere sforzi extra.

    leggi la recensione completa di SillyWalter
  • Ciò che incute ribrezzo è l'accondiscendenza con cui Chazelle inquadra la storia e la morale che ne consegue, tralasciando sentimenti necessari come la pietà e la gentilezza.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Un film che puo' saper di poco ma un J.K.Simmons impressionante lo inalza di livello

    commento di PorLaSenioraa
  • Un bel film, non memorabile, con alcuni clichè ma anche bei momenti.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Il caos che diventa ordine, l'ordine che diventa caos.

    leggi la recensione completa di TheHangman89
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

giovenosta di giovenosta
1 stelle

WHIPLASH, O DELL'ACCADEMIA DEGLI ORRORI In uno dei prossimi post di Soundcrack avrei voluto parlare della vera e propria raffigurazione della musica nella storia del cinema, cercando di evidenziare quelle opere che a mio giudizio risultano, a questo proposito, emblematiche e quelle che fanno un cattivo servizio a una delle arti più amate e, a quanto sembra, difficilmente... leggi tutto

7 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Cantagallo di Cantagallo
5 stelle

Forse Whiplash sarebbe passato in sala abbastanza indenne, senza far gridare al miracolo ma senza nemmeno tirarsi addosso troppe critiche, se non fosse giunto al pubblico preceduto dalla sua stessa fama, che ha finito per polarizzare reazioni e giudizi tra entusiasmo e deciso dissenso. Effettivamente il lavoro di Damien Chazelle era atteso, non come può essere atteso un film blasonato... leggi tutto

9 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

amandagriss di amandagriss
9 stelle

  Una volta Eric Clapton dichiarò di voler diventare vecchio in fretta per cantare alla maniera dei grandi bluesman che adorava, e Bryan Adams, ancora un ragazzino, suonava la chitarra fino a farsi sanguinare le dita, e poi Dave Grohl, all’epoca batterista dei Nirvana, picchiava con tale potenza lo strumento da ridurre in polvere e trucioli le numerose bacchette che ad ogni... leggi tutto

50 recensioni positive

Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

galaverna di galaverna
9 stelle

Travolgente come la musica da cui è pervaso, un film che racconta con crudezza e una punta di cinismo la lotta per primeggiare. Qui il terreno di scontro è il mondo della musica, ma potrebbe valere per ogni contesto dove tra un medio esecutore ed un'eccellenza passano sacrifici, lacrime e sangue (tuttaltro che metaforico). Ottimi i due protagonisti, in un film che coinvolge...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

germarco di germarco
7 stelle

E' un film che raccomando vivamente a coloro che amano suonare le percussioni; a chi ama il jazz; ma in generale a chi ama la musica. Perché di buona musica, indubbiamente, se ne ascolta tanta. Poi c'è il complicato rapporto tra l'allievo ed il maestro del conservatorio, quest'ultimo estremamente esigente ed irascibile. Deve essere uno standard (o una moda) degli...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

alexio350 di alexio350
8 stelle

Un film che sembra far sua la famosa massima di Truman Capote: "quando Dio ti concede un dono, ti consegna anche una frusta; e questa frusta è predisposta unicamente per l'autoflagellazione". Avendo o convinto di avere il dono per la musica, il giovane Andrew (Miles A. Teller) finirà per autoflagellarsi sotto lo spietato maestro d'orchestra Fletcher (un magnifico J. K. Simmons...

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti

Recensione

chribio1 di chribio1
1 stelle

Film che,nonostante sia basato sulla Musica e con la presenza nel Cast anche di una new Starlette come Melissa Benoist ("SuperGirl" e da poco tempo abbastanza nota da Noi ...),non mi ha trovato per nulla interessato a quello che accadeva e tutto questo rullare di Batteria alla fine ha fatto solo venire ancora piu' senso di nausea che altro.voto.1.

leggi tutto
Recensione
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 14 voti
vedi tutti

Recensione

LoSqualoSiciliano di LoSqualoSiciliano
8 stelle

  ? whiplash tutto è incentrato su questo brano, che in pratica è il cardine portante di tutta la vicenda e che fa parte delle vite dei personaggi coinvolti, tra cui i principali, Miles Teller e J.K. Simmons il quale fa breccia con il suo personaggio.  Un personaggio quasi malvagio, sadico con lo scopo di mettere suggestione ai suoi adepti musicali, in poche parole...

leggi tutto

Recensione

giansnow89 di giansnow89
8 stelle

Qual è il confine fra il genio e la follia, fra il superamento dei propri limiti e l'alienazione sociale? Quanto siamo disposti, o quanto dovremmo essere disposti a sacrificare per avere il biglietto d'ingresso nell'Olimpo della storia e distinguerci da quella promiscua e chiassosa mediocrità che abita il mondo? Ne vale davvero la pena? Questa è la domanda che ci...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

AndrewTelevision01 di AndrewTelevision01
9 stelle

"Il segreto è rilassarsi. Non preoccuparti dei numeri, non pensare all'opinione degli altri. Sei qui per una ragione, divertiti!" ~Terence Fletcher  Diretto da Damien Chazelle, "Whiplash" è il secondo lungometraggio del regista. Puro e soprattutto intenso. Il film narra di Andrew Neiman, un normale ragazzo appassionato di musica jazz, che tramite l'incoraggiamento...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 10 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti

Recensione

IlGranCinematografo di IlGranCinematografo
5 stelle

  Vecchiume accademico e bigottismo didattico trovano un estremo baluardo di difesa nel film d'esordio di Damien Chazelle, che mette aggressivamente in campo – non è chiaro se volente o nolente – opinioni sul successo non solo pesantemente obsolete, ma persino pericolose: tirando le somme, si vuole insegnare che l'unico modo per vedere realizzato il proprio sogno nel...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
Disponibile dall'8 giugno 2016 in Dvd a 16,99€
Acquista

Recensione

labbro di labbro
7 stelle

Non il capolavoro che ho sentito magnificare da molti, ma un buon film, capace di trascinare lo spettatore che abbia voglia di “seguire il tempo” di questa pellicola, disponibile a farsi irretire e strattonare, blandire e frustare.   Il regista Chazelle mette in scena una storia apparentemente lineare, ma che offre alcuni spunti che vanno molto al di là...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015
Uscito nelle sale italiane il 9 febbraio 2015

Recensione

giovenosta di giovenosta
1 stelle

WHIPLASH, O DELL'ACCADEMIA DEGLI ORRORI In uno dei prossimi post di Soundcrack avrei voluto parlare della vera e propria raffigurazione della musica nella storia del cinema, cercando di evidenziare quelle opere che a mio giudizio risultano, a questo proposito, emblematiche e quelle che fanno un cattivo servizio a una delle arti più amate e, a quanto sembra, difficilmente...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

CANNES 2014 - QUINZAINE DES REALISATEURS Whiplash (2014): Miles Teller     Gran ressa, coda ed attesa fremente al Palais Croisette per WHIPLASH, fresco vincitore di due premi al Sundance. E non senza un motivo preciso perché il film di Damien Chazelle incendia letteralmente la sala, impegnata a fine proiezione a risarcire il regista e il fantastico interprete J.K....

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito