Espandi menu

Diplomacy - Una notte per salvare Parigi

Regia di Volker Schlöndorff vedi scheda film

Recensioni

L'autore

ethan

ethan

Iscritto dal 21 luglio 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 137
  • Post -
  • Recensioni 1484
  • Playlist 7
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Diplomacy - Una notte per salvare Parigi

di ethan
8 stelle

Nell'agosto del 1944 i tedeschi occupavano ancora Parigi ma subodoravano l'imminente aria di disfatta: Hitler aveva ordinato al generale Von Choltitz (Niels Arestrup) di piazzare diverse cariche di esplosivo nei punti nevralgici della città e farla così saltare per aria; il console svedese Nordling (André Dussolier) raggiunge il militare tedesco, già piuttosto anziano e malandato, per convincerlo a non eseguire l'ordine: inizia così una partita a scacchi tra i due uomini, avente come posta in palio il destino della capitale francese.

'Diplomacy' è un film di guerra molto diverso dalla gran parte degli altri titoli appartenenti al genere: è ambientato pressoché tutto in interni, è costituito essenzialmente da dialoghi e, cosa assai rara per un War Movie, si vede un'unica sequenza con spari, esplosioni e uccisioni.

La bravura del regista tedesco Volker Schlöndorff sta nell'essere riuscito a trasporre un fatto storico, mutuato però da un testo teatrale, dandogli un respiro cinematografico, evitando di cadere nella trappola del teatro filmato: i riferimenti al teatro sono ben visibili, con il quartier generale teutonico improvvisato nell'albergo a fare da quinta, con personaggi che, come in un palcoscenico, entrano ed escono, ma tutto si ferma qui, poiché il film, nonostante sia – come detto precedentemente – basato sul dialogo e non sull'azione, possiede un dinamismo e un senso del ritmo pienamente cinematografici.

Teso, asciutto ed essenziale nel ridurre il conflitto ad uno scontro unicamente sul piano della parola e appunto della diplomazia, 'Diplomacy' ha dalla sua anche due navigati interpreti in stato di grazia come André Dussolier e Niels Arestrup.

L'unico 'inconveniente' sta nella versione doppiata, dove fa un strano effetto sentire il militare tedesco dialogare nella sua lingua madre e il diplomatico svedese in italiano: a questo punto non era più sensato o doppiarli o mantenerli entrambi in originale?

Voto: 7/8.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati