Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    1984. Aria (Giulia Salerno) ha 9 anni e un sogno: essere amata dai suoi genitori (Charlotte Gainsbourg e Gabriel Garko), belli e dannati che vivono in un turbine di botte e scenate e che le preferiscono le due sorellastre nate da precedenti unioni. Di tutto danno la colpa a lei, che non fa la spia, ed è l’unica a esser punita. Quando padre e madre si separano, a turno cacciano di casa Aria, e lei va avanti e indietro fra le loro case, con la valigetta rosa e la gabbia col gatto. Sola nella città, Aria sfiora l’abisso, ma la sua innocenza la salva sempre. Ed è per innocenza che Aria fa finire in galera i genitori che la rinnegano, sfiorando la tragedia.

    Approfondimento

    INCOMPRESA: UN ROMANZO DI FORMAZIONE AL CONTRARIO

    Sceneggiato da Barbara Alberti e Asia Argento, Incompresa è il terzo film da regista di Asia Argento, che dopo Scarlet Diva e Ingannevole è il cuore più di ogni cosa ha scelto di tornare dietro la macchina da presa con una storia facilmente riconducibile alla sua infanzia. Protagonista di Incompresa è infatti Aria, una bambina di 9 anni che si ritrova suo malgrado a vivere la violenta separazione dei genitori e lo strappo dalle sue "sorellastre" in una famiglia allargata. A raccontare genesi e intenzioni di Incompresa, presentato nella sezione Un certain regard del Festival di Cannes 2014, sono le parole della stessa Argento: «Questo film ha la forma di un album dei ricordi. Come aprire una raccolta di fotografie e sfogliarle una a una, e guardare quella luce morbida e soffusa che sanno avere le giornate di maggio, in cui il sole sembra non dover tramontare mai.
    Incompresa è un testo che narra di una soggettività imperante e radicale, quella di una bambina di nove anni. Ho cercato nella mia infanzia per costruire la sua, è per questo ho ambientato il film negli anni Ottanta, quando anche io ero bambina. Nella storia riecheggiano i due elementi bergmaniani della fiaba e del romanzo di formazione; una formazione, tuttavia, impossibile, poiché lì dove nel classico bildungsroman il bambino deve essere traghettato nell'età adulta, attorno alla nostra protagonista il mondo degli adulti è un po' tragedia e un po' farsa. Incompresa quindi si dà come un romanzo di formazione al contrario, in cui sono soprattutto gli adulti che necessitano di essere formati, o forse de-formati, destrutturati. È della loro corazza di adulti che dovrebbero liberarsi e tornare a essere bambini.
    Se a Bergman ho "rubato" le strutture drammaturgiche è a Truffaut - da I quattrocento colpi, per la precisione - che mi ispiro per ritrarre il rapporto della bambina con la città. Roma - come la Parigi di Antoine Doinel - è la foresta incantata in cui si realizzano fughe, in cui si trova il senso della parola libertà. Girovagare nei quartieri della città da soli era un lusso che esisteva negli anni '80, noi della mia generazione lo ricordiamo bene, ma oggi si è completamente perso.
    Come dicevo all'inizio, vorrei che questo film avesse la forma di un album dei ricordi, di Polaroid - è questo lo spunto a cui io e Nicola Pecorini, il direttore della fotografia, ci siamo ispirati. Ricostruire quella sensazione che davano le tapparelle abbassate col pulviscolo atmosferico che danzava nell'aria. Riguardo la scenografia (Eugenia Di Napoli) e i costumi (Nicoletta Ercole), abbiamo cercato di evitare un film "in costume", ma qualcosa di realista, con dei tocchi minimali che ricordano l'epoca senza forzature.
    L'infanzia per me ricopre un ruolo fondamentale, era d'infanzia che del resto parlava anche il mio film precedente. Lo spettatore ideale di Incompresa è il bambino, non solo il giovane essere umano ma il bambino che è in ognuno di noi. È a quella parte sacrosanta dell'individuo che ho voluto parlare; ciò che intendo è esattamente l'opposto del fanciullino pascoliano, il quale sembrava morto da sempre; a me interessa il bambino allegro, vivo e vibrante, curioso e un po' ingenuo, capace di comunicare, apprendere e divertirsi, quello che va salvato e custodito per tutta la vita, quello che va affascinato piuttosto che "erudito". È al bambino anscosto dentro ogni adulto a cui mi rivolgo».

     

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Respira referenti internazionali, l’opera terza di Asia Argento regista, capace di incendiare gli interni domestici gettando inchiostro sulle pareti e parole di spietato disamore sulla bocca dei genitori, senza mai abbandonare l’intimità colorata e struggente del romanzo di formazione. Rivendicando il diritto a un cinema libero: grottesco e malinconico, repellente alle etichette fino al masochismo, sfacciatamente pop, "sentimentale". Incompreso, forse o comunque, ma prepotentemente fiero.

    Commenti (1) vedi tutti

    • Inguardabile!!! 289

      commento di vjarkiv
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è sufficiente

    bufera di bufera
    6 stelle

      Dopo "Scarlet Diva "(2000) e" Ingannevole è il cuore più di ogni cosa" (2005), Asia Argento, ormai trentottenne e determinata a fare la regista, ci propone la sua terza opera INCOMPRESA, di stampo autobiografico, ripetutamente da lei negato, per un breve periodo della sua infanzia. Siamo nel 1984, Aria è una bambina di 9 anni, (una perfetta e ben diretta Giulia... leggi tutto

    6 recensioni sufficienti

    Recensioni

    La recensione più votata delle positive

    maghella di maghella
    7 stelle

    Aria è una ragazzina di 10 anni, figlia di due genitori molto famosi, la madre una musicista e il padre un attore. Aria ha anche due sorellastre più grandi. Nonostante questa numerosa famiglia Aria si sente molto sola e senza amore. I rapporti tra i genitori sono tesi, presto arrivano ad una separazione e la convivenza con le sorellastre risulta difficile e conflittuale.... leggi tutto

    2 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle negative

    danceinthenight di danceinthenight
    3 stelle

    INCOMPRESA è un film che ho visto la scorsa estate e l'ho trovato talmente orribile e trash da risultare divertente. pessimi tutti e cattivo gusto a go go. La Charlotte Gainsbourg  è una versione moderna tossica e anoressica della matrigna di cenerentola e  Garko divertentissimo perchè impersona ironicamente se stesso e cioè un pessimo... leggi tutto

    1 recensioni negative

    Il meglio del 2015

    2015

    Disponibile dal 25 novembre 2015 in Dvd a 12,99€

    Acquista

    Recensione

    Nacro di Nacro
    5 stelle

    La prepubescenza di Asia Argento E' la storia di una ragazzina al centro di un costrasto tra due genitori egoisti. Chiaramente autobiografico , sua madre una famosa pianista (Charlotte Gainsbourg) e suo padre un attore (Gabriel Garko), il film è ben girato sotto l'aspetto tecnico, fotografia curata e cromaticamente vivace, poisizioni di macchina mai banali , uso di lenti particolari...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 2 utenti

    Il meglio del 2014

    2014

    Recensione

    bufera di bufera
    6 stelle

      Dopo "Scarlet Diva "(2000) e" Ingannevole è il cuore più di ogni cosa" (2005), Asia Argento, ormai trentottenne e determinata a fare la regista, ci propone la sua terza opera INCOMPRESA, di stampo autobiografico, ripetutamente da lei negato, per un breve periodo della sua infanzia. Siamo nel 1984, Aria è una bambina di 9 anni, (una perfetta e ben diretta Giulia...

    leggi tutto

    I film in sala giovedì 5 giugno 2014

    Redazione di Redazione

    È di nuovo il cinema nordico - dopo il bell'exploit la settimana scorsa del norvegese In ordine di sparizione - ad attirare l'attenzione. Questa volta andiamo in Svezia, nella Stoccolma degli anni '80: a...

    leggi tutto
    Playlist

    Uscito nelle sale italiane il 2 giugno 2014

    Incompresa valutazione media: 5.5 9 recensioni del pubblico.

    Le nostre firme

    Scopri chi sono le firme

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono le firme

    Come si diventa una firma

    Le firme sono scelte tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare una firma?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito