Trama

Nell'Unione Sovietica stalinista, l'agente di polizia segreta Leo (Tom Hardy) viene accusato di tradimento dal collega rivale Vasili (Joel Kinnaman) dopo aver rifiutato di denunciare la moglie Raisa (Noomi Rapace). Degradato e trasferito in una città più piccola, Leo ben presto si imbatte in una serie di omicidi di bambini. Anche se per ciascuno degli omicidi è stato già trovato un colpevole, Leo è convinto dalle varie analogie tra i delitti che si sia di fronte ad un'unica mano. Desiderando provare la verità della sua teoria, inizia ad investigare con l'aiuto di Raisa. In un sistema in cui il crimine non esiste ufficialmente, sostenere l'esistenza di un serial killer rende automaticamente Leo un nemico dello Stato: un'ottima occasione per Vasili, che non stava aspettando altro per liberarsi definitivamente di lui.

Approfondimento

CHILD 44 - IL BAMBINO N. 44: I CRIMINI DELLA RUSSIA STALINISTA

Diretto da Daniel Espinosa e sceneggiato da Richard Price, Child 44 - Il bambino n. 44 è l'adattamento dell'omonimo romanzo di Tom Rob Smith ed è un thriller a sfondo politico incentrato sulla misteriosa figura di un serial killer attivo nella Russia sovietica del 1953. La storia prende avvio con la crisi di coscienza di Leon Demodov, un agente segreto della polizia sovietica che perde prestigio, potere e residenza, quando si rifiuta di denunciare la moglie Raisa, colpevole di tradimento al regime. Esiliati da Mosca, Leo e Raisa sono costretti a trasferirsi in un lugubre avamposto di provincia e ad allearsi con il generale Mikhail Nesterov nel tentativo di dare un'identità al misterioso assassino seriale predatore di ragazzini. La loro ricerca della verità mina mina l’insabbiamento degli omicidi a livello nazionale, orchestrato da Vasili, psicopatico rivale ed ex collega di Leo che continuerà a sostenere che “Non ci sono crimini in Paradiso” perseguendo l'ideologia secondo cui non esistono crimini nella Russia stalinista.

Con la direzione della fotografia di Oliver Wood, le scenografie di Jan Roelf, i costumi di Jenny Beavan e le musiche di Jon Ekstrand, Child 44 - Il bambino n. 44 si ispira  a una spaventosa vicenda realmente accaduta sullo sfondo dello spietato sistema stalinista. Andrej Romanovi? ?ikatilo è stato un serial killer russo, soprannominato il Mostro di Rostov, accusato dell'omicidio di 53 donne e bambini fra il 1978 ed il 1990.

In quel tempo, nell'URSS, i crimini come quelli commessi da ?ikatilo erano censurati e reputati come "comuni solo nelle edonistiche nazioni capitaliste", anche per questo ?ikatilo fu arrestato solo nel 1990.

Confessò oltre 50 omicidi, fu condannato a morte e giustiziato nel 1994. La versione romanzata dell’atroce caso di cronaca, a firma dello scrittore Tom Rob Smith, colse il plauso della critica e il successo di pubblico quando fu pubblicata, nel 1998. Il libro – primo capitolo di una trilogia che comprende anche The Secret Speech e Agent 6 - è stato tradotto in 26 lingue e in Italia è edito da Sperling&Kupfer. Tra i fan del romanzo vi è anche il regista premio Oscar Ridley Scott, che da produttore ha voluto realizzarne l'adattamento cinematografico.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Protagonista principale di Child 44 - Il bambino n. 44 è l'attore tom Hardy, chiamato a rivestire i panni di Leo Demidov. Leo Demidov, orfano diventato eroe di guerra, è un superbo prodotto del sistema Sovietico. Demidov ha fatto carriera nell’MGB, il servizio di sicurezza nazionale dello Stato, fino a diventare uno degli investigatori di punta delle attività dei dissidenti. Quando Leo e il suo sadico collega Vasil, interpretato da Joel Kinnaman, riescono a catturare la presunta spia Anatoly Tarasovich Brodsky (a cui presta il volto l'attore Jason Clarke), il “traditore” fa il nome della moglie di Leo, la bella insegnante Raisa impersonata da Noomi Rapace, come parte del gruppo di cospiratori.

Costretto ad indagare sul presunto tradimento di Raisa, Leo si occupa anche del caso di un ragazzino trovato senza vita sui binari del treno. Nonostante tutti gli indizi facciano sospettare che si tratti di un omicidio, Leo descrive questa morte come un incidente al padre del piccolo, l’agente dell’MGB Alexei Andreyev supportato da Fares Fares, perché, secondo i dettami del regime stalinista, “Non ci sono crimini in Paradiso”.

Quando Leo si rifiuta di denunciare sua moglie, un comandante dell’MGB, il Maggiore Kuzmin con il volto di Vincent Cassel, confina la coppia nella tetra città industriale di Volsk. Costretti in un'angusta stamberga ed emarginati da tutti, Leo e Raisa scoprono che decine di altri ragazzini sono stati vittime di orribili incidenti vicino ai binari della ferrovia in circostanze pressoché identiche a quelle del figlio di Alexei. I due uniscono le forze con il capo della Polizia del luogo, il Generale Nesterov, interpretato da Gary Oldman, e riescono a fare furtivamente ritorno a Mosca per raccogliere indizi sul caso, prima di risalire all'identità del killer, il mansueto operaio Vladimir Malevich portato in scena da Paddy Considine.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Tra le pieghe dello script, occasionalmente, il film sembra provare a dire qualcosa di meno banale sui risultati psicologici della paura come sentimento totalizzante, sulla brutalità della polizia segreta MGB e sul lato oscuro del potere, ma annega nella retorica. Trascinandosi verso un finale di speranza che ha tutto il sapore della farsa. Adattamento dell'omonimo romanzo di Tom Rob Smith.

Commenti (5) vedi tutti

  • Non è un thriller , è un deludente manifesto contro lo stalinismo ...

    leggi la recensione completa di daniele64
  • Una ricostruzione d'ambiente che non ostante l'accuratezza scenografica e l'angosciante cupezza della tavolozza cromatica, ricapitola i luoghi comuni del clima repressivo del regime bolscevico, quale banale cornice narrativa per una detection story fondata sulla neutralizzazione dell'ambiguità dei caratteri e l'esaltazione dell'azione drammatica.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • Film d'azione di una complessa struttura, spesso difficile da seguire, dove si intrecciano il filone della denuncia politica, un grave fatto di cronaca che esige la ricerca di un serial killer,e un elemento melodrammatico di presa di coscienza del protagonista e dell'evoluzione della sua vita sentimentale

    leggi la recensione completa di bufera
  • Ostico e duro

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Più che un thriller una prolissa e noiosa denuncia dello stalinismo, la cronaca dell'inseguimento e della cattura del serial killer funge solo da contorno…siete avvisati se cercate un buon thriller guardate altrove.

    commento di Tex Murphy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

  Diretto dal regista svedese Daniel Espinosa, tratto dall’omonimo best seller di Tom Rob Smith, sceneggiato da Richard Price, CHILD 44 (2015) arriva in Italia  con un alone di delusione, sconfinante nell’insuccesso sia di critica che di pubblico. Eppure il libro è stato molto amato, il cast è stellare (Tom Hardy, Naomi Rapace, Gary Oldman, Joel Kinnaman,... leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

SillyWalter di SillyWalter
7 stelle

             Sono un po' spiazzato. Non è affatto un brutto film nel suo genere, anzi...Il punto è però chiarire quale sia il suo genere e la promozione non si è certo dannata per farlo. "Ispirato alla storia vera del serial killer di Rostov" fa da degno compare in cartellone a "DA Ridley Scott" (io nella mia ottusa... leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

maurizio73 di maurizio73
4 stelle

Confinato insieme alla consorte in un remoto avamposto degli Urali, il funzionario della polizia segreta sovietica ed ex eroe di guerra Leo Demidov, accetterà di collaborare con il generale comandante della locale milizia nell'indagine su di un pericoloso maniaco pedofilo responsabile dell'assassinio di numerosi bambini. La sua attività e la sua posizione però, sono... leggi tutto

8 recensioni negative

Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

daniele64 di daniele64
5 stelle

  Lento , lentissimo a tratti , questo film non è un vero thriller , ma una pellicola storica sullo stato pietoso in cui versava l'URSS ai tempi di Stalin . In effetti la sua cosa migliore , secondo me , è proprio l'eccellente ricostruzione storica della vita nel terribile dopoguerra sovietico . Molto efficace pure il cast , con un ottimo Hardy , una brava Rapace ed un...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Trasmesso il 24 settembre 2017 su Rai 4
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 17 giugno 2017 su Rai 4
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti

Recensione

maurizio73 di maurizio73
4 stelle

Confinato insieme alla consorte in un remoto avamposto degli Urali, il funzionario della polizia segreta sovietica ed ex eroe di guerra Leo Demidov, accetterà di collaborare con il generale comandante della locale milizia nell'indagine su di un pericoloso maniaco pedofilo responsabile dell'assassinio di numerosi bambini. La sua attività e la sua posizione però, sono...

leggi tutto

Recensione

California Mountain Snake di California Mountain Snake
3 stelle

Ennesima pellicola sul mostro di Rostov, ci ficca a forza anche una singolare relazione sentimentale tra i due protagonisti e una malriuscita denuncia della soffocante atmosfera in cui erano costretti a vivere i cittadini sovietici negli ultimi anni dell'era di Stalin (peccato che i delitti del mostro avvennero tra il 1978 e il 1990, chissà perché ambientarlo nell'epoca...

leggi tutto

Recensione

Furetto60 di Furetto60
6 stelle

Ostico e duro questo film,ispirato al romanzo di Tom Rob Smith,il quale, prendendo spunto dai delitti del mostro di Rostov,si è concesso la licenza di collocarli cronologicamente nell'unione sovietica stalinista, cogliendo la ghiotta occasione, per soffermarsi criticamente sul  clima repressivo e bieco, che si respirava all'epoca, sotto la guida...

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 9 maggio 2017 su Rsi La1
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

emil di emil
5 stelle

Venduto al grande pubblico come torbido thriller, in realtà il film cerca di elaborare lo status del regime dittatoriale della Russia di Stalin attraverso la vicenda del mostro di Rostov, un serial killer di bambini realmente esistito. Ma la storia che riguarda quest'ultimo è marginale, serve da pretesto per denunciare la capziosità del governo, secondo il quale in...

leggi tutto

RE Tom Hardy!

cinefox di cinefox

ATTENZIONE, i film con questo qui creano dipendenza! Da Warrior (2011) (prima mia visione) che lo ha consacrato, a Revenant (2015), passando per Locke (2013), Inception (2010) e dopo aver recuperato Bronson...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015
Disponibile dal 24 settembre 2015 in Dvd a 14,65€
Acquista

Recensione

bufera di bufera
6 stelle

  Diretto dal regista svedese Daniel Espinosa, tratto dall’omonimo best seller di Tom Rob Smith, sceneggiato da Richard Price, CHILD 44 (2015) arriva in Italia  con un alone di delusione, sconfinante nell’insuccesso sia di critica che di pubblico. Eppure il libro è stato molto amato, il cast è stellare (Tom Hardy, Naomi Rapace, Gary Oldman, Joel Kinnaman,...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 27 aprile 2015
Il meglio del 2013
2013
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito