Trama

Commentatore di una reteTv nazionale, Beale è in crisi di audience e sta per essere licenziato. Amareggiato e depresso, annuncia davanti alle telecamere che si suiciderà, e l'ascolto s'impenna. Diana Christensen e altri cinici manager televisivi fiutano l'affare. Trasformano Beale in un telepredicatore idolatrato dalla folla, poi, quando il fenomeno si sgonfia, lo fanno assassinare in diretta. Pamphlet sulla televisione scritto da Paddy Chayefsky, che la conosceva dal di dentro: aggressivo ed efficace, e soprattutto retto da uno straordinario Peter Finch alla su aultima interpretazione (vinse l'Oscar come miglior attore, postumo: e lo vinsero anche la Dunaway come protagonista, la Straight come non protagonista, e Chayefsky)

Commenti (4) vedi tutti

  • Un capolavoro ancora attuale

    leggi la recensione completa di mgcgio
  • Straordinariamente attuale questo bel film sulla potenza della televisione. Molte scene sono emblematiche e fanno davvero riflettere.

    commento di Artemisia1593
  • Superlativo. Il film è lucidissimo pur portando a paradosso situazioni che oggi superano le peggiori aspettative (la realtà supera la fantasia!). Con un grande e allucinato (o lucido anche lui?) Finch.

    commento di Daskabinett
  • Si può definire ciò un capolavoro?? Forse sarebbe qualcosa di piu ma nn mi vengono le parole

    commento di faromagico
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

kotrab di kotrab
8 stelle

Da una sceneggiatura di Paddy Chayefsky che conosceva bene il settore cui si riferisce Network, S. Lumet si cimenta indirettamente con un altro mezzo di comunicazione (più ipnotizzatore che espressivo) verso un pubblico: la televisione, questa "cosa" che vaga tra le antenne (Poltergeist - ma non solo - di Tobe Hooper arriverà nel 1982), partorita da studi fittizzi ed... leggi tutto

21 recensioni positive

Recensioni
Recensioni

Recensione

mgcgio di mgcgio
10 stelle

Un capolavoro ancora attuale. "Quinto potere" non è esattamente una distopia, ma segue la regola d'ora di ogni buona distopia: prendere gli elementi "critici" (che si considerano pericolosi) di qualcosa, e portarli all'eccesso, per rendere visibile quello che magari è difficile da individuare. Il "qualcosa", in questo caso, è il mondo della televisione. Ma "Quinto...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Virulenta satira del potere della televisione, "Network" è stato un film dal valore profetico, sicuramente in anticipo sui tempi. Determinante è stato l'apporto dello sceneggiatore Paddy Chayefsky, già autore di "Marty vita di un timido", che secondo il Mereghetti "vi ha riversato il suo stile teatrale enfatico e pesantemente didattico"; l'enfasi si ritrova in molte scene...

leggi tutto
Disponibile dal 5 maggio 2016 in Dvd a 9,99€
Acquista

AUDIENCE

Gioccik di Gioccik

Nel linguaggio delle comunicazioni di massa: complesso degli utenti che seguono contemporaneamente una determinata rete o un determinato programma trasmesso da un mezzo di comunicazione. Perseguita ad ogni costo,...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2015
2015

Recensione

michemar di michemar
9 stelle

Che un giorno, molto tempo dopo, i Salvini e i Grillo andassero in televisione ad urlare contro lo stato delle cose Sidney Lumet non se lo sarebbe mai e poi mai immaginato. Certo, il punto di partenza e i motivi che spingono Howard Beale, un anchorman in piena fase delirante ed autoesaltante, a fare il predicatore e a sollevar folle di telespettatori inebetiti e narcotizzati dalle inutili e...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Poteri

S* di S*

Potere esecutivo, potere legislativo, magistratura. E poi ci sono gli altri.

leggi tutto
Playlist

Recensione

GIMON 82 di GIMON 82
10 stelle

Un potere forte,maledetto e subdolo quello della TV,che fagocita i suoi "sudditi",rendendoli schiavi d'una perpetua illusione. "Quinto Potere" rappresenta una sorta di "enciclica" contro e dentro la TV,Howard Beale è un "Papa" o "messia" all'interno di essa,una luce/ombra che nella folle irrazionalita' riesce a mantenere un lato umano. E' il paradosso è proprio qui,nel seguire...

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

Stefano L di Stefano L
10 stelle

    Le parole di Howard Beale che denotano il mood di "Network", quando perde la ragione, sono traumatizzanti... Egli è un anchorman e dopo aver annunciato il suo suicidio in diretta, convinto di essere un mandante di Dio, viene letteralmente strumentalizzato da uno dei più potenti canali televisivi statunitensi per uno show personale in cui...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2012
2012

Recensione

Enrique di Enrique
10 stelle

Network si presenta, a prima vista, come una lucida (anche troppo forse) invettiva contro lo strapotere della televisione, mezzo capace di lobotomizzare masse inermi di persone, vittime ignare di un sistema mediatico più grande di loro. A me invece pare (per quanto capisco che possa sembrare - solo in apparenza però - l’eterno dilemma di cosa sia nato prima tra l’uovo e la gallina) che...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2011
2011

Recensione

kotrab di kotrab
8 stelle

Da una sceneggiatura di Paddy Chayefsky che conosceva bene il settore cui si riferisce Network, S. Lumet si cimenta indirettamente con un altro mezzo di comunicazione (più ipnotizzatore che espressivo) verso un pubblico: la televisione, questa "cosa" che vaga tra le antenne (Poltergeist - ma non solo - di Tobe Hooper arriverà nel 1982), partorita da studi fittizzi ed...

leggi tutto
Recensione
Utile per 20 utenti

Addio, Sidney

Dalton di Dalton

Oltre mezzo secolo di onorato servizio. L'Academy Awards ti ha negato l'oscar alla regia e ti ha concesso un contentino, con quello alla carriera, nel 2005. Ringraziando il cielo, la sterminata utenza di imdb.com...

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010

Recensione

cheftony di cheftony
10 stelle

"Signore e signori, vorrei a questo punto annunciare che io sarò costretto ad abbandonare questo programma fra due settimane, perché ho una basso indice. Dato che questa era l'unica cosa che mi dava soddisfazione nella vita, ho deciso di suicidarmi. Mi farò saltare le cervella durante questo programma." Questo è il discorso con cui Howard Beale, vedovo, anziano e...

leggi tutto
Il meglio del 2009
2009

Recensione

scandoniano di scandoniano
10 stelle

La TV plasma le coscienze. Affabula ed al contempo fagocita la realtà. E, lo si dice spesso, è lo specchio del paese. Se sia nato prima l’uovo o la gallina non è ci è dato saperlo: fatto sta che, nella fattispecie, realtà e fiction televisiva si alimentano reciprocamente senza soluzione di continuità. Sydney Lumet mette a nudo i sordidi meccanismi della televisione statunitense, fino a...

leggi tutto
Il meglio del 2008
2008
Il meglio del 2007
2007

Mittente Sconosciuto

Dying Theatre di Dying Theatre

Ciao, sono un bambino di rignano flaminio, sono le ombre che mi perseguitano, le trasfigurazioni dell'umana crudeltà che popolano i miei sogni un tempo puri, sono la Paura in tinte pastello, sono il sangue. Sono il...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2006
2006

Off-Topic: Michael Jackson (2)

strangerinworld di strangerinworld

Avrebbe potuto fermarsi ai tempi di Billie Jean o al massimo di Bad. Ma alla pazzia non si comanda. Si è sbiancato, s'è trasformato : un alien(ato) è diventato. Purtroppo non ha procurato solo danni per sé ma ha...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2005
2005

I Brillanti di Faye Dunaway

emmepi8 di emmepi8

Un'attrice scomodissima, che non ha abbandonato mai le sue esigenze e carettere ribelle, riducendosi a dover lavorare con la Werthmuller, in una ocsa vergognosa e non solo, ma non si è mai piegata..EVVIVA FAYE

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2004
2004
Il meglio del 2003
2003

Recensione

will kane di will kane
8 stelle

Sulla televisione,dapprima oggetto misterioso e poi nemico temibile,il cinema è stato difficilmente in grado di analizzare il fenomeno e riproporlo,anche in chiave critica o ironica."Network",da noi "Quinto potere",da una sceneggiatura del Paddy Chayefski di "Stati di allucinazione" è uno dei pochi titoli in grado,a tutt'oggi,di fare un quadro in stile quasi fantapolitico di un importante...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2002
2002
Il meglio del 1977
1977
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito