Espandi menu

300: L'alba di un impero

Trama

Nel 480 avanti Cristo, il generale greco Temistocle (Sullivan Stapleton) si ritrova alla guida delle forze militari ateniesi a combattere contro l'esercito degli invasori persiani, guidate dal mortale divenuto dio Serse (Rodrigo Santoro). Con astuzia e tattica, Temistocle pianifica una battaglia navale destinata a passare alla storia.

Approfondimento

300: L'ALBA DI UN IMPERO - L'ANOMALO SEGUITO DI 300

Diretto da Noam Murro e sceneggiato da Zack Snyder e Kurt Kohnstad, 300: L'alba di un impero è basato sulla graphic novel Serse di Frank Miller ed è l'anomalo seguito di 300, il blockbuster epico diretto da Snyder nel 2006. Riprendendo lo stile visivo del precedente capitolo, 300: L'alba di un impero offre come campo di battaglia il mare e vede i greci, sotto gli ordini del generale Temistocle, affrontare l'invasione massiccia della marina persiana, governata dal re Serse (un uomo trasformatosi in divinità) e comandata dalla vendicativa Artemisia. Sapendo che per sconfiggere il nemico occorre riunire tutte le forze della Grecia, Temistocle guiderà la carica con la speranza di cambiare il corso della guerra e avere la meglio.Mentre 300 raccontava i tre giorni della battaglia delle Termopili, 300: L'alba di un impero ripercorre in maniera fantastica un altro terribile scontro avvenuto realmente nello stesso arco temporale (con avversari il generale ateniese Temistocle e la comandante persiana Artemisia), permettendo così agli sceneggiatori di ritornare a "rivisitare" le stesse ore e gli stessi luoghi seppur con personaggi del tutto nuovi e di costruire una seconda storia perfettamente inseribile nell'architettura complessiva del primo capitolo. A differenza di 300 dove a combattere erano gli Spartani, in 300: L'alba di un nuovo impero a scendere in campo non sono dei soldati professionisti ma degli uomini liberi che decidono di combattere ed eventualmente di morire per ciò in cui credono.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

A contendersi la supremazia e la vittoria in 300: L'alba di un impero sono il generale Temistocle e la guerriera Artemisia, interpretati rispettivamente da Sullivan Stapleton ed Eva Green. In parte militare e in parte uomo politico, il giovane ateniese Temistocle usa tutte le sue abilità per perseguire un unico obiettivo: far sì che tutte le città-stato greche uniscano le loro forze e combattano insieme contro il nemico. Pur sapendo che non può competere con i Persiani, Temistocle ama il suo paese e crede nell'idea di democrazia, idea che la sanguinaria rivale Artemisia non concepisce affidandosi più alla sua brutalità e al suo senso di vendetta. Nata greca ma tradita dai suoi connazionale in giovane età, Artemisia vede nella morte del re persiano Dario per mano di Temistocle l'occasione giusta per far pagare alla sua gente ciò che ha dovuto subire lei nel tempo, portando dalla sua Serse, l'erede al trono. In 300: L'origine dell'impero è possibile anche scoprire come avviene la trasformazione del re persiano Serse (presente anche in 300) in divinità, una metamorfosi per cui sia Temistocle sia Artemisia giocano un ruolo significativo. A impersonare Serse è ancora una volta Rodrigo Santoro mentre l'attrice Lena Headey riprende il ruolo della regina spartana Gorgo, moglie del re Leonida: colei che agisce sia come osservatrice/narratrice degli eventi sia come leader degli Spartani (lontani dall'idea di democrazia di Temistocle e non pronti a sacrificare le loro forze militari per difendere la Grecia "unita").
Non militarmente addestrati come gli Spartani, gli ateniesi sono soprattutto uomini liberi che si mettono al servizio della patria, come il poeta e filosofo Eschilo (interpretato da Hans Matheson) e Scyllias e suo figlio Calisto (portati in scena da Callan Mulvey e Jack O'Connell).
Tra gli attori presenti in 300 che fanno la loro comparsa anche in 300: L'alba di un impero vi sono inoltre David Wenham (che riporta in scena il narratore Delios), Andrew Tiernan (che riprende il ruolo dell'irriconoscibile traditore Efialte) e Andrew Pleavin (che reinterpreta il soldato spartano Daxos).

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Narrando la cornice intorno alla battaglia delle Termopili il film dirotta l’attenzione da Sparta ad Atene, garante di democrazia e baluardo della Grecia unita. Il cambio di registro è evidente e aderente alla materia trattata, con il "logos" a impossessarsi delle azioni militari di Temistocle e la forza bruta soppiantata dalla strategia navale. I corpi sono però fagocitati dalla non impeccabile CGI stereoscopica, le gesta private delle necessarie ridondanze dell’epica, i ritmi bellici interrotti da concessioni all’erotismo con un’invadente Eva Green nei panni della regina Artemisia, comprimaria secondo Erodoto, qui antagonista per antonomasia.

Commenti (7) vedi tutti

  • Il gore è ancora massiccio, ma qui se ne fa uso con sufficiente inventiva.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • Come con il primo, ma forse questo ancora di più, bisogna lasciar perdere la storia reale Buon film d'azione con tante scene cruente di guerra

    commento di Controvento
  • Vederlo fino alla fine è una sfida. Inutilmente complicato, atmosfere completamente artificiali e ovattate, personaggi senza un briciolo di caratterizzazione, e anche il doppiaggio lascia molto a desiderare.

    commento di Mark92
  • Accanimento contro l'umanità, talmente brutto e tamarro da non poter nemmeno essere descritto.Tutto quanto è fetente, montato a caso, e terribilmente noioso.Qua i rallenty sono usati a livelli estremi, e la recitazione è mediocre.Unica cosa buona, Serse che comunque compare pochissimo, e ovviamente le tette di Eva Green, per il resto, la merda.

    commento di Utente rimosso (AlexVale)
  • certo che quella scena di sesso il regista se la poteva proprio evitare,come fanno due individui che si odiano a morte ad accoppiarsi come due cani subito dopo pochi minuti di dialogo per una guerra.

    commento di scursuni
  • Fumettone tutto sommato godibile ma non all'altezza del precedente capitolo, che, nel bene e nel male, introduceva tutte le novità del nuovo filone del "peplum digitale".

    commento di Tex Murphy
  • Meno bello del primo, forse perchè manca l'originalità. Ma nell'insieme sufficientemente godibile.

    commento di enandre
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

Eva Green l'ha disegnata Madre Natura. «Unisciti a me ...» 300 parte seconda: un po' sequel un po' prequel un po' gli avvinementi dei due episodi s'intrecciano tra loro per creare un filo comune logico. Ma non è importante. La "poetica", però, è la stessa: esibizione muscolare affogata nel mare magnum digitale. La "confezione" fumetto r(ipr)esa su pellicola (pardon, "file") in un... leggi tutto

9 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

GIMON 82 di GIMON 82
8 stelle

L'alba del nuovo impero si staglia nelle vie iconografiche digitali:virile,possente e saliente,dotato di virtu' "reto(eroi)riche",al passo con tempi millenari ma tanto moderni. Il secondo capitolo della saga (ripreso dalla novella di Frank Miller) offre qualcosa in piu' rispetto al precedente del 2007. Nel primo episodio assistevamo a uno zibaldone fumettistico assiemato nell'incedere... leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

GARIBALDI1975 di GARIBALDI1975
4 stelle

  Delusione, delusione, ... cocente delusione. Spazzatura assoluta, un miscuglio idiota di teste sgozzate e arti volanti, di sangue che sgorga verso lo sguardo dello spettatore, di visioni superflue di nudi capezzoli e, ciò che è peggio, gli autori hanno imbrattato il titolo "300" (l'originale - che ha lasciato in bene e in male un segno nel cinema e che rimane tra i miei... leggi tutto

9 recensioni negative

Il meglio del 2016
2016

Recensione

supadany di supadany
5 stelle

Costruito attorno al primo 300, L’alba di un impero ne riprende vizi, pregi e arte figurativa, ma se nel caso del film di Zack Snyder si trattava di una proposizione cinematografica che sembrava piovuta dal cielo, definiamola pure un’inattesa diramazione del classico peplum, questa riedizione non può mantenere intatto lo stesso (potenziale) fascino. Tolta quindi di mezzo...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

AgentCooper di AgentCooper
4 stelle

Ai tempi, quando era uscito 300 di Zack Snyder ricordo che lo apprezzai non poco. Visione dopo visione però l'euforia della prima visione venne sostituita da una certa dose di noia. Insomma il primo 300, pur godendo di un impatto grafico notevole risultava essere un modesto film d'intrattenimento (e neanche tra i migliori a dire il vero). Questo non perchè non sia divertente ma...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Disponibile dal 2 febbraio 2015 in Dvd a 9,99€
Acquista
Il meglio del 2014
2014

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
6 stelle

Eva Green l'ha disegnata Madre Natura. «Unisciti a me ...» 300 parte seconda: un po' sequel un po' prequel un po' gli avvinementi dei due episodi s'intrecciano tra loro per creare un filo comune logico. Ma non è importante. La "poetica", però, è la stessa: esibizione muscolare affogata nel mare magnum digitale. La "confezione" fumetto r(ipr)esa su pellicola (pardon, "file") in un...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 3 marzo 2014
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito