Don Jon

Trama

Jon (Joseph Gordon-Levitt) è un moderno don Giovanni, dipendente dal porno ed egocentrico, che non ha mai avuto problemi nel conquistare le donne fino a quando ha incontrato Barbara (Scarlett Johansson), una ragazza idealista alla ricerca dell'uomo giusto. La passione per Barbara spinge Jon a non dar peso alle loro differenze ma sulla sua strada presto trova Esther (Julianne Moore), una donna di qualche anno più grande rimasta recentemente vedova. Esther sembra capire Jon più di quanto Jon stesso si capisca, spingendolo a guardarsi dentro e a intraprendere un viaggio interiore per realizzare ciò che vuole veramente.

Approfondimento

DON JON: UNA RIFLESSIONE SULLA DONNA (E SULL'UOMO) OGGETTO

Scritto e diretto dall'attore Joseph Gordon-Levitt, al suo esordio dietro la macchina da presa, Don Jon è una commedia romantica che racconta della relazione tra un ragazzo che vede troppi film porno e una ragazza che, invece, guarda molti film romantici. Utilizzando il porno come pretesto, Don Jon ha l'obiettivo di far riflettere in maniera divertente e onesta sul machismo nella moderna società americana e su come l'oggettivazione della donna abbia preso il sopravvento, oltre che nel mondo dei mass media, anche nei rapporti di coppia e nell'intimità.Con una sceneggiatura frutto di quattro anni di lavoro, Don Jon vive dei suoi personaggi e dei modi in cui sono descritti, qualificandosi come uno studio di caratteri, di psicologie e di aspettative alimentate dal mondo circostante.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

In Don Jon, mentre il protagonista Jon oggettivizza le donne per colpa della sua "dipendenza" dalla pornografia, la fidanzata Barbara fantastica per conto proprio, seguendo i suoi ideali romantici. Pur essendo cresciuta in una famiglia cattolica, Barbara non è affatto una puritana ma ha idee tutte sue, che provengono dalle commedie romantiche hollywoodiane che vede, su come dovrebbe essere impostato un rapporto. Film, genitori e fiabe le hanno dato una certa immagine dell'uomo e della famiglia perfetta ma Jon, ossessionato anche dalla propria immagine, non può certo essere aspirare a rientrare in tali categorie, da cui cerca di rifuggire. Entrambi, dunque, non fanno altro che considerare l'altro sesso come un ideale "oggetto" che risponde alle proprie aspettative. Rispetto alla figura tragica del leggendario don Giovanni, donnaiolo rovinato costantemente dai propri difetti, a cui è ispirato, Jon riuscirà però a cambiare visione e a trovare un giusto equilibrio tra luci e ombre. Ad interpretare Jon è lo stesso Joseph Gordon-Levitt mentre la parte di Barbara è appannaggio di Scarlett Johansson. L'altra importante donna che entra nella vita di Jon è Esther, una compagna di studi del corso serale di Jon impersonata da Julianne Moore. Quando Ester scopre Jon intento a guardare un porno sul proprio cellulare durante una lezione, tra i due si pongono le basi per un rapporto molto franco che introdurrà il ragazzo a un modo completamente nuovo di pensare e di vedere le cose, accompagnandolo in un viaggio inaspettato di crescita. Sofferente per una grave perdita personale, Esther ha un'invidiabile mancanza di auto-coscienza e paradossalmente è spinta dalle proprie ferite ad aprirsi a nuove possibilità di vita.
Per il ruolo di Jon sr., il padre di Jon, Gordon-Levitt ha chiamato Tony Danza. Uomo della working class, Jon sr. è ossessionato dallo sport in televisione allo stesso modo in cui il figlio dipende dalla pornografia, dimostrando come l'abitudine a evadere dalla realtà e a distaccarsi dal mondo intorno sia quasi una questione di eredità familiare e un macro tema culturale della società moderna.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Al suo primo lungo, Gordon-Levitt azzarda a costruire un substrato teorico che utilizzi i codici della commedia per mettere in relazione carne e schermo. Ma la carenza d’immaginario è spaventosa e il regista/attore/sceneggiatore si trastulla un po’ troppo come il suo Jon, cercando una narrazione che faccia da contorno al curioso spunto iniziale ma finendo nel calderone dei bigini sentimentali che tanto deride e vorrebbe evitare. Alle intenzioni non segue il film e alle parole non fanno eco le immagini: così, dopo dieci minuti con nelle orecchie solo «fica, seghe, sborra e pompini», la macchina da presa si limita a inquadrare lembi di pelle politicamente corretti e la trama passa dall’analisi di una patologia a stracotte fiacchezze morali sul «perdersi nell’altro». Insomma, niente di nuovo dal Sundance.

Commenti (1) vedi tutti

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

Film furbetto, Don Jon. Per dire. Laccato Sundance, scodella agile termini scurrili e fugaci inquadrature di donne formose in atteggiamenti inequivocabili cercando di stupire con gli effetti speciali del Verbo del Porno. Ma il porno è verboso, il porno è una scusa. Il porno è prono ai precetti da piccolo principe dell’indie cool Joseph Gordon-Levitt, che scrive, dirige e interpreta.... leggi tutto

8 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

champagne1 di champagne1
6 stelle

Italo-americano, cattolico, spiantato e con tre culti nella vita: la macchina sportiva, la forma fisica e .. il porno. No, no che il sesso reale non lo appaghi, ma vuoi mettere  la libertà delle situazioni del porno, la disponibilità delle attrici, la gamma della situazioni, la mancanza di complicazioni? altro che la vita reale! Eppure un giorno Jon incontra una donna che... leggi tutto

10 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Tato88 di Tato88
10 stelle

Joseph Gordon-Levitt nel corso della sua rapida ascesa al successo è già diventato un'icona cinematografica calandosi nei panni di un giustiziere in fase embrionale, un guerriero dei sogni, un viaggiatore nel tempo... Ma per me resterà sempre il Tom di "500 days of summer", ed oggi me l'ha dimostrato dirigendo se stesso in un ruolo che potrebbe essere immaginato come un suo alter ego con... leggi tutto

6 recensioni positive

Trasmesso il 2 settembre 2017 su Rai Movie
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 15 agosto 2017 su Rai Movie

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
5 stelle

Nella società attuale, in cui tutto passa attraverso la rete, anche il sesso diventa vittima di questo facile metodo di soddisfacimento dei proprio impulsi. Lo sa bene Don Jon, interpretato in modo giocoso da Joseph Gordon-Levitt, che non deve poi sfoggiare molte doti recitative e che sembra quindi a metà servizio, che passa molte ore al giorno sui siti porno. Anche quando si...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Trasmesso il 4 agosto 2017 su Rai Movie
Trasmesso il 22 luglio 2017 su Rai Movie
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 30 marzo 2017 su Rai Movie
Il meglio del 2016
2016

Recensione

champagne1 di champagne1
6 stelle

Italo-americano, cattolico, spiantato e con tre culti nella vita: la macchina sportiva, la forma fisica e .. il porno. No, no che il sesso reale non lo appaghi, ma vuoi mettere  la libertà delle situazioni del porno, la disponibilità delle attrici, la gamma della situazioni, la mancanza di complicazioni? altro che la vita reale! Eppure un giorno Jon incontra una donna che...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2014
2014
Disponibile dall'8 maggio 2014 in Dvd a 9,99€
Acquista

Recensione

atomzombie di atomzombie
4 stelle

Levitt punta tutto sulla schiettezza e sull'originalità ma un soggetto fuori dagli schemi non basta. Ne esce una commedia debole, che non sa di niente, non è un disastro ma non è nemmeno un buon film. Veramente cerchi di farmi credere che questo Jon subito dopo una scopata con "Scarlett Johansson" abbia un estremo bisogno di porno? Che si faccia sgamare con tutta questa facilità e che non...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

Film furbetto, Don Jon. Per dire. Laccato Sundance, scodella agile termini scurrili e fugaci inquadrature di donne formose in atteggiamenti inequivocabili cercando di stupire con gli effetti speciali del Verbo del Porno. Ma il porno è verboso, il porno è una scusa. Il porno è prono ai precetti da piccolo principe dell’indie cool Joseph Gordon-Levitt, che scrive, dirige e interpreta....

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 25 novembre 2013
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito