Trama

Robin Wright si lascia scansionare dalla Miramount per la creazione di avatar digitali che la grande azienda cinematografica potrà sfruttare a suo piacimento, inserendo l'attrice in qualsiasi tipo di film di prossima produzione. Per i successivi vent'anni la Wright sarà costretta a frequentare il congresso Miramount Nagasaki come ospite d'onore fino a quando, in un mondo cambiato e dalle apparenze fantastiche, sarà testimone di una nuova invenzione che le offre la possibilità di vivere il suo film su richiesta, seguendo una semplice prescrizione.

Approfondimento

THE CONGRESS: IL FUTURO DEL CINEMA

Nel romanzo Il congresso di futurologia, il grande scrittore di fantascienza Stanislaw Lem immagina una dittatura chimica mondiale gestita da alcuni giganti dell'industria farmaceutica. Scritto negli anni Sessanta, il testo di Lem descrive il controllo completo esercitato dai produttori di prodotti farmaceutici su emozioni umane come l'amore, il desiderio, la gelosia e la paura della morte.
Considerato con Philip K. Dick uno dei più grandi profeti e filosofi della fantascienza, Lem non avrebbe mai potuto immaginare quanto le sue accurate visioni sarebbero diventate quasi realtà nei primi anni del terzo millennio grazie alla magia del cinema e all'uso della stereoscopia. Nell'era post-Avatar, ogni cineasta può infatti scegliere se far interpretare i suoi personaggi da attori in carne e ossa o da creature realizzate grazie alla computer graphic o agli effetti speciali, sostituendo le persone con immagini sintetiche capaci di generare entusiasmo. Traendo spunto da Lem e sostituendo la dittatura chimica con quella delle major cinematografiche, The Congress di Ari Folman (l'apprezzato regista di Valzer con Bashir) immagina un'ulteriore passo in avanti nel mondo del cinema e vede, con una forte connotazione critica, le immagini tridimensionali come prodotti chimici di cui ognuno può usufruire come vuole dietro prescrizione. Gli spettatori/consumatori possono in questo modo personalizzare i film e realizzare quelli che avrebbero voluto vedere, in base alle loro fantasie o desideri, con gli ologrammi dei loro attori preferiti, star un tempo famose che sono ormai diventate inutili e finite nel dimenticatoio. Del resto, che farsene degli attori dopo che loro stessi hanno deciso di vendere anima e corpo per la realizzazione dei propri ologrammi?

UN MIX DI LIVE ACTION E ANIMAZIONE

Con un approccio quasi documentaristico, The Congress segue l'attrice Robin Wright dopo la sua decisione di firmare un contratto con una (immaginaria) major alla quale cede tutti i diritti di sfruttamento della sua immagine virtuale (ottenuta da una scansione completa). Iniziando in live action, dal momento della scansione in poi The Congress si trasforma in un film d'animazione e segue l'odissea a cui va incontro la Wright quando la sua immagine si trasforma in formula chimica e si ritrova a muoversi in un mondo futuristico e fantastico, caratterizzato da un profondo senso di nostalgia per il cinema che fu. La produzione di The Congress è frutto della collaborazione di diversi paesi: Germania, Francia, Inghilterra, Polonia, Belgio, Lussemburgo e Israele. Le immagini in live action hanno avuto luogo nel deserto del Mojave in California, a Los Angeles, a Berlino e nella Renania Settentrionale-Vestfalia.
L'animazione del film è un omaggio all'opera dei fratelli Fleischer, che negli anni Trenta del Novecento hanno creato Popeye, Betty Boop e il primo Superman, e presenta diversi rimandi ai capolavori fantascientifici di Stanley Kubrick (in particolar modo, ad opere come Il dottor Stranamore e 2001. Odissea nello spazio). Tutta realizzata a mano, ha richiesto 1200 disegni al minuto per un totale di oltre 60 mila disegni e di 200 artisti coinvolti.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Di The Congress - mix di animazione e live action, liberamente tratto dal romanzo Il congresso di futurologia, di Stanislaw Lem, già autore di Solaris - nuovo film del colonnello israeliano Ari Folman, vanno senz’altro rimarcati coraggio e ambizione. Nella seconda parte lisergica, The Congress si fa più faticoso e cerebrale, pur mantenendo un indubbio fascino visivo. Da segnalare l’ottimo Danny Huston, sofisticato cattivo.

Commenti (3) vedi tutti

  • Promette benino; poi la svolta a cartoni, che ci sta, se fatta bene, ma il tutto per me non funziona.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • interessante, curioso e coraggioso, dunque da vedere a prescindere

    commento di gac
  • Mi rendo conto di essere anacronistico… ma… potete aiutarmi a comprare il dvd? Non riesco a trovarlo (non doppiato, naturalmente, mi accontento della versione originale).

    commento di Luca Stallker
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

QUINZAINE DES REALISATEURS - OUVERTURE Il film dell'israeliano Ari Folman, metà fiction con attori veri (più una diva che interpreta se stessa), metà animazione, è stato un film premeditatamente destinato ad aprire quest'anno la celebre rassegna che tocca quest'anno le 45 primavere. Un film ideale secondo gli organizzatori, con le potenzialità per far riflettere (e creare anche una certa... leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

leporello di leporello
8 stelle

La straziante versione di “Forever Young”, il celebre brano di Bob Dylan che Robin Wright interpreta in sottofondo con rarefatta intensità durante il suo malinconico volo in una delle scene clou del film, introduce ad uno solo dei tantissimi argomenti (e non è probabilmente quello principale, ma solo quello deputato ad innescare la miccia) che Ari Folman affronta in questo lavoro... leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

tobanis di tobanis
4 stelle

Quattro o cinque? Questo il dubbio a fine film, un’opera che in definitiva è un tentativo malriuscito. Carino all’inizio, però, con questa attrice (Robin Wright che interpreta una sorta di sé stessa) che alla fine accetta di farsi “digitalizzare”: non girerà più film, ma i produttori lo faranno lo stesso, rendendola al computer (e... leggi tutto

2 recensioni negative

Recensione

tobanis di tobanis
4 stelle

Quattro o cinque? Questo il dubbio a fine film, un’opera che in definitiva è un tentativo malriuscito. Carino all’inizio, però, con questa attrice (Robin Wright che interpreta una sorta di sé stessa) che alla fine accetta di farsi “digitalizzare”: non girerà più film, ma i produttori lo faranno lo stesso, rendendola al computer (e...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 10 voti
vedi tutti
Trasmesso il 28 maggio 2017 su Rai 4
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015

Recensione

logos di logos
9 stelle

Senz’altro un’opera complessa, sia per la sceneggiatura che per i differenti stili in cui è strutturata. Per quanto riguarda la trama, vengono coinvolte tematiche come l’identità, la finzione, il senso della verità e della non verità, l’illusione del sogno e la disumanizzazione della realtà, ma poi entra in ballo anche il senso stesso...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Disponibile dal 22 gennaio 2015 in Dvd a 14,24€
Acquista
Il meglio del 2014
2014
Uscito nelle sale italiane il 9 giugno 2014

Recensione

leporello di leporello
8 stelle

La straziante versione di “Forever Young”, il celebre brano di Bob Dylan che Robin Wright interpreta in sottofondo con rarefatta intensità durante il suo malinconico volo in una delle scene clou del film, introduce ad uno solo dei tantissimi argomenti (e non è probabilmente quello principale, ma solo quello deputato ad innescare la miccia) che Ari Folman affronta in questo lavoro...

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

QUINZAINE DES REALISATEURS - OUVERTURE Il film dell'israeliano Ari Folman, metà fiction con attori veri (più una diva che interpreta se stessa), metà animazione, è stato un film premeditatamente destinato ad aprire quest'anno la celebre rassegna che tocca quest'anno le 45 primavere. Un film ideale secondo gli organizzatori, con le potenzialità per far riflettere (e creare anche una certa...

leggi tutto
Recensione
Utile per 16 utenti
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito