Espandi menu

Il ponte sul fiume Kwai

Regia di David Lean vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 184
  • Post 19
  • Recensioni 1235
  • Playlist 105
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il ponte sul fiume Kwai

di steno79
9 stelle

E’ incredibile constatare come a tanti anni di distanza un film come “Il ponte sul fiume Kwai” regga ancora benissimo come kolossal spettacolare e come vigorosa denuncia del militarismo. Per una volta, gli Oscar assegnati al film furono dati con pieno merito. Questo film inaugura il filone di opere ad alto budget e girate in località esotiche che ci darà almeno un capolavoro assoluto con “Lawrence d’Arabia” e un film amatissimo dalle platee in tutto il mondo come “Il dottor Zivago”: Lean dimostra la sua ineccepibile perizia registica su una durata di quasi tre ore, all’epoca ancora impegnativa, con un ritmo sostenuto che non cede mai alla noia, né nelle sequenze d’azione girate in esterni nello Sri Lanka, né in quelle dialogiche ambientate al comando militare, dove non una parola risulta fuori posto. Il conflitto etico del colonnello Nicholson e la sua ostinazione che sfocia nel tradimento sono analizzati con vigore nella sceneggiatura di Carl Foreman e Michael Wilson, all’epoca sulla lista nera di Hollywood per simpatie comuniste, che non poterono ricevere l’accredito nei titoli e non poterono ritirare l’Oscar per la migliore sceneggiatura, assegnato allo scrittore del romanzo originario Pierre Boulle. Naturalmente memorabile l’interpretazione di Alec Guinness nel ruolo del colonnello Nicholson, reso perfettamente nell’ostinazione a perseguire un ideale di rigida moralità che però viene sconfessato nel tragico finale; ottimo anche il veterano Sessue Hayakawa, sottilmente teatrale nei gesti e nelle movenze, mentre efficaci ma meno ricchi di sfumature risultano i contributi professionali di William Holden e Jack Hawkins. La smagliante fotografia di Jack Hildyard e le musiche di Malcolm Arnold col celebre motivetto fischiato dai soldati sono il corredo di un film intelligente che intrattiene e fa riflettere sull’assurdità di certi codici di comportamento bellici, attestandosi anche su valori figurativi notevoli.

Voto 9/10

William Holden, Jack Hawkins in una scena

Il ponte sul fiume Kwai (1957): William Holden, Jack Hawkins in una scena

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati