Trama

A Parigi Pauline (Clémence Poésy) incontra il signor Morgan (Michael Caine) su un autobus. Lui è un professore americano di filosofia ormai in pensione e con manie suicide mentre lei è una giovane insegnante di danza piena di vitalità e ottimismo. Cinquant'anni di differenza separano le loro vite ma, accomunati dalla stessa solitudine, i due sviluppano una singolare amicizia che li porta a riscoprire il piacere della compagnia, il valore del romanticismo e il vero significato della famiglia. Mentre Pauline si abitua all'idea di prendersi cura di qualcuno, grazie a lei Morgan si avvicina al figlio Miles (Justin Kirk), piacevolmente colpito dai suoi cambiamenti. Il tentativo di Miles e della sorella Karen (Gillian Anderson) di riportare Morgan in patria scatenerà però conseguenze impreviste nella vita di tutti quanti.

Approfondimento

MISTER MORGAN: UN'INSOLITA AMICIZIA

Mister Morgan racconta la storia agrodolce di un solitario vedovo che a Parigi incontra casualmente una giovane e vivace donna, capace di insegnargli nuovamente a vivere. Pur trascorrendo poco tempo insieme, entrambi usciranno trasformati dalla toccante amicizia (senza alcuna attrazione di tipo amoroso e sessuale) che stravolge le loro vite. Scritto e diretto da Sandra Nettelbeck, Mister Morgan è tratto dal romanzo francese La douceur Assassine di Françoise Dorner e gioca sullo scontro degli stereotipi tra due culture differenti e agli antipodi come quella americana e quella francese. Mentre nell'opera di Donner il protagonista è il francese Monsieur Armand, la Nettelbeck ha scelto di cambiarne nome e nazionalità per trasformarlo nell'americano Matthew Morgan. Per il ruolo del protagonista, il Mister Morgan eponimo, la Netterbeck ha da subito pensato all'attore americano Michael Caine, che nonostante i suoi 78 anni conserva ancora fascino e carisma. Il reclutamento di Caine ha permesso alla piccola casa produttrice del film (la tedesca Kaminski.Stiehm) di trovare grossi partner internazionali francesi, belga, tedeschi e americani,che hanno elargito mezzi e fondi per trovare gli altri attori che compongono il cast principale e per terminare le riprese in 38 giorni.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Dopo aver individuato in Michael Caine per il volto giusto per l'anziano Matthew Morgan, bisognava trovare l'attrice da affiancargli per il ruolo di Pauline, la giovane donna francese che sin da quando offre il suo aiuto su un autobus a Mr. Morgan comincia a stravolgergli l'esistenza. Armata di entusiasmo, gioia di vivere e irrefrenabile ottimismo, Pauline è colei che con la sua presenza, tra passeggiate quotidiane per Parigi e pranzi nei parchi, lo aiuta a (ri)scoprire il valore dell'amicizia, il senso di appartenenza a una comunità, il romanticismo e l'importanza della famiglia. È infatti grazie a lei che Mr. Morgan si avvicina, per la prima volta dopo molto tempo, ai figli Miles e Karen con cui in seguito alla tragedia della morte della moglie si è innescato un conflitto che sembra non aver risoluzione. La scelta della regista è ricaduta sull'attrice francese Clémence Poésy, in grado con il suo eccellente inglese di recitare al fianco di Caine. Fondamentale per il ricongiungimento della famiglia Morgan è che Matthew faccia i conti con la scomparsa della defunta moglie Joan, ancora molto viva nei suoi ricordi e interpretata da Jane Alexander, quattro volte candidata agli Oscar e nota per i diversi ruoli interpretati al cinema (da Kramer contro Kramer a Tutti gli uomini del Presidente, passando per I nuovi centurioni e Terminator Salvation). A impersonare Miles e Karen sono invece Justin Kirk e Gillian Anderson.
Il cast principale è poi completato da due celebri attrici francesi: Anne Alvaro, scelta per la parte di Madame Colette Léry (colei che torna a far battere il cuore di mr. Morgan), e Michèle Goddet, che porta in scena il personaggio di Madame Dune (la governante di Mr. Morgan).

RIPRESE IN 4 PAESI

Protrattesi per un tempo relativamente breve, le riprese di Mister Morgan hanno avuto luogo durante l'autunno in Francia, Belgio e Germania. Girando per undici giorni a Parigi, quattro in Bretagna, undici in Belgio e dodici negli studi di Colonia, Sandra Nettelbeck ha visto alternarsi diversi gruppi di collaboratori locali, tutti sempre pronti ad adattarsi alle direttive della regista e del direttore della fotografia (nonché collaboratore di lunga data della Nettelbeck) Michael Bertl. A curare le scenografie di Mister Morgan è invece il direttore di produzione francese Stanislas Reydellet. Celebre per il lavoro svolto in opere come Il concerto o La vie en rose, Reydellet ha scelto le location parigine e si è occupato della creazione degli interni negli studios di Colonia.

Le musiche, infine, portano la firma del talentuoso e prolifico compositore Hans Zimmer.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Una regia di maniera accompagna, nascosta, una sceneggiatura che nei dialoghi ha i suoi punti deboli e nelle derive fantasmatiche le sue evitabili cadute di stile. Ma la scelta della Nettelbeck di affidarsi ai volti dei suoi candidi e intensi interpreti, alla lunga, paga: Caine e la Poésy ci tengono incollati allo schermo e, per un attimo, li vorremmo anche noi come padre e figlia. Così, Mister Morgan finisce per regalarci istanti di autentico realismo sentimentale.

Commenti (1) vedi tutti

  • Film da vecchi. Parte iniziale noiosa e altamente improbabile. Dialoghi degni delle migliori fiction di Rai 1. La regista è riuscita a far piangere…dal ridere.

    commento di Ciabatman
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

  Matthew Morgan, vedovo americano a Parigi, conosce per caso la francese Pauline Laubie. Lui è anziano, lei molto più giovane, entrambi si reputano soli al mondo e cercano persone vicarie grazie alle quali continuare un rapporto interrotto dalla morte. Lui cerca l’amata Joan, lei il padre perduto in tenera età. Storia da bigino di psicologia di base,... leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

logos di logos
8 stelle

Il film è davvero un'esposizione elegante del sentimento senza cadere nella retorica. E il finale fa abbastanza riflettere su come la solitudine sia inaggirabile per una vita vissuta fino in fondo nella profondità esistenziale. Il senso della morte, accostato all'amore e alla conciliazione, rende questo film davvero meraviglioso anche nello stile di allegra mestizia che effonde... leggi tutto

3 recensioni positive

Trasmesso il 18 luglio 2017 su Rsi La1
Il meglio del 2015
2015
Disponibile dal 2 febbraio 2015 in Dvd a 17,59€
Acquista
Il meglio del 2014
2014

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

  Matthew Morgan, vedovo americano a Parigi, conosce per caso la francese Pauline Laubie. Lui è anziano, lei molto più giovane, entrambi si reputano soli al mondo e cercano persone vicarie grazie alle quali continuare un rapporto interrotto dalla morte. Lui cerca l’amata Joan, lei il padre perduto in tenera età. Storia da bigino di psicologia di base,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Uscito nelle sale italiane il 7 aprile 2014
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito