Trama

Adam (Jake Gyllenhaal), un insegnante divorziato, vive un'esistenza tranquilla insieme alla fidanzata Mary fino al giorno in cui, dopo aver visto un film, scopre l'esistenza di Anthony, un attore identico a lui che vive a pochi passi da casa sua con la moglie Helen. Adam comincia a seguire il suo "doppio", curioso di capire a distanza chi sia e come viva la sua vita. A poco a poco la curiosità lascia spazio all'ossessione e presto le strade dei due uomini si incrociano, dando inizio a una letale battaglia alla fine della quale solo uno sopravviverà. Tutto ciò potrebbe però essere solo frutto della fantasia...

Approfondimento

ENEMY: UN UOMO E IL SUO DOPPIO

Con una sceneggiatura di Javier Gullón basata sul romanzo L'uomo duplicato del premio Nobel José Saramago e diretto da Denis Villenueve, Enemy racconta la storia di un professore universitario di nome Adam che, ormai prossimo alla fine della relazione con la fidanzata Mary, una notte mentre guarda un film nota un attore che sembra identico a lui. Consumato dal desiderio di conoscere il suo "doppio", Adam rintraccia Anthony, l'attore che vive insieme alla moglie incinta Helen, e lo coinvolge in una lotta complessa e pericolosa.
Thriller a carattere psicosessuale, Enemy si rivela un'inquietante e provocatoria analisi dei concetti di dualità e di identità, alla fine della quale soltanto uno dei due uomini sopravviverà. Con un profondo senso di vertigine che ne caratterizza tutta la storia, il film - così come il romanzo di Saramago - affronta con umorismo feroce il potere che il subconscio ha nell'influenzare la vita degli esseri umani, approfittando delle loro debolezze e delle fragilità generate dalla società circostante: il protagonista Adam, infatti, non è altro un uomo che per lasciare la sua amante e tornare dalla moglie incinta deve affrontare prima di tutto se stesso, il suo peggior nemico.

I PROTAGONISTI PRINCIPALI

Gran parte del peso di Enemy poggia sulle spalle dell'attore Jake Gyllenhaal, chiamato ad interpretare la parte di Adam e del suo alter ego Anthony. Descritti come due personaggi che si ritrovano ad intrecciarsi uno nella vita dell'altro, Adam ed Anthony si differiscono soltanto per alcune sottigliezze: uno dei due ha la barba mentre l'altro no e uno parla con un accento buffo di cui l'altro è invece privo. Entrambi, poi, sono alle prese con la stessa situazione ma in modo diverso ed inevitabilmente uno dei due deve lasciare il passo all'altro e soccombere per farlo sopravvivere. L'attrice francese Mélanie Laurent dà vita al personaggio di Mary, la fidanzata con cui Adam sta per rompere. Donna molto vulnerabile ma non necessariamente vittima, Mary è ancora molto innamorata del suo uomo ma si è resa conto che il loro rapporto semplicemente non funziona.
Helen, la moglie incinta di Anthony, ha il volto della talentuosa e giovanissima Sarah Gadon. Personaggio molto realistico e con i piedi per terra, Helen desidera che il marito sia diverso da come egli effettivamente è fino a quando un giorno lo vede entrare dalla porta come l'uomo che ha sempre voluto che fosse.
Terzo personaggio femminile forte di Enemy, è Caroline, la madre di Adam che da lui si reca per un chiarimento sulla situazione venutasi a creare. Ad interpretare Caroline, un'artista che esercitando potere sul figlio lo isola ancora di più nella sua angoscia, è Isabella Rossellini.

IMPROVVISAZIONE E RAGNI

Con una sceneggiatura che forniva solo spunti e indicazioni, Enemy durante le riprese ha potuto contare sulla capacità di improvvisazione degli attori, chiamati ad esplorare i loro personaggi e a regalor loro un percorso emotivo coerente da mettere in scena. Le sequenze in cui Jake Gyllenhaal interagisce con il proprio doppio hanno rappresentato una vera sfida per il direttore della fotografia Nicolas Bolduc, che ha lavorato con un sistema speciale di controllo del movimento chiamato Mo-Sys e programmabile per ripetere più volte lo stesso preciso movimento di camera, permettendo di girare la stessa scena in maniera identica. Il che ha reso possibile fare le stesse identiche riprese con Gyllenhaal prima nei panni di Adam e poi in quelli di Anthony. In molte delle sequenze, inoltre, per permettere all'attore di interagire con "qualcuno", lo stesso Bolduc si è prestato a figurare come Adam o Anthony a secondo delle esigenze per poi essere "cancellato" in post-produzione. In altre scene, invece, per mantenere lo sguardo di Gyllenhaal sempre nella stessa direzione, come se stesse guardando negli occhi il "rivale", si è usata un'asta con in sommita una palla da tennis. Lo scenografo Patrice Vermette si è occupato invece di far riflettere le diverse identità di Adam ed Anthony negli ambienti in cui si muovono.
Nonostante sia assente nel romanzo di Saramago, in Enemy si ripete il simbolo del ragno. Collegata secondo lo sceneggiatore Gullón alla maternità, la simbologia del ragno può essere interpretata in diversi modi in base ai significati connessi alla sessualità e al subconscio che ognuno riesce a cogliervi.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Adattamento del romanzo _L'uomo duplicato_ di José Saramago.

Commenti (5) vedi tutti

  • un film curioso con un inizio e un finale misterioso...la parte centrale ottima, recitato bene, bravo Gyllenhaal, livello di tensione da vero thriller , peccato del finale deludente.

    commento di nicelady55
  • La rete brutalista in cemento armato fatta di celle compartimentate in cui si muove l'eroe perso tra i vari s(1)é è un panopticon senza carcerieri né spettatori in cui la libertà si attorciglia su s(2)é stessa e non trova altra via di fuga che l'afferrarsi le filiere tra le fauci e iniziare da capo, lo specolo caliginoso del futuro tutto per s(3)é.

    leggi la recensione completa di mck
  • Enigmatico thriller di Villeneuve

    leggi la recensione completa di lino99
  • Partendo da un racconto di José Saramago, Villeneuve ci regala un magnifico thriller onirico tanto semplice nella trama quanto carico di significati metaforici.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Quella di Villeneuve è una forte presa di coscienza ed una sottile critica nei confronti di chi, lasciandosi dominare dagli eventi, dagli istinti e da una logica del parziale, vive nel costante, ma inconscio desiderio di ritrovare il centro e la propria unità.

    leggi la recensione completa di Odradekk
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

NOODLES98 di NOODLES98
9 stelle

Oso o non oso? Già lo scorso anno, il canadese Denis Villeneuve ci aveva regalato quella perla che era Prisoners, progetto monumentale per durata (più di due ore e mezza) e ampiezza della storia e dei temi trattati (si andava dalla pazzia alla giustizia privata, passando per la crudeltà dell'uomo e lo sgretolarsi di un nucleo famigliare). Ora è tornato con un... leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Insegnate di storia depresso e abitudinario, scopre l'esistenza di un suo clone che fa l'attore e che vive tranquillamente con la moglie incinta nella sua stessa città. Incuriosito dai motivi di questa incredibile ed assoluta somiglianza, inizia a pedinarlo ed osservarlo, finchè non decide di incontrarlo direttamente. La scelta si rivelerà piena di imprevisti e di ferali... leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

ApeRugina di ApeRugina
3 stelle

Estremamente deludente, nulla a che vedere con il meraviglioso film dell'anno precedente (Prisoners), dello stesso regista e con lo stesso attore protagonista. Trama inconsistente, non succede niente, nè ci sono i presupposti perchè succeda qualcosa, e tuttavia una musica incombente pare annunciare chissà quale colpo di scena; che non avviene mai. Lo sdoppiamento del... leggi tutto

1 recensioni negative

Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Appisolatevi, Sveglioni!

mck di mck

"Il primo ordine di problemi consisteva nel convincersi che le cose fatte da quelle tre persone precedenti non erano state fatte da ME. Io ero una persona nuova, la quarta in linea di successione. Io e le mie...

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 29 voti
vedi tutti

Recensione

lino99 di lino99
7 stelle

Denis Villeneuve è un veterano del thriller psicologico, nonché uno dei registi più blasonati del momento, tanto da essersi guadagnato la direzione dell'imminente sequel di "Blade Runner". Subito dopo la pellicola che lo ha reso noto al grande pubblico, l'ottimo giallo "Prisoners", il cineasta canadese affronta di nuovo la complessità della mente umana, quel...

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Incontra Se Stesso

Mike.Wazowski di Mike.Wazowski

la visione di LOGAN mi porta a riprendere una vecchia idea di play-post, di qualche anno fa, che mi ero segnato ma mai portata a termine. Praticamente l'idea di base era, ma quante volte Bruce Willis si era...

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

mck di mck
8 stelle

  1.  E QUESTO, CHI È.  “ Il caos è un ordine da decifrare ”, dal (ehm..."borgesiano", ehm...) “Libro dei Contrari”, in esergo a “l'Uomo Duplicato” di José Saramago. La trama della tela ( “ Oggi mi ami davvero, oggi no ” - citazion d'altrove ).    Alfa. “Fidelio” -...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Insegnate di storia depresso e abitudinario, scopre l'esistenza di un suo clone che fa l'attore e che vive tranquillamente con la moglie incinta nella sua stessa città. Incuriosito dai motivi di questa incredibile ed assoluta somiglianza, inizia a pedinarlo ed osservarlo, finchè non decide di incontrarlo direttamente. La scelta si rivelerà piena di imprevisti e di ferali...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

NOODLES98 di NOODLES98
9 stelle

Oso o non oso? Già lo scorso anno, il canadese Denis Villeneuve ci aveva regalato quella perla che era Prisoners, progetto monumentale per durata (più di due ore e mezza) e ampiezza della storia e dei temi trattati (si andava dalla pazzia alla giustizia privata, passando per la crudeltà dell'uomo e lo sgretolarsi di un nucleo famigliare). Ora è tornato con un...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito