Trama

La guerra tra clan della yakuza per il controllo del potere preoccupa non poco le forze di polizia. La crisi economica ha portato i membri del Sanno, l'organizzazione più potente della regione di Kanto, a sfidare apertamente il pericoloso clan degli Hanabishi, coloro che dettano leggi e condizioni nella regione di Kansai. Non riuscendo a porre freno all'ondata di sangue generata, la polizia decide di rimettere in libertà Otomo (Takeshi Kitano), il vecchio scagnozzo che tutti credevano morto.

Approfondimento

OUTRAGE BEYOND: LA STORIA VISTA DA VICINO

Retto da menti giovani, il clan dei Sanno, protagonista "corale" di Outrage Beyond, è diventato una grande organizzazione espandendo il proprio potere nella politica e negli affari delle grandi imprese. I membri della vecchia guardia sono stati costretti a mettersi da parte, covando risentimento nei confronti di coloro che li hanno spinti ai margini. Su questa vulnerabilità punta soprattutto l'ambizioso detective Kataoka che, con trame oscure e sporchi trucchi, aprirà una partita del tutto nuova per la lotta di potere all'interno della yakuza. Nelle intenzioni di Kataoka c'è la volontà di istigare il conflitto tra i Sanno e il clan degli Hanabishi, nella speranza che si distruggano a vicenda. Per rendere i Sanno più deboli, subdolamente sfrutta le lamentele della vecchia guardia, non contenta dell'operato del nuovo comandante Kato e, pur di raggiungere il suo intento, Kataoka è disposto anche a liberare Otomo dal carcere (interpretato dallo stesso Takeshi Kitano).

La notizia della liberazione di Otomo crea molte tensioni all'interno del clan Sanno. Ad essere particolarmente nervoso è Ishihara, il cui tradimento aveva portato all'arresto di Otomo. Temendo una vendetta, Ishihara avvia una frenetica caccia all'uomo il cui unico imperativo è sparare a vista e uccidere Otomo. Quest'ultimo, però, non ha alcuna intenzione di farsi giustizia né tantomeno di ritornare a essere un mafioso. Viene convinto a ritornare in azione grazie a un patto che Kataoka gli fa stipulare con Kimura, ex scagnozzo di una famiglia criminale ormai estinta resosi responsabili di un accoltellamento in carcere ai danni dello stesso Otomo.

UN SEQUEL AMBIGUO

Outrage Beyond rappresenta per il regista Takeshi Kitano la possibilità di dare una nuova svolta alla storia raccontata in Outrage, presa come spunto di partenza per rivoluzionare la narrazione delle avventure di Otomo e i cliché tipici dei film di gangster. Poliziotti e mafiosi sono infatti in genere caratterizzati dall'appartenenza alle sfere opposte del bene e del male. Capita che ci siano anche rare situazioni in cui la yakuza viene messa a confronto con un mondo di poliziotti corrotti ma, solitamente, interviene sempre un agente con un forte senso della giustizia che riequilibra il tutto. In Outrage Beyond, invece, è difficile stabilire chi sia il buono e chi il cattivo. Con questa ambiguità di fondo, Kitano gioca con le strategie messe in atto da entrambe le parti in causa: non sempre alle intenzioni dei personaggi corrispondono poi le reali azioni e la storia si concentra soprattutto sui tentativi di polizia e yakuza di superarsi a vicenda in astuzia.

LA GIUSTA DOSE DI CRUDELTÀ

«Credo che un regista abbia bisogno di essere obiettivo sulla materia trattata. Posso pensare a delle scene cruente e violente ma qualche volta bisogna limitarsi. Sebbene io non sopporti la banalità nei miei film, non è così facile concepire una scena con la giusta dose di pepe. Contemporaneamente, però, cerco di non fare cose eccentriche solo per il gusto di farle. Essere un regista richiede equilibrio e gusto estetico per trovare la giusta dose di crudeltà da mostrare». Così il regista Takeshi Kitano si esprime sulle scene di violenza contenute in Outrage Beyond. Pur appartenendo al genere yakuza, il film si distacca notevolmente dalle due diverse scuole di pensiero rappresentate dalle saghe di Ken Takakura e Kinji Fukasaku. Come Outrage, anche Outrage Beyond presenta molti dialoghi attraverso i quali si ricostruiscono le psicologie dei personaggi e si dà grande rilevanza alla violenza verbale. Durante le riprese, agli attori è stato richiesto di rimanere fedeli ai dialoghi della sceneggiatura poiché ogni piccola modifica avrebbe potuto influenzare la trama.

IL RITO DEL SAKE

In Outrage Beyond Takeshi Kitano mette in luce le forte relazioni che rendono la yakuza un'organizzazione criminale unica al mondo. La natura spirituale dei vincoli assoluti tra i kyodai (i fratelli) e gli oyako (padre e figlio) si spinge al di là delle relazioni effettive che si instaurano tra fratelli di sangue e padri e figli reali. Questi legami pseudo-familiari sono sigillati dalla rituale condivisione del sake (il rito del Sakazuki), durante il quale si sancisce la gerarchia all'interno dell'organizzazione. Una volta che si condivide il sake, nessuno può sciogliere il patto sigillato, anche quando questo potrebbe andare contro i propri interessi personali.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Seguito di Outrage (2010).

Commenti (1) vedi tutti

  • Sara' pure il seguito di "Outrage" del 2010 ma gira e rigira siamo sempre li' con la Yakuza e un paio di scatole grandi cosi' e ancora peggio del predecessore.1.

    commento di chribio1
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Quello che la yakuza non è più. Un’organizzazione di uomini d’onore. Un esercito di veri soldati. Una famiglia di fratelli con un unico padre. Kitano ama cavalcare il declino, trasformandolo in una dura storia personale. L’eroe è un essere marginale, intorno al quale il mondo crolla, mentre lui, cinicamente, ne accelera la fine con un lungimirante senso della tragedia storica. Otomo... leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

davidestanzione di davidestanzione
6 stelle

Uno dei più gloriosi e originali autori del cinema giapponese di tutti i tempi torna a Venezia col sequel del più classico e stantio dei suoi yakuza movie, “Outrage”, presentato a Cannes nel 2010. Già il solo fatto di aver voluto girare un secondo episodio che ampliasse la storia di quel film e che i mal pensanti prefigurano lì lì per degenerare addirittura in una malsana trilogia, è... leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Il meglio del 2015
2015

Recensione

dareiusee8vtec di dareiusee8vtec
6 stelle

Continua la faida tra la famiglia Sanno e la famiglia Hanabishi, la polizia finge di indagare sulla faccenda ma in realtà è corrotta. Inoltre il gangster che tutti credevano morto, Otomo (T. Kitano), è sopravvissuto e si prepara per la sua vendetta. Sequel di "Outrage" (2010), Kitano continua a dirigere ed interpretare e regala sempre una buona prova. Stavolta si gioca...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2014
2014
Disponibile dal 9 giugno 2014 in Dvd a 8,26€
Acquista

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Tempi di magra oggigiorno anche per le cosche della delinquenza giapponese: le nuove leve, in circostanze non molto chiare ed anzi tali da destare sospetti tra il ceto più maturo (ed invidioso), sono passate al potere: nuovi padroni che hanno studiato economia nelle università,  e compreso che per garantire il profitto alla rete di riciclaggio ed affari loschi serve un contributo fattivo di...

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Quello che la yakuza non è più. Un’organizzazione di uomini d’onore. Un esercito di veri soldati. Una famiglia di fratelli con un unico padre. Kitano ama cavalcare il declino, trasformandolo in una dura storia personale. L’eroe è un essere marginale, intorno al quale il mondo crolla, mentre lui, cinicamente, ne accelera la fine con un lungimirante senso della tragedia storica. Otomo...

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
Il meglio del 2012
2012

Chi vive sperando...

BobtheHeat di BobtheHeat

Amo vedere i film in sala. Ho atteso più di un anno l'uscita di Killer Joe, e alla fine , miracolosamente, dopo che era stato annunciato prima ad Aprile poi a Maggio..poi...non so quando ... è uscito e sono...

leggi tutto
Il meglio del 2000
2000
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito