Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Buon anno Sarajevo

    • Djeca

    • Bosnia Herzegovina
    • Genere: Drammatico
    • durata 90'
    play

    Regia di Aida Begic

    Con Marija Pikic, Ismir Gagula, Nikola Duricko, Stasa Dukic, Velibor Topic Vedi cast completo

    Questo film non è disponibile. Prenotalo o aggiungilo alla tua Watchlist.

    Trama

    Rahima, 23 anni, e il fratello quattordicenne Nedim sono orfani della guerra in Bosnia. Vivono a Sarajevo, città in transizione che ha perso ogni compassione per i figli di coloro che sono morti durante il conflitto. Dopo aver trascorso un'adolescenza inquieta, Rahima ha trovato conforto nell'Islam e spera che Nedim segua le sue orme. La loro vita si complica quando a scuola Nedim si scontra violentemente con il figlio di un potente ministro. Da ciò scaturiscono una serie di eventi che portano Rahima a scoprire che Nedim conduce una doppia vita.

    Approfondimento

    LA TRANSIZIONE DOPO LA GUERRA

    Snow, il primo film di Aida Begic, era la storia di un gruppo di donne i cui uomini erano stati uccisi durante i massacri della guerra nella Bosnia orientale. Ne seguivano le vicende e i tentativi di sopravvivenza nel 1997, nell'immediato dopoguerra. Mentre lavorava alla realizzazione del film, Aida Begic si è ritrovata spesso a parlare con le attrici del "sogno bosniaco". Sul set si discuteva e si fantasticava sulla ricostruzione di un Paese e di una società dilaniati da un orrore senza fine. A distanza di più di un decennio dallo scoppio del conflitto, quelle conversazioni hanno fatto ritornare alla mente della regista i desideri che si vivevano a quel tempo e ha deciso di confrontare l'idea del "sogno" con la differente realtà creatasi nel frattempo in Bosnia. Dall'impietoso confronto, è emerso che nessuno in fondo aveva mantenuto le promesse e i sogni di conseguenza avevano lasciato spazio ai ricordi. Paradossalmente, il periodo della guerra, nonostante fosse il più difficile da vivere, aveva rappresentato per molti individui l'unico momento in cui avevano vissuto realmente. Senza differenze economiche tra le classi sociali, tutte ugualmente miserabili, la guerra aveva provveduto a mantenere vive le coscienze, la voglia di fare e il desiderio di felicità, tutte esigenze appiattitesi poi per lasciare spazio a contingenze meno umane e alla creazione di nuove differenze sociali frutto della smania di potere. Il periodo di transizione in Bosnia, dalla guerra al ritorno alla normalità, ha comportato un senso di impotenza e l'incapacità di pensare e progettare in chiave futura. Dopo due decenni di guerra, la gente vive in un continuo "oggi" e ha paura di guardare al "domani". Come in tutti i Paesi che escono da una guerra, la transizione si è rivelata un terreno di coltura perfetto per l'ingiustizia, la corruzione, la violenza e molti altri fenomeni sociali con valenza negativa. Le persone che erano solite vivere in fondo alla scala sociale sono divenute all'improvviso ricche e hanno raggiunto posizioni di potere, venendo sostituite in basso da coloro che hanno rifiutato di adeguarsi alle nuove e sporche "regole del gioco".

    LA PAURA DEL DIVERSO

    Il personaggio di Rahima trova conforto aderendo al credo della religione islamica. Dal momento che lei indossa un velo, al ristorante in cui lavora tutti cominciano a comportarsi come una famiglia disfunzionale unita nel condividere il destino di "diverso", riservato a tutti quelli che si allontanano dalle forme comportamentali socialmente condivise. Da islamica, per un pregiudizio condiviso in gran parte del mondo occidentale, Rahima diventa una minaccia, un pericolo da cui guardarsi. Rahima però non è molto diversa dalle ragazze della sua età: si comporta come tutti i suoi coetanei, ascolta la stessa musica, ama e odia allo stesso modo e, soprattutto, commette gli stessi errori. La discriminazione nasce perché viene percepita come diversa. Discriminati sono anche Davor (il cuoco del ristorante appartenente alla minoranza croata e omosessuale), Dino (il giovane cameriere con qualche problema di droga) e al marito della proprietaria del ristorante (reo di avere abbracciato l'insegnamento di una corrente islamica radicale e di aver portato i figli con sé).

    UN MONDO DI CONTRASTI

    Per illustrare i ricordi di Rahima, Aida Begic decide di inserire nel film alcuni filmati amatoriali girati durante il periodo della guerra. Contrariamente alle immagini mostrate dalle televisioni di tutto il mondo sulla situazione generale, i filmati scelti raccontano un universo molto differente, un mondo in cui la gente continua a vivere la propria vita come se la situazione fosse normale. Durante l'assedio della città, si continuavano a organizzare feste, mettere in piedi spettacoli teatrali e a girare film. Nelle loro case, le persone con le loro piccole telecamere invece filmavano i loro momenti privati e le loro memorie intime in contesti che sembravano esulare dagli orrori del mondo circostante. Inseriti in Buon anno Sarajevo, i filmati creano un forte contrasto visivo che, in qualche modo, richiama gli altri contrasti della storia, in cui si fronteggiano ricchi e poveri, vita e morte, passato e presente, realtà e illusione, libertà e prigionia. Rahima stessa è un piccolo microcosmo in cui convivono tutti questi contrasti, rendendola il paradigma della confusione post-bellica.

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Aida Begic racconta Sarajevo e la Bosnia a più di dieci anni dalla guerra con il piglio sicuro di chi sa maneggiare con scioltezza il mezzo cinematografico. Con la macchina da presa a spalla la Begic mette in scena, nei diluiti piani sequenza ricompensati con il Premio Lino Miccichè a Pesaro 2012 per il Miglior Film, la ricerca di una traccia di umanità in mezzo a tanti contrasti. Il film era candidato ufficiale per la Bosnia all'Oscar per il miglior film straniero ma non è entrato nella short list.
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    nickoftime di nickoftime
    8 stelle

    Le guerre sono tutte uguali, così come lo sono le conseguenze sopportate da chi riesce a sopravvivergli ma, per questioni di vicinanza geografica, e per la tipologia di un conflitto trasformatosi in scontro fratricida, quella balcanica era destinata inevitabilmente a rimanere più impressa di altre nella nostra memoria. E così, sulla scia del melodramma familiare firmato da Sergio... leggi tutto

    4 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    giancarlo visitilli di giancarlo visitilli
    6 stelle

    E’ come ritornare a guardare i tg e gli speciali, quelli degli anni Novanta, con i brandelli carne e muri e i cani che si cibavano di quel che avanzava. E poi i tanti morti e le migliaia di sopravvissuti. La maggior parte in condizione di orfani. Come Rahima e suo fratello Nedim, i protagonisti del film della regista Aida Begic. Loro sono orfani a causa della guerra in Bosnia. Vivono a... leggi tutto

    1 recensioni sufficienti

    Il meglio del 2014

    2014

    Recensione

    OGM di OGM
    7 stelle

    L’obiettivo segue Rahima. Non la perde di vista neanche per un attimo. Il fatto è che però lei non sta mai ferma, ed è difficile starle dietro. Per guadagnarsi da vivere, fa l’aiutante di cucina in un locale alla moda. Intanto deve badare a Nedim, il fratello minore, che si comporta in modo strano, e a volte scompare. E dire che, fino a ieri, tutti e  due...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 2 utenti

    Il meglio del 2013

    2013

    Recensione

    nickoftime di nickoftime
    8 stelle

    Le guerre sono tutte uguali, così come lo sono le conseguenze sopportate da chi riesce a sopravvivergli ma, per questioni di vicinanza geografica, e per la tipologia di un conflitto trasformatosi in scontro fratricida, quella balcanica era destinata inevitabilmente a rimanere più impressa di altre nella nostra memoria. E così, sulla scia del melodramma familiare firmato da Sergio...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 4 utenti

    Il meglio del 2012

    2012

    Uscito nelle sale italiane il 31 dicembre 2012

    Il meglio del 2000

    2000

    I nostri top user

    Scopri chi sono i top user

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono i top user

    Come si diventa un top user

    I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare un top user?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito