The Big Wedding

play

Regia di Justin Zackham

Con Robert De Niro, Diane Keaton, Susan Sarandon, Ben Barnes, Katherine Heigl, Amanda Seyfried, Robin Williams, Topher Grace... Vedi cast completo

  • In TV
  • Rai 1
  • canale 1 HD 501
  • Ore 21:30
altre VISIONI

Trama

Dopo dieci anni, Elle (Diane Keaton) torna nella sua casa in Connecticut per la prima volta da quando si è separata dal marito Don (Robert De Niro), colpevole di averla tradita con la sua miglior amica Bebe (Susan Sarandon). L'occasione per il rientro è data dal matrimonio di Alejandro (Ben Barnes), il figlio che lei e Don avevano adottato, che si terrà nella casa costruita dai due ex coniugi e dove Don continua a vivere felice con Bebe. Le complicazioni nascono quando Alejandro comunica di aver invitato alle nozze anche Madonna Soto (Patricia Rae), la madre biologica che a causa delle forti convinzioni religiose non ha mai saputo che Elle e Don si sono separati. Per farle credere di essere ancora una tipica famiglia, Don e Ellie sono costretti a mettere da parte il loro risentimento e fingersi ancora sposati, costringendo Bebe a scomparire per il fine settimana della cerimonia.

Approfondimento

THE BIG WEDDING: LE NOZZE E LA FAMIGLIA

The Big Wedding racconta l'organizzazione delle nozze di due giovani ragazzi. Partendo dal presupposto che il matrimonio è per natura un evento molto stressante - a causa delle emozioni che si scatenano e delle pressioni che nascono affinché quel giorno ogni cosa sia perfetta - che distoglie l'attenzione dei futuri sposi da ciò che li lega e li rende una coppia felice, al caos dei preparativi The Big Wedding aggiunge una famiglia più che eccentrica, facendo sì che gli eventi precipitino in un caos di inevitabili incidenti e malintesi.
Prendendo spunto dal film svizzero Mon frère se marie (2006) e tenendo conto dell'esperienza dell'inferno vissuto nel preparare il proprio matrimonio, lo sceneggiatore, regista e produttore Justin Zackman ha cominciato a scrivere il copione The Big Wedding concentrandosi sulla storia del figlio adottivo dei Griffin che chiede ai genitori ormai divorziati di fingersi ancora sposati per il giorno delle nozze, in modo da non deludere le aspettative della sua religiosa madre biologica. Ad influenzare di molto la sceneggiatura di The Big Wedding è inoltre la realtà della cittadina di Greenwich, nel Connecticut, dove Zackman (di origini ebree) è nato e cresciuto tra circoli sportivi, scuole private e gente dell'alta società, tutti elementi che hanno contribuito a rendere ancora più strana la famiglia Griffin.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

The Big Wedding segue principalmente il punto di vista di Ellie Griffin. Interpretata da Diane Keaton, Ellie rientra per la prima volta dopo dieci anni a casa dell'ex marito Don, con cui ha cresciuto tre figli. Portato in scena da Robert De Niro, Don è un uomo abbastanza scontroso che desidera vivere in pace e senza problemi insieme a Bebe McBride, la donna che è stata la causa del divorzio da Ellie impersonata da Susan Sarandon e ormai ben calatasi nei panni della matrigna. Con l'arrivo di Ellie, Bebe avrà modo di esaminare gli anni passati con Don e di ripensare al loro rapporto, forse non così perfetto come sembra.
A generare scompiglio e a portare disagio tra i tre Ellie, Don e Bebe, è l'insolita richiesta di Alejandro, il figlio adottivo dei Griffin. Per non deludere e turbare la religiosissima e conservatrice madre biologica che, nonostante le previsioni, ha accettato di prendere parte al matrimonio, Alejandro chiede a Don ed Ellie di fingersi ancora sposati, costringendo in questo modo Bebe a lasciare casa Griffin temporaneamente. Allevato nei primi anni di vita in una famiglia ultra-cattolica in Colombia, Alejandro ha poi imparato a convivere con la religione ebrea e buddista di Ellie e con la miscredulità di Don ma non desidera per alcun motivo far credere alla madre naturale, che lo ha dato in adozione con la speranza di una vita migliore negli Stati Uniti, di essere finito in una famiglia disfunzionale. Mentre Alejandro è impersonato da Ben Barnes, a dare volto alla madre naturale è invece l'attrice Patricia Rae.
Così come Alejandro, anche la futura sposa Missy O'Connor, interpretata da Amanda Seyfried, ha i suoi problemi con i genitori, non contenti che la figlia stia per sposare qualcuno proveniente da un altro paese e, soprattutto, da una famiglia non convenzionale. Inoltre, come se i guai familiari non bastassero, Alejandro e Missy hanno deciso - anche se controvoglia - di sposarsi con il rito tradizionale cattolico per far contenti i genitori di lei e la madre naturale di lui. A celebrare le nozze sarà infatti padre Monaghan, prete di una ricca parrocchia che incarna perfettamente tutto ciò che gli O'Connor desiderano e i Griffin hanno sempre rifuggito. Ad interpretare padre Monaghan è l'attore Robin Williams, ritornato al cinema dopo tre anni di impegni soprattutto televisivi.
Per assistere al matrimonio, a Greenwich arrivano anche gli altri due figli dei Griffin: Jared, interpretato da Topher Grace, e Lyla, interpretata da Katherine Heigl. Di ritorno a casa, Jared si ritrova a confrontarsi con la sua decisione di rimanere vergine quando conosce Nuria, la sorella colombiana di Alejandro. Lyla, invece, sta attraversando un brutto momento con il marito e ha paura di fare la stessa fine del padre Don, a cui assomiglia in tutto e per tutto.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

L'America e suoi sciocchi stereotipi, la Hollywood progressista senescente, con il suo privilegiato prontuario di individualismo immanente ed egoistica ricerca di sé, che fa i conti con i propri debolissimi figli, in cerca solamente d’approdi sicuri ed estinti ideali. In una stracca commedia corale del rimatrimonio, una farsa che semina possibili conflitti e eventuali sviluppi ma non sa creare nessuna tensione narrativa.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

supadany di supadany
3 stelle

«Il matrimonio è come una trappola per topi: chi è dentro vorrebbe uscirne, mentre gli altri ci girano intorno per entrare». Ancora una volta, il lieto evento di un matrimonio è l’occasione (ritenuta) propizia per costruire una commedia corale. Senza arrivare a pretendere un nuovo Un matrimonio, era comunque sia auspicabile non scivolare completamente in... leggi tutto

4 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

degoffro di degoffro
5 stelle

Pur avendo a disposizione un cast, sulla carta, da sogno (De Niro, Sarandon, Keaton e Williams), il quasi sconosciuto Justin Zackham (finora, di noto, ha firmato solo la sceneggiatura di “Non è mai troppo tardi” di Rob Reiner) non va oltre l’ennesima, scipita, commedia matrimoniale dall’umorismo che si vorrebbe sboccato ed irriverente (si parte con De Niro che... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensione

supadany di supadany
3 stelle

«Il matrimonio è come una trappola per topi: chi è dentro vorrebbe uscirne, mentre gli altri ci girano intorno per entrare». Ancora una volta, il lieto evento di un matrimonio è l’occasione (ritenuta) propizia per costruire una commedia corale. Senza arrivare a pretendere un nuovo Un matrimonio, era comunque sia auspicabile non scivolare completamente in...

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
Il meglio del 2015
2015
Disponibile dal 7 aprile 2015 in Dvd a 9,99€
Acquista

Recensione

Lina di Lina
3 stelle

La caduta di un mito che fu: Robert De Niro che ormai invecchiato e sull'orlo della disoccupazione cinematografica, si presta ad accettare ruoli grotteschi in cui deve in fondo solo fare il verso a se stesso, ma lui purtroppo lo fa attraverso un'autoironia sterile ed inefficace, gonfia solo di volgarità e di stupidità. La scena iniziale che lo vede come un vecchio allupato che si...

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

degoffro di degoffro
5 stelle

Pur avendo a disposizione un cast, sulla carta, da sogno (De Niro, Sarandon, Keaton e Williams), il quasi sconosciuto Justin Zackham (finora, di noto, ha firmato solo la sceneggiatura di “Non è mai troppo tardi” di Rob Reiner) non va oltre l’ennesima, scipita, commedia matrimoniale dall’umorismo che si vorrebbe sboccato ed irriverente (si parte con De Niro che...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 23 giugno 2014
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito