Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Trama

    Il principe Kaspar Hauser (Silvia Calderoni), dopo essere stato fatto scomparire dai nemici in tenera età per evitare che potesse salire al trono, appare improvvisamente su una spiaggia della Sardegna, in un lembo di terra popolato solo da pochissime persone. Qui vivono infatti la sguaiata Granduchessa (Claudia Gerini) divenuta nel frattempo regina, il suo umile servo Drago (Marco Lampis), lo spacciatore Dark Man (Vincent Gallo) che ha una relazione con la Granduchessa, il Prete (Fabrizio Gifuni), la Veggente (Elisa Sednaoui) e lo Sceriffo (Vincent Gallo). Preso in custodia da quest'ultimo nel suo fortino, Kaspar imparerà sulla sua pelle chi tra i cinque gli è amico e chi invece non desidera altro che la sua morte.

    Approfondimento

     

    IL MITO DI KASPAR HAUSER

    Su Kaspar Hauser (nato presumibilmente il 30 aprile 1812 e morto il 17 dicembre 1833, a Ansbach), definito il bambino d'Europa, nel corso degli anni sono stati scritti oltre 3 mila libri, 14 mila articoli e infinite rappresentazioni teatrali, oltre che realizzati due film, di cui il più importante è L'enigma di Kaspar Hauser, che valse a Herzog il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes del 1975. Il film di Herzog è una ricostruzione storica minimalista ma accurata che rientra nell'ottica del cinema degli Anni Settanta, una precisa scelta che conferma il trend che in quel periodo seguivano i registi internazionali più originali. Sullo sfondo di un periodo storico ricostruito in maniera fedele, Herzog provvede a dare luogo a un'opera che, affrontando il secolo dei lumi, trova posto nella cinematografia mondiale accanto a capolavori essenziali come Il ragazzo selvaggio di François Truffaut, La Marchesa von... di Eric Rohmer e Barry Lindon di Stanley Kubrick.

     

    LA VERSIONE DI MANULI

    Dal film di Herzog Davide Manuli si discosta per la precisa volontà di non realizzare un remake della vicenda ormai nota ai più. Nelle intenzioni, Manuli dichiara invece di voler proseguire il lavoro iniziato con il precedente Beket, mantenendone temi e impianto narrativo. Ci sono molti elementi che collegano Beket e Kaspar Hauser. Innanzitutto, la scelta di usare il bianco e nero e l'ambientazione in un paesaggio naturale desolato e isolato, in cui non vi sono tracce della presenza umana, a cui si aggiunge la volontà di avere pochissimi personaggi sulla scena e di esplorare temi universali.

    «Quando ci si approccia alla figura di Kaspar Hauser, le prime due parole che vengono in mente sono "enigma" e "mistero", utili a definire le linee incerte della storia. Io ho voluto invece aggiungere altre due connotazioni con il mio film: "surreale" e "delirante".

    Riscrivendo la vicenda, non ero interessato a considerare la storia attenendomi agli eventi realmente accaduti, ma basandomi sui pochi elementi narrativi a disposizione ho voluto tratteggiare un ritratto poetico con l'uso di archetipi e metafore. E così la sua comparsa dal nulla e dal buio si è tramutata in arrivo dal mare, il suo luogo di origine è divenuto un'isola deserta, le persone che lo circondano un semplice gioco di contrapposizioni tra male e bene. Lo sforzo fatto per impartigli un'educazione si trasformano nei tentativi di farlo divenire un dj e la sua presunta santità si manifesta attraverso dei grotteschi spostamenti di oggetti, che avvengono a sua insaputa, per poi farlo ritornare al nulla e al buio, rappresentati ancora una volta dal mare, al momento della sua morte».

     

    Leggi tuttoLeggi meno

    Note

    Manuli prosegue il discorso cominciato con "Beket" e vede accogliere e poi uccidere il suo Godot. In un teatro dell’assurdo frammentato, in un western alieno in vignette: tra macerie di Bene e Pasolini, tra body art e musica techno (Vitalic), monologhi letterari (di Genna) e inquadrature lunghe, rigorose e dementi, un cinema ufo, un viaggio sensoriale controsenso. Che guarda arrancare l’arroganza tragica e ridicola di chi (protagonista o spettatore) vuole piegare il mondo a sé.

    Commenti (1) vedi tutti

    • Interpretazione surreale e delirante del mito di Kaspar Hauser riletto in chiave post moderna, in un non luogo che lascia perplesso lo spettatore,anche se si apprezza il coraggio di Davide Manuli che prosegue nel fare cinema spermentale

      leggi la recensione completa di bufera
    Scrivi un tuo commento breve su questo film

    Scrivi un commento breve (max 350 battute)

    Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    hallorann di hallorann
    8 stelle

    Davide Manuli in Italia, forse, è l’unico che fa cinema sperimentale fregandosene del mercato e dell’industria. Come Romano Scavolini e il tedesco Syberberg negli anni sessanta continua a modo suo una “tradizione” in cui non ci sono regole e canoni da seguire. Quarant’anni fa sarebbe stato pop (come i film di Schifano e Brocani o come il capolavoro SCARABEA), oggi techno. L’autore... leggi tutto

    4 recensioni positive

    Recensioni

    La recensione più votata delle sufficienti

    bufera di bufera
    6 stelle

      Con il suo secondo lungometraggio LA LEGGENDA DI KASPAR HAUSER  Davide Manuli continua, dopo Beket, il suo cammino in salita nella ricerca cinematografica, dotato com’è di esperienze nella regia anche da documentarista,nella  assistenza alla  regia e nella recitazione, dopo aver frequentato l’Actors Studio e il Lee Strasberg Institute a New York. Un... leggi tutto

    2 recensioni sufficienti

    Recensioni

    La recensione più votata delle negative

    ezio di ezio
    1 stelle

    Che il signor Manuli faccia cinema sperimentale nulla da dire,ognuno puo' fare quello che vuole,ma allo spettatore qualcosa deve arrivare in novanta minuti di visione !!! Invece qui siamo di fronte al nulla piu' assoluto,al vuoto pneumatico,a recitazioni paragonabili a macchiette irriverenti.Posso concedere a un regista prove dove la trama non sia una cosa primaria con dialoghi ai limiti... leggi tutto

    2 recensioni negative

    Il meglio del 2015

    2015

    Dj … al cinema

    supadany di supadany

    Ok, per chi non mi conosce, altra news! :) Oltre al cinema, ed al tennis, un’altra mia passione è la musica elettronica, argomento di per se vago, che comunque in siffatta specie sintetizzo...

    leggi tutto

    Recensione

    ezio di ezio
    1 stelle

    Che il signor Manuli faccia cinema sperimentale nulla da dire,ognuno puo' fare quello che vuole,ma allo spettatore qualcosa deve arrivare in novanta minuti di visione !!! Invece qui siamo di fronte al nulla piu' assoluto,al vuoto pneumatico,a recitazioni paragonabili a macchiette irriverenti.Posso concedere a un regista prove dove la trama non sia una cosa primaria con dialoghi ai limiti...

    leggi tutto

    Il meglio del 2014

    2014

    Disponibile dal 17 novembre 2014 in Dvd a 12,99€

    Acquista

    Il meglio del 2013

    2013

    Recensione

    hallorann di hallorann
    8 stelle

    Davide Manuli in Italia, forse, è l’unico che fa cinema sperimentale fregandosene del mercato e dell’industria. Come Romano Scavolini e il tedesco Syberberg negli anni sessanta continua a modo suo una “tradizione” in cui non ci sono regole e canoni da seguire. Quarant’anni fa sarebbe stato pop (come i film di Schifano e Brocani o come il capolavoro SCARABEA), oggi techno. L’autore...

    leggi tutto

    Uscito nelle sale italiane il 10 giugno 2013

    Il meglio del 2012

    2012

    Il meglio del 2002

    2002

    I nostri top user

    Scopri chi sono i top user

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono i top user

    Come si diventa un top user

    I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare un top user?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito