Trama

Abbandonati ancora in fasce in un orfanotrofio, Larry, Carly e Moe  vengono cresciuti dalle suore che si prodigano inutilmente per tenerli lontani dai guai. Divenuti adulti, uniscono le forze per salvare il posto dal rischio chiusura ma finiscono coinvolti nel complotto di uno stravagante omicidio e protagonisti di un programma televisivo dal grande successo.

Approfondimento

COMICHE DA FILM

Nell'arco di 25 anni, dal 1934 al 1959, la Columbia Pictures ha prodotto più di 190 cortometraggi incentrati sulle avventure dei Marmittoni, il trio comico composto dai personaggi di Larry, Moe e Curly, a cui prestano il volto i fratelli Moses, Samuel e Jerry Horwitz. Scoperti a Broadway dal re del vaudeville Ted Healy e considerati a gran ragione i padri fondatori della moderna commedia americana basata sulla comicità fisica, i Marmittoni riscossero sin da subito un così forte successo da smarcarsi dal loro talent scout e firmare un lucroso contratto con la MGM per realizzare 8 cortometraggi all'anno, il cui più famoso Men in Black venne anche nominato agli Oscar nel 1934. Per oltre quindici anni il progetto di realizzare un film sui Marmittoni è rimasto fermo sulla scrivania del produttore Earl M. Benjamin, convinto che nessuno fosse all'altezza di cimentarsi con un sentito omaggio senza copiare quanto già presente nel tanto materiale realizzato dal trio. I registi Peter e Bobby Farrelly, con l'aiuto dello sceneggiatore Mike Cerrone, invece sono riusciti nell'impresa di convincerlo a fare il grande passo, proponendogli una storia originale e contemporanea, nella quale i nuovi Marmittoni conservano solo l'aspetto, le movenze e la tonalità di voce degli originali e sono connotati da una buona dose di emozioni e sentimenti. Poiché erano protagonisti di gag tipiche da slapstick comedy, gli originali Marmittoni erano infatti privi di qualsiasi elemento psicologico, un vuoto che i Farrelly hanno riempito immaginandoli invece come tre spiriti innocenti, cresciuti dalle suore di un orfanotrofio e tenuti costantemente alla lontana dai pericoli del mondo esterno.

I NUOVI MARMITTONI

Data la portata iconica dei Marmittoni, la prima difficoltà da affrontare per una trasposizione cinematografica era legata alla scelta dei tre attori principali: dare un volto credibile a Moe, il leader del trio, al divertente Curly e a Larry, un incrocio tra le personalità degli altri due, era davvero arduo. Qualsiasi attore sarebbe infatti andato incontro a paragoni con il passato e, di conseguenza, non avrebbe dovuto far rimpiangere gli originali. Sean Hayes, Will Sasso e Chris Diamantopoulos invece si sono sin da subito dimostrati a loro agio nei panni dei Marmittoni, mostrando sintonia sia con i loro personaggi sia con i compagni di avventura. Trattandosi di commedia che vive grazie alla fisicità degli attori, per il film era essenziale che ognuno dei tre avesse rispetto dei tempi comici dell'altro e trovasse il giusto equilibrio e ritmo di interazione. Sin dai provini, erano chiari i ruoli che avrebbero interpretato: Chris Diamantopoulos era perfetto per Moe, Sean Hayes sembrava il diretto erede di Larry e Will Sasso era il nome giusto per Curly.

Diamantopoulos, fan di lunga data dei Marmittoni, ha fatto di tutto pur di ottenere la parte di Moe. Molto più alto e magro del personaggio che avrebbe poi interpretato, al primo provino si è presentato con una tuta fortemente imbottita, con una parrucca comprata in un negozietto e da lui stesso tagliata e con disegnate sotto gli occhi delle evidenti borse, convincendo in questo modo i fratelli Farrelly a reclutarlo. Una settimana prima che cominciassero le riprese, invece, a proprie spese ha ingaggiato un esperto di protesi estetiche che gli ha applicato delle borse più convincenti, si è fatto realizzare appositamente una costosa parrucca e, grazie a un amico guardarobiere, ha affittato un vero vestito del 1940. Naturalmente, è anche ingrassato notevolmente e la sua trasformazione fisica gli ha permesso di acquistare anche nuove espressioni facciali che lo hanno reso il Moe perfetto. Per Sean Hayes e Will Sasso, invece, cucirsi addosso i ruoli di Larry e Curly è stato molto più semplice. Provenendo entrambi dal mondo della televisione, dalla sitcom Will & Grace il primo e dallo show MadTv il secondo, erano infatti abituati a gestire tempi comici e trasformazioni fisiche, anche se Sasso ha dovuto lavorare particolarmente sul tono di voce ed evitare di cambiare inflessione durante le riprese.

SEGRETI DI PRODUZIONE

Alla trasformazione finale degli attori nei Marmittoni hanno contribuito notevolmente la costumista Denise Wigate, la truccatrice Kim Greene e la parrucchiera Kelly Muldoon. La Wigate ha scelto per i protagonisti un look vintage in contrasto con la storia ad ambientazione moderna, puntando su pantaloni rigorosamente sopra le caviglie, camicie dalle maniche troppe lunghe e cappelli sempre più piccoli della giusta misura. La truccatrice Kim Greene e la parrucchiera Kelly Muldoon si sono avvalse invece avvalse dell'aiuto di Victoria Wood e di Renate, creatore di trucco e parrucco di personaggi come Spider-Man, gli X-Men e il Jack Sparrow di Pirati dei Caraibi. Per riportare in vita sullo schermo i Marmittoni, elemento essenziale è stata anche la ricreazione degli effetti sonori che accompagnavano le comiche originali e creavano ilarità nello spettatore. Per ritrovare gli stessi suoni, tipici anche di molte splastick comedy, i fratelli Farrelly hanno chiesto l'aiuto di John Larsen, editor audio con alle spalle film come Ritorno al futuro e Master & Commander.

Le riprese, svoltesi per 56 giorni, hanno avuto come location principale la città di Atlanta e la sua area metropolitana. Come sede dell'orfanotrofio, si è scelta la Ryals-Davis Home, una costruzione risalente al 1850, che si stende per circa 300 acri e che in passato è servita anche come ospedale per i soldati feriti durante la guerra civile. Per una grande festa a cui i Marmittoni prendono parte si è optato invece per Buckhead, residenza di oltre 30 mila quadrati dal valore immobiliare di 20 milioni di dollari. Per la sequenza finale il set si è poi spostato fino in Florida al Seaquarium, il più famoso bioparco marino di Miami, per girare all'interno della gigantesca vasca dei delfini.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Remake del film del 1930 che ha segnato per decenni l’immaginario pop Usa nonché ispirato lo slapstick deviante dei fratelli Farrelly. Ma tra gag di sapore antico/infantile e nonsense verbale intraducibile, si apprezzano più le intenzioni che i risultati. L’operazione mette in conto che un film così, oggi, non fa ridere, e si regola di conseguenza.

Commenti (1) vedi tutti

  • Revival farrellyano dei famosi Three Stooges. Pochi i momenti davvero divertenti inseriti in un contesto che seppur banale risulta ben migliore tanto del film precedente (“Libera uscita”) così come di quello successivo (“Comic Movie”).

    leggi la recensione completa di marcopolo30
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

marcopolo30 di marcopolo30
5 stelle

I tre marmittoni (Three Stooges nell'originale) era il nome con cui era conosciuto il trio formato da Larry, Moe e Curly Joe, tre cabarettisti ebrei che si esibirono ininterrottamente dal 1930 al 1970 tanto in palcoscenico quanto in cortometraggi dove assurdi inseguimenti e comicità slapstick la facevano da padroni. Notevolissimo il successo negli USA, molto minore in Italia. I... leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

XANDER di XANDER
8 stelle

Una commedia molto stupida e demenziale ma allo stesso tempo che fa ridere, con situazioni tipiche della comicità degli anni '20 e '30. Direi ottimi i protagonisti. Per una serata in puro relax. I registi sono passati dalle commedie più scorrette ad una più corretta tanto che alla fine del film avvertono ai bambini che gli oggetti utilizzati in scena sono finti. leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
2 stelle

Terribile tonfo dei Farrelly che firmano, forse, il loro peggior film. E' una pellicola pregna di gag penose ed infantili, indegne persino di un cartoon degli anni 30, con tre protagonisti inadatti ed incompetenti. Si vedono tutte le sfumature del penoso e del patetico. Tabellino dei punteggi di Film Tv humor:1 ritmo:2 leggi tutto

3 recensioni negative

Trasmesso il 13 ottobre 2017 su Rsi La2
Il meglio del 2015
2015

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
5 stelle

I tre marmittoni (Three Stooges nell'originale) era il nome con cui era conosciuto il trio formato da Larry, Moe e Curly Joe, tre cabarettisti ebrei che si esibirono ininterrottamente dal 1930 al 1970 tanto in palcoscenico quanto in cortometraggi dove assurdi inseguimenti e comicità slapstick la facevano da padroni. Notevolissimo il successo negli USA, molto minore in Italia. I...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2012
2012
Uscito nelle sale italiane il 25 giugno 2012
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito