Espandi menu

    Trama

    Durante una pericolosa missione nell'Europa dell'Est voluta da Mr. Church (Bruce Willis), Tool viene assassinato da un gruppo di sanguinari combattenti, alle dipendenze di un terrorista disposto a cambiare l'assetto geopolitico del mondo intero con sei chili di plutonio per uso militare pronto ad esplodere. I suoi compagni, i mercenari al servizio della Cia guidati da Barney Ross (Sylvester Stallone), a cui si sono aggiunti i due nuovi membri Billy Timmons (Liam Hemsworth) e Maggie (Yu Nan), giurano di vendicarsi un giorno dell'omicidio e lavorano affinché ogni minimo dettaglio sia ben pianificato. La rivalsa per i mercenari arriverà dopo una lunga scia di distruzione tra le fila delle forze nemiche.

    Commento

    Solo a tratti l’ironia riaffiora con successo, per esempio con una freddura su Chuck Norris riportata dallo stesso Norris o quando Dolph Lundgren cita i propri studi scientifici, e sono impagabili Schwarzy e Willis su una Smart dove stentano a entrare. Le altre battute sono però stantie: «Houston, abbiamo un problema». O persino penose: «Ora chi manca? Rambo?». Anche questa volta, poi, non c’è il minimo senso dell’epica: nonostante in inglese I mercenari si chiamino “sacrificabili” in realtà non lo sono affatto. Inoltre hanno un bel dire gli attori che i personaggi umani e non supereroi, quando a ben vedere sono messi meno in difficoltà degli Avengers. Apprezzerà comunque il pubblico di riferimento, ossia i nostalgici degli action un tanto al chilo dei tempi andati, ma solo fino a un certo punto. Il duello finale tra Stallone e Van Damme è coreograficamente nullo: Schwarzenegger chiosa che sono pezzi da museo, ma più che una battuta è un’amara constatazione.

    Recensioni

    La recensione più votata è positiva

    M Valdemar di M Valdemar
    8 stelle

    I mercenari sono uno stato della mente. Anacronistica, analogica, tamarra. Infine - com’è tale la destinazione ultima dell’allegra banda buzzurri - museale. La - facile facile - battuta (“quello dovrebbe stare in un museo” - “anche noi!”), per amor di cronaca, è del già governatore Arnold Schwarzenegger, declamata (era evidente come le vene pulsanti di Sly che non vedeva l’ora... leggi tutto

    Recensioni

    La recensione più votata delle negative

    GIMON 82 di GIMON 82
    4 stelle

    Benvenuti!!!! benvenuti a tutti alla fiera della vecchia "merce" anabolizzata,ovvero un manipolo di vecchie glorie dell'action-movie unto e bisunto ritrovatisi ancora una volta insieme contro il CATTIVO di turno, un redivivo Van Damme mefistofelico,occhiale nero d'ordinanza e annesso tatuaggio caprino sul collo."I mercenari 2" sono tornati! sull'orda nostalgica del primo episodio rieccoci... leggi tutto

    Trasmesso il 6 aprile 2014 su Premium Energy

    Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti

    vedi tutti

    Il meglio del 2013

    2013

    Disponibile dall'8 aprile 2013 in Dvd a 10,46€

    Acquista

    Recensione

    mm40 di mm40
    4 stelle

    Così come il primo The expendables, del 2010, poteva sembrare una curiosa e dignitosissima operazione-nostalgia, la riproposizione del medesimo canovaccio (esplosioni + combattimenti + ammazzamenti) due anni più tardi con un cast pressochè identico e una trama altrettanto inconsistentemente farcita di azione elevata alla enne, bè, manco a dirlo è una pura perdita di tempo. E lo è sia...

    leggi tutto
    Recensione
    Utile per 2 utenti

    Il meglio del 2012

    2012

    Recensione

    M Valdemar di M Valdemar
    8 stelle

    I mercenari sono uno stato della mente. Anacronistica, analogica, tamarra. Infine - com’è tale la destinazione ultima dell’allegra banda buzzurri - museale. La - facile facile - battuta (“quello dovrebbe stare in un museo” - “anche noi!”), per amor di cronaca, è del già governatore Arnold Schwarzenegger, declamata (era evidente come le vene pulsanti di Sly che non vedeva l’ora...

    leggi tutto

    Uscito nelle sale italiane il 13 agosto 2012

    Il meglio del 2011

    2011

    Le nostre firme

    Scopri chi sono le firme

    Sono persone come te:
    appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

    Scopri chi sono le firme

    Come si diventa una firma

    Le firme sono scelte tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

    Scopri come contribuire

    Posso diventare una firma?

    Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

    Registrati e inizia subito