Trama

Nel 1564, il pittore fiammingo Pieter Bruegel (Rutger Hauer) ha in mente di dipingere il Calvario di Cristo per trasfigurare in chiave allegorica e filosofica la realtà politica del suo Paese, appena occupato dalle milizie spagnole. Dall'osservazione casuale di un ragno e della sua tela, si muove dalla figura del Cristo come punto di ancoraggio per l'intera opera, mentre gli altri personaggi - a partire dalla Vergine Maria (Charlotte Rampling) - saranno ispirati dagli incontri che fa quotidianamente e dai racconti della gente del posto, chiamata a posare per l'opera. A scrutare da lontano e dall'alto ogni passo della realizzazione del quadro vi è un mugnaio, il cui mulino sorge su una torre in pietra che domina tutta la valle.

Approfondimento

 

STORIA DELL'ARTE

Lo storico d'arte belga americano Michael F. Gibson nel 2005 pubblica il saggio Il mulino e la Croce, in cui analizza La salita al Calvario del pittore fiammingo Bruegel. Memore della visionarietà pittorica del regista e artista plastico Lech Majewski, scoperto dopo aver visto il suo film d'esordio, gli invia una copia del suo lavoro. Di fronte alla dimensione immane del lavoro di Gibson, Majewski non resiste alla tentazione di trarne un adattamento cinematografico in cui mette in scena il contesto sociopolitico in cui è immerso Bruegel proprio mentre realizza il suo celebre dipinto.

La salita al calvario è un olio su tela dipinto nel 1564, ricco di oltre 500 personaggi, alcuni dei quali con dimensioni millimetriche. Dipingendolo qualche anno prima della rivolta dei nobili fiamminghi contro lo strapotere degli spagnoli, Bruegel nasconde il Cristo affossandolo sotto il peso della croce e nel mezzo di una folla che, avanzando verso il luogo dell'esecuzione, scherza, litiga o conversa come se si stesse recando a uno di quegli spettacoli messi in scena negli anfiteatri romani per torturare i martiri cristiani.

A sinistra, il pittore delinea una Gerusalemme fiammeggiante mentre a destra lo spazio viene lasciato al monte Golgota. In mezzo, si trova una roccia sormontata da un mulino a vento, con una ruota che domina la scena e il cui significato rimane oscuro a tutti. Si tratta forse di un'allusione alla situazione di caos in cui versano i Paesi Bassi? Questa è una delle domande che si sono posti prima Gibson nel suo libro e dopo Malewski, con questo film.

UNA VISITA GUIDATA ALL'INTERNO DEL QUADRO

Il perché il pittore abbia nascosto la figura centrale del Cristo in mezzo a una folla di contadini e abbia dato in un paesaggio rinascimentale notevole importanza a un mulino arroccato su una roccia, i motivi per cui i membri dell'esercito che accompagnano la processione abbiano uniformi rosse e che cosa voglia rappresentare lo stile arcaico con cui Bruegel tratteggia i personaggi femminili sono questioni che evidenziano come passato e futuro, vita e morte, destino e libertà convivano all'interno dello stesso contesto. All'interno del dipinto è possibile godere, con una lente di ingrandimento, di mille disegni e aneddoti tutti della stessa importanza e il Bruegel ha colto l'occasione per trasformare la storia del Messia in una condanna politica per le atrocità spagnole che Majewski approfondisce in una sorta di tour che, annullando i confini spazio-temporali, proietta lo spettatore all'interno della dimensione storica del tempo.

Combinando immagini analogiche e sintesi tridimensionali, il film restituisce anche elementi che il quadro stesso sembra celare ai suoi visitatori del Kunsthistorisches Museum di Vienna, tanto che ad esempio lo stesso Gibson ha scoperto grazie alla pellicola come le diverse prospettive che strutturano la composizione del dipinto siano legate al numero sette. Majewski, dal dipinto, ha estratto una dozzina di personaggi e ha dato loro vita per un'intera giornata, ricollegandosi al principio delle tavole viventi, reso possibile grazie alle più avanzate tecniche digitali e agli effetti 3D che massimizzano il risultato ottenuto. Rinnovando il concetto di cinema d'arte, il regista invita gli spettatori ad una speciale visita guidata in cui gli attori, che interpretano i personaggi del dipinto, diventano un tutt'uno che ha senso solo all'interno del dipinto stesso. Per riuscirci, durante i tre anni di realizzazione, ha proceduto in tre modi. Ha ripreso dapprima gli attori con alle spalle un anonimo sfondo blu, ha poi effettuato delle riprese di esterni in Polonia, Repubblica Ceca, Austria e Nuova Zelanda, in paesaggi scelti per la loro somiglianza a quelli dei dipinti di Bruegel. Infine, ha unito i girati ed è come se avesse ridipinto una nuova versione del quadro, svelando per la prima volta ciò che Bruegel aveva in mente in quel momento.

 

 

 

 

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

I colori della passione 3D rilegge e rivivifica Bruegel: preservandone i volti e i luoghi, il rapporto tra mondano e sacro, i toni grotteschi e gli umori satirici, facendosi efficace opera didattica e straordinaria esperienza immersiva, atto di simbolico restauro e sperimentazione tecnologica. «Il cinema è un’arte troppo importante per lasciarla ai narratori di storie» diceva Greenaway. Majewski, fortunatamente, la pensa come lui.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Uno sguardo pacifico ed attento  percorre gli ambienti e si posa sulle figure umane in azione: in questo modo Lech Majewski immagina di attraversare il dipinto L’andata al Calvario (1564) del pittore fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio. La tecnica è visiva è la stessa dell’artista: una coralità panoramica, dove l’individuo è solo un singolo membro di una moltitudine, per di più... leggi tutto

14 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

loppaloppo di loppaloppo
4 stelle

Partendo da una buona idea, è nato un film francamente poco riuscito. Il quadro è bello, la spiegazione anche, le scene suggestive, ma è proprio la regia che non mi convince. Tutto volutamente troppo lento, spezzettato e troppo esasperato come se l'esasperazione e la lentezza si traducessero automaticamente in grande arte. Poi sono un po' stufa di "ricostruzioni storiche" così falsate.... leggi tutto

1 recensioni negative

Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015

Recensione

neve di neve
9 stelle

L’effetto iniziale è alquanto strano. Un quadro trasformato in un film, che ci proietta direttamente dentro il quadro stesso e alla sua storia con un’inevitabile impressione d’impoverimento nel passaggio dalla pittura agli attori in carne e ossa. Ma alla fine l’audacia di una tale operazione, che può apparire un po’ pretenziosa, viene premiata....

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

ed wood di ed wood
9 stelle

“I colori della passione” aggiorna e adegua alla tecnologia digitale quella branca del cinema d’autore che intende riflettere sul complesso rapporto esistente fra Arte e Storia, ossia fra Estetica e Ideologia. Non è un’idea nuova quella di ispirarsi al patrimonio plurisecolare della arti figurative per dare vita (letteralmente) al movimento filmico. Chi in chiave...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
Disponibile dal 10 settembre 2013 in Dvd a 12,99€
Acquista

Recensione

ethan di ethan
7 stelle

'I colori della passione', traduzione piuttosto insulsa di 'The Mill and the Cross', con cui l'anonimo titolista sperava forse di accalappiare qualche spettatore distratto che pensava di essersi imbattuto in qualche rilassante storiella amorosa, di Lech Majewski può essere visto come un saggio sull'arte della regia: il pittore - Bruegel il vecchio, all'epoca tra i 34 e i 39 anni,...

leggi tutto
Il meglio del 2012
2012
Uscito nelle sale italiane il 26 marzo 2012

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Uno sguardo pacifico ed attento  percorre gli ambienti e si posa sulle figure umane in azione: in questo modo Lech Majewski immagina di attraversare il dipinto L’andata al Calvario (1564) del pittore fiammingo Pieter Bruegel il Vecchio. La tecnica è visiva è la stessa dell’artista: una coralità panoramica, dove l’individuo è solo un singolo membro di una moltitudine, per di più...

leggi tutto
Recensione
Utile per 16 utenti
Il meglio del 2011
2011
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito