Espandi menu

Once Upon a Time in Norway

Regia di Pål Aasdal, Martin Ledang vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 124
  • Post 16
  • Recensioni 7950
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Once Upon a Time in Norway

di mm40
6 stelle

Ascesa e declino del black metal norvegese (fine anni '80 - primi anni '90) nelle parole di alcuni dei protagonisti della scena.

 

C'è chi è trattenuto contro la sua volontà - Varg Vikernes, alias Burzum, in galera per 21 anni per omicidio - e chi non  può proprio partecipare per cause di forza maggiore, tipo la morte (il suicida Dead, pseudonimo efficacissimo, o colui che del black metal fu il fulcro, cioè Euronymous, assassinato da Burzum); ricostruire perciò l'epopea del genere musicale più esportato dalla Norvegia in tutto il mondo - così viene definito il black metal sui titoli di coda del film - non è affatto semplice. Ma i due registi, coppia di esordienti norvegesi, raccolgono le testimonianze di numerosi protagonisti di quella scena e di quel momento assolutamente irripetibile, le mescolano e le interpolano sapientemente e producono così questo Once upon a time in Norway, che al di là del titolo non ha davvero nulla di fiabesco. Ma di epico, naturalmente, sì: le vicende di un gruppetto di ragazzini scandinavi annoiati, amanti del metal pesante e del corpse paint (trucco facciale in bianco e nero che richiama fattezze cadaveriche), affascinati come quasi tutti gli adolescenti dalla morte, avrebbero coinvolto rapidamente un numero considerevole di ammiratori ed emuli attorno al pianeta intero, dando vita a un genere musicale che ha molto a che fare con la filosofia, la religione e la politica, come si può dedurre dalle interviste che si avvicendano in questo documentario. Appena un'ora di durata, ma le informazioni non mancano: concentrate, ma toste, sviluppano in maniera efficace una linea narrativa che segue gli sviluppi del fenomeno fino alla sua naturale, inevitabile dissoluzione (quantomeno nella sua prima, originale fase), che coincide con l'omicidio in circostanze mai del tutto chiarite di Oystein Aarseth, meglio noto come Euronymous. Rispetto a Until the light takes us, produzione americana uscita l'anno successivo che si propone gli stessi obiettivi di questo lavoro, Once upon a time in Norway risulta più genuino, ma ugualmente interessante. 6/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati