Trama

Marcel Marx un calzolaio di Le Havre, trascorre una esistenza modesta ma tranquilla al fianco di sua moglie. Non sa però che la donna cova una malattia grave che fino a quel momento gli ha nascosto. Quando la donna capisce di non poter più mentire, per Marcel il colpo è durissimo. Così, mentre vaga sconvolto per il porto di Le Havre, incontra un ragazzino africano, un immigrato clandestino che in ogni istante è minacciato di essere allontanato. Marcel si affeziona al ragazzo e si mette così in testa di proteggerlo.

Note

Kaurismäki – colui che ha dedicato trilogie a proletari e perdenti – rappresenta i margini del mondo, con piglio brechtiano e surreale e stilizza un quartiere in un microcosmo dove vige nobile e gentile il mutuo soccorso, riabilita ideali scomparsi, fa dell’amore materia cocciutamente romantica.

Commenti (14) vedi tutti

  • Edificante e ottimista favola di Kaurismaki. Solo un'avvertenza per non rimanere delusi: accettate la licenza 'buonista'! 6/7 OTTIMISTA

    leggi la recensione completa di luca826
  • Kaurismaki continua a raccontare, col suo - personalissimo - stile minimalista, storie di persone povere con i loro problemi esistenziali. Miracolo a le Havre è un tenera favola sull’accettazione degli immigrati, molto ottimista ed inverosimile ma conciliante ed affettuosa con tutti i suoi personaggi. Nessuno è cattivo e c’è pure un miracolo!

    commento di marco bi
  • Nell’affrontare il tema centrale dell’immigrazione, il regista non si pone nemmeno per un istante la questione di ciò che è politicamente corretto: giudica semplicemente ignobile qualsiasi legge o sistema che impedisca a un figlio di ricongiungersi con la propria madre. Una grande lezione di cinema che parla di solidarietà e condivisione.

    leggi la recensione completa di spopola
  • Una favola moderna che porta la firma di un grande regista,sicuramente da non perdere.

    leggi la recensione completa di ezio
  • Aki Kaurismaki in Miracolo a Le Havre raccoglie tutti i temi che gli sono cari e consueti e ha confezionato una favola che opera essa stessa il più grande miracolo sullo spettatore: dimenticarsi per due ore della cruda realtà e assistere alla solidarietà più generosa delle persone semplici.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Tenera, triste e un po' languida commedia anti-razzista. Il risultato è edificante ma il ritmo doveva essere più sostenuto.

    commento di Stefano L
  • Ancora una storia raccontata dal punto di vista dei più deboli per Kaurismäki nel quale dramma e commedia si fondono a meraviglia.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Una Commedia dal sapore assai amaro e nno capisco la dicitura "Commedia" a questo punto,era palesemente meglio scrivere "Drammatico" comunque alla fine un Film dei buoni sentimenti ma alquanto noioso e lento.voto.4.

    commento di chribio1
  • E' il secondo film di Kaurismaki in due settimane; mentre del primo avevo apprezzato la splendida noiosita',questo risulta veramente ben riuscito. La sua è sempre una trasposizione teatrale delle immagini, ma di una forza esaltante.

    commento di slim spaccabecco
  • Voto al Film :  9

    commento di ripley77
  • Musiche , recitazione , fotografia e buoni sentimenti (tutti voluti e ricercati dal regista) danno un sapore vintage affascinante a questo film , pero francamente ho trovato il film gradevole e abbastanza originale ma non certo un capolavoro.

    commento di Gabriele X
  • HANNO SAPUTO PRESENTARE SENZA MANIERISMI UN PROBLEMA MOLTO ATTUALE E TOCCANTE

    commento di fralle
  • Mah! In pratica è la riedizione del "Corriere dei piccoli" in forma cinematografica. Inutile, insulso e buonista, ma per eccesso di infantilismo.

    commento di iro
  • in attesa di opinione (non è che non l'ho visto, devo scriverne…)

    commento di ziacassie
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

spopola di spopola
8 stelle

Ogni altra scienza è dannosa a chi non ha la scienza della bontà (Michel De Montaigne)                         Il tema dei migranti e della loro clandestinità: di questo tratta l’ultimo capolavoro di Aki Kaurismäki, una volta tanto illuminato da... leggi tutto

44 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

bradipo68 di bradipo68
6 stelle

Kaurismaki è tornato!  Evviva Kaurismaki! Quanti anni sono passati? Cinque dal suo ultimo lungometraggio e quasi dieci da quello precedente? E' troppo anche per un autore fuori del tempo e fuori dello spazio come lui. Il problema è che il cinema ha bisogno di lui molto più di quanto lui abbia bisogno del cinema.  Il titolo italiano è uno scempio come al solito( l'originale è un più... leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
4 stelle

19 anni dopo Vita da Bohème, il finlandese Kaurismaki torna in Francia per raccontare, con toni inusitatamente più leggeri rispetto ai recenti Le luci della sera e L'uomo senza passato, un mondo ai margini che vuole anche essere anche un tributo - in parte esplicito, a cominciare dal nome del protagonista, Marcel Marx - a Marcel Carnè, ai fratelli Marx, ma anche a Tati e Bresson. Lo... leggi tutto

4 recensioni negative

Disponibile dal 9 novembre 2017 in Dvd a 11,04€
Acquista

Recensione

luca826 di luca826
7 stelle

Favola edificante e conciliante nella terribile realtà dei nostri giorni. E come ogni favola di questo tipo il 'buonismo' è il collante della vicenda. Precisato questo possiamo gustarci con serenità un classico film di Kaurismaki, minimal, con personaggi splendidi in grado di giocare di sponda sul piano politico e sociale, incentrando l'azione in una dimensione adatta alla...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

Zarco di Zarco
1 stelle

Disgustoso. Che in una situazione di invasione dell'Europa da parte degli africani e di genocidio dei popolo europei, invece di una reazione difensiva, anche culturale, contro questi invasori, come sarebbe sano e normale secondo la normalità umana e storica di ogni luogo ed epoca, siamo costretti a subire queste violenze morali e a dover sopportare lezioncine di propaganda di quanto...

leggi tutto

Recensione

champagne1 di champagne1
7 stelle

Dopo un'esistenza giovanile da bohémien, Marcel Marx  fa ora il lustascarpe di fronte alla Stazione o nei sotterranei della metro di Le Havre e vive con una donna che ha messo un po' più di ordine nella sua vita. I due anziani coniugi conducono una vita dimessa in un quartiere povero, stringendo relazioni di amicizia con gli altri abitanti del quartiere e risparmiando i...

leggi tutto

Trash - On the Beach

mck di mck

Cristiano-Cattolico conscio, Ateo Comunista, Repubblicano (abbreviato: PPP).   -- https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/reato-umanitario-dura-fotografia-di-unaccusa-non-solo-a-una-ong   --...

leggi tutto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 16 aprile 2017 su Rai Movie

Piango, evviva!

karugnin di karugnin

Qualche giorno fa lessi la bella e accorata recensione di @Badu D Shinya Lynch su "Der Freie Wille": fui talmente colpito dall'intensità del suo coinvolgimento emotivo che procurai di vedere il film il giorno...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
8 stelle

  Lasciata la patria Finlandia per la più evoluta -cinematograficamente parlando- Francia, Aki Kaurismäki continua a mostrarci la realtà dal punto di vista dei più deboli, quasi fosse un Ken Loach dal tocco meno drammatico. “Miracolo a Le Havre” risulta così essere un film che seppur duro nel soggetto scorre via leggero come una commedia....

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2014
2014

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Aki Kaurismaki in trasferta francese, come il titolo fa esplicitamente intendere, ancora una volta incanta per merito del suo innato (e naturale) sguardo che riesce ad inquadrare vissuti odierni di grande difficoltà umana come immigrazione e malattia con dei toni surreali e a sprazzi anche poetici che da sempre hanno contraddistinto i suoi (apprezzati) lavori. La vita povera, ma anche...

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

spopola di spopola
8 stelle

Ogni altra scienza è dannosa a chi non ha la scienza della bontà (Michel De Montaigne)                         Il tema dei migranti e della loro clandestinità: di questo tratta l’ultimo capolavoro di Aki Kaurismäki, una volta tanto illuminato da...

leggi tutto

I miei preferiti 2012

ripley77 di ripley77

Il 2012 è stato sul piano qualitativo  un anno eccezionale per il cinema  italiano (poco  premiato purtroppo al botteghino)con  alcuni tra i  titoli migliori dell’ultimo decennio. “E’ stato il figlio” ...

leggi tutto
Il meglio del 2012
2012

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Marcel Marx (Andrè Wilms) fa il lustrascarpe, vive a Le Havre insieme alla moglie Arletty (Kati Outinen) e alla cagnolina Laika e trascorre il suo tempo libero nel bar di quartiere gestito dall’amica Claire (Elina Salo). Al porto viene scoperto un container carico di immigrati provenienti dall’Africa, tra questi c’è il giovane Idrissa (Blondine Miguel) che...

leggi tutto
Il meglio del 2011
2011

TFF 2011 TOP SEVEN

alan smithee di alan smithee

Dopo sette giorni "di fuoco" e 41 film visionati tento di fare un resoconto delle opere che mi hanno maggiormente colpito in questa straordinaria avventura cinematografica. Prima di procedere all' elenco, desidero...

leggi tutto

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
8 stelle

La fredda bianca luce che ammanta d’impenetrabile e sorda afflizione esistenziale la (in)civiltà moderna - inabissatasi nei paludosi gorghi dell’immiserimento socioeconomico e iniquamente scissa tra signorotti e proletari, integrati e esclusi, belli e brutti - che viene animata e tinta di reale umanità, di impossibili possibilità. Proprio grazie a losers, a “morti viventi” (gli...

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 21 novembre 2011
Il meglio del 2009
2009

Migranti

Redazione di Redazione

Ricerca della felicità individuale, fughe da realtà invivibili, esodi di massa in presenza di circostanze drammatiche. L'uomo si mette in movimento, spesso con dolore a volte con gioia e speranza, e lascia la sua...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2001
2001
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito