Luci della città

Regia di Charles Chaplin

Con Charles Chaplin, Virginia Cherrill, Florence Lee, Harry Myers Vedi cast completo

Questo film non è disponibile. Prenotalo o aggiungilo alla tua Watchlist.

Trama

Charlot acquista una rosa da una giovane fioraia cieca che, per un equivoco, lo scambia per un milionario. Vagabondando per la città Charlot arriva sul molo dove salva il vero milionario dal suicidio. Deciso ad aiutare la fioraia, bisognosa di una costosa operazione chirurgica che le ridarrebbe la vista, Charlot fa mille mestieri tra i quali il pugile.

Note

Uno dei capolavori di Chaplin, che girò qualcosa come centomila metri di pellicola, ripetendo intere sequenze fino a raggiungere la perfezione. Apparentemente frammentato in sketch, il film mantiene invece una sua intima unità grazie al tono dolorosamente romantico che lo pervade.

Commenti (23) vedi tutti

  • Non cedendo al ricatto del nuovo cinema sonoro, Charlie Chaplin realizza uno degli ultimi capolavori assoluti del cinema muto, oltre che la miglior commedia romantica di tutti i tempi.

    leggi la recensione completa di SatanettoReDelCinema
  • Capolavoro assoluto e favola d'amore in chiave slapstick che Chaplin gira restando fedele al muto in un periodo in cui tutti a Hollywood abbracciavano entusiasti il sonoro.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Un grande poema di comicità e malinconia.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • Dieci è troppo poco. Continuerete a piangere per ore dopo la fine del film, ma sarà un pianto di gioia liberatorio. Capolavoro indimenticabile.

    commento di bebabi34
  • Questa signori e' la storia del cinema …solo da PRESERVARE PER LE GENERAZIONI FUTURE…sperando che qualcuno conservi sempre i negativi in cassaforte.Inimitabile e inarrivabile.

    commento di ezio
  • Una bella storia e molte trovate umoristiche centrano il bersaglio.

    commento di wang yu
  • Il miglior film della storia del cinematografo.

    commento di MrPostman
  • Capolavoro assoluto della comicità. Scene mitiche e un Charlot al massimo della forma.

    commento di IGLI
  • Voto 9. [05.12.2009]

    commento di PP
  • La scena finale è qualcosa che …

    commento di TeresaLo
  • signori e signori il cinema!!!!!!!!!!!!!!! basta solo questo!!!!!!!!!!!!!

    commento di sir
  • commento di Dalton
  • Il solito, avvincente, geniale e strappalacrime capolavoro di Charlot. E come sempre, 10 e lode.

    commento di paloz
  • Unico… capolavoro.

    commento di tarkus86
  • Una favola d'amore tanto struggente quanto divertente. Trovate geniali e naturalmente un Chaplin favoloso!

    commento di Ewan
  • VOTO 8 incantevole

    commento di arcarsenal
  • Uno dei piu' grandi film sulla solitudine della vita metropolitana. Ricco di sequenze memorabili. In Chaplin, umorismo, malinconia, amarezza e poesia vanno di pari passo.

    commento di ed wood
  • Sulla dignità dell' uomo, come tutti i film di Chaplin, col pregio di saper anche commuovere.

    commento di Ramito
  • Forse il migliore Chaplin di sempre. Un film straordinariamente poetico e romantico che resta nella memoria e, soprattutto, nel cuore.

    commento di scream
  • Incredibile come con un solo sguardo gli attori riescano ad esprimere più di mille parole… attori perduti per sempre!

    commento di RageAgainstBerlusca
  • Ottimo film in bilico tra commedia e dramma. Riuscitissimo. Ora divertente, ora commovente. La sequenza finale è da antologia, superba, assolutamente grandiosa.

    commento di valien88
  • Film magistrale sulla tragedia classista.

    commento di s.giglioli
  • Stupendo film. Un altro capolavoro esilarante e impeccabile in tutto. A quando il restauro?

    commento di leonardo4it
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
10 stelle

VOTO 10/10 Un altro dei capolavori di Chaplin, il film che gode del maggior consenso critico generalizzato tra quelli dell'attore/regista. Un film interamente muto ma con effetti sonori e una bellissima colonna sonora (chi non si è commosso al tema musicale de "La violetera"). In passato ero stato tratto in inganno dalla componente melodrammatica legata alla fioraia cieca e alle sue... leggi tutto

26 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Per quanto datata, è un'opera che ha tutti i diritti di essere considerata un 'classico'. Oggi è inevitabile ridere della semplicità con cui si snoda la trama e di quanto siano grossolani personaggi e situazioni, ma siamo nel 1931 e questo è cinema di intrattenimento: serve semplicemente a fare ridere e commuovere. E fondamentalmente riesce nei suoi intenti ancora... leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Piango, evviva!

karugnin di karugnin

Qualche giorno fa lessi la bella e accorata recensione di @Badu D Shinya Lynch su "Der Freie Wille": fui talmente colpito dall'intensità del suo coinvolgimento emotivo che procurai di vedere il film il giorno...

leggi tutto
Il meglio del 2016
2016

Recensione

SatanettoReDelCinema di SatanettoReDelCinema
10 stelle

Erano i primi anni '30 e stava iniziando a diffondersi un nuovo modo di fare cinema: il sonoro. Ed erano già stati confezionati certi film mica da ridere (su tutti Il cantante di jazz, Ricatto e M - Il mostro di Dusseldorf sono sicuramente tra i più iconici di quel periodo). L'unico che non si piegò subito a questa tecnica fu Charlie Chaplin,...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2015
2015

Recensione

Aldom di Aldom
3 stelle

Francamente noioso. Dovrebbe essere un film comico, ma non ho riso nemmeno una volta. La sequenza della boxe è la cosa più noiosa che mi sia capitato di vedere al cinema, fatta eccezione per Lost in Translation. Onestamente, preferisco di gran lunga Stanlio e Ollio.

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

scandoniano di scandoniano
10 stelle

Il vagabondo, personaggio cardine della filmografia di Charlie Chaplin, stavolta si innamora di una bella fioraia non vedente. I rapporti di “amicizia” con un ubriacone miliardario gli consentiranno di dare una svolta al triste destino della ragazza… L’usuale capacità di Chaplin di divertire e commuovere quasi nella stessa scena raggiunge qui vette inesplorate prima e dopo questo...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2012
2012

Recensione

jonas di jonas
10 stelle

All’inizio sembra il solito idillio fra reietti, come già Il monello e come poi Tempi moderni: anzi, lei non è solo una povera diavola che si guadagna da vivere a fatica, è addirittura una cieca (ossia, al suo confronto persino il vagabondo sembra un privilegiato) e quindi dovrebbe suscitare la compassione unanime. Ma guardiamola affacciata alla finestra del suo tugurio, mentre gli altri...

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
Il meglio del 2010
2010

Recensione

Mattyman di Mattyman
10 stelle

Considerato dalla maggior parte del pubblico e della critica il massimo Capolavoro Chapliniano, "Luci della Città" si guadagna certamente tale nome, essendo uno di quei film che non possono piacere o non piacere, poiché sono arte pura. Infatti Charlie Chaplin, uno dei più grandi maestri della Storia della Cinematografia, qui raggiunge la perfezione, prendendo un equilibrio...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2009
2009

Recensione

steno79 di steno79
10 stelle

VOTO 10/10 Un altro dei capolavori di Chaplin, il film che gode del maggior consenso critico generalizzato tra quelli dell'attore/regista. Un film interamente muto ma con effetti sonori e una bellissima colonna sonora (chi non si è commosso al tema musicale de "La violetera"). In passato ero stato tratto in inganno dalla componente melodrammatica legata alla fioraia cieca e alle sue...

leggi tutto
Il meglio del 2008
2008

Recensione

Utente rimosso (pithecusano) di Utente rimosso (pithecusano)
10 stelle

Ne ho appena rivisto la copia restaurata su DVD, che rende un bianco e nero che sarebbe da studiare per la cura dei grigi e dei contrasti. Quando si parla di "capolavoro", bisognerebbe pensare a questo film quale pietra di paragone, piuttosto che al numero di statuette vinte, che non è, invece, pietra filosofale, e chiedersi quindi se non si sta sprecando un termine abusato. Anche nella...

leggi tutto
Il meglio del 2007
2007
Il meglio del 2006
2006
Il meglio del 2005
2005
Il meglio del 2004
2004
Il meglio del 2003
2003
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito