Espandi menu

Sex and the City

Regia di Michael Patrick King vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 199
  • Post 80
  • Recensioni 6332
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Sex and the City

di FilmTv Rivista
4 stelle

Quando un’attrice cambia look e vestito a ogni inquadratura, rimane pur sempre un personaggio? Rimane qualcosa di Carrie, corpo sommerso sotto una marea di borse, firme, cappelli e pellicce? C’è ancora traccia di carattere, identità, vita e sentimenti dentro questa modella di lusso al suo ultimo giro in passerella? E chi va al cinema e paga per vedere una serie di spot messi in fila è ancora uno “spettatore” (colui che attende, che guarda e che rispetta) o diventa solo il potenziale consumatore, il fashion addicted che l’industria della moda vorrebbe che fossimo tutti? A dieci anni dalla messa in onda del primo episodio (6 giugno 1998) la carica “sovversiva” del più innovativo tra i serial Tv al femminile è stata completamente neutralizzata da un parossismo consumista che ha qualcosa di isterico. Un film che non esiste: freddo mausoleo, funebre addio, situazioni rimasticate. Samantha sta a casa ad aspettare il suo uomo che torna dal lavoro e chi fa sesso sono solo le ragazze con la fede al dito. Il testo di riferimento è ancora Cenerentola. Sex and the City come Pretty Woman, chi se lo aspettava.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 23 del 2008

Autore: Silvia Colombo

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati