Espandi menu

Trama

Duncombe, console britannico a Firenze, rimane vedovo e si trova costretto a occuparsi dell'educazione dei suoi figli: Milo di quattro anni e Andrea di otto. La sua decisione è drastica: il maggiore verrà trattato come un adulto, l'altro sarà vezzeggiato in ogni modo. A entrambi comunque baderà un'energica governante. Andrea, che ha già sofferto molto per la morte della madre, soffre ancor di più a causa dell'incomprensibile atteggiamento del padre.

Note

Comencini, raffinato narratore dell'infanzia, rilegge il lacrimevole romanzo di Florence Montgomery quasi contraddicendolo. Regia sottile e raffinata, ammirevole interpretazione di Anthony Quayle. Si piange ma non ci si vergogna.

Commenti (3) vedi tutti

  • Uno dei migliori films drammatici che abbia mai visto.

    commento di Enor71
  • Un capolavoro che solo Comencini poteva realizzare, metto buono ma in realtà è ottimo, il voto che avrebbe dovuto mettere film.tv.

    commento di lonestar
  • Comencini, bravo come sempre, ha tratto un film commovente dal racconto di Florence Montgomery

    commento di bocchan
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
8 stelle

Un classico del melodramma strappalacrime, diretto con molto pudore e garbo da un Comencini in ottima forma. Il film è tratto da un romanzo della scrittrice inglese Florence Montgomery che lessi anch’io durante la mia infanzia, e pur con vari accorgimenti legati al cambio di ambientazione (la storia originale si svolgeva in Inghilterra nel XIX secolo), le dinamiche della trama... leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Drammone strappalacrime che Comencini riesce a dirigere con mano ferma, risultando struggente quanto basta ed evitando di scadere nel patetico. Non a caso lo soprannominarono il 'regista dei bambini': qui al centro di tutto il discorso c'è l'infanzia e la sua propria necessità impellente di scatenarsi negli affetti e nella fisicità, negati a più riprese al protagonista del film. leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2014
2014

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Un classico del melodramma strappalacrime, diretto con molto pudore e garbo da un Comencini in ottima forma. Il film è tratto da un romanzo della scrittrice inglese Florence Montgomery che lessi anch’io durante la mia infanzia, e pur con vari accorgimenti legati al cambio di ambientazione (la storia originale si svolgeva in Inghilterra nel XIX secolo), le dinamiche della trama...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
Disponibile dal 3 dicembre 2013 in Dvd a 14,99€
Acquista

Tu, sanguinosa infanzia

Barone Cefalu di Barone Cefalu

Mi permetto di copiare il titolo di uno dei libri di Michele Mari, ma la citazione si ferma qui, per introdurre quei film, o meglio, quelle immagini e soprattutto quei suoni sfocati della mia infanzia (classe 74) che...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2012
2012

Padri e figli (maschi)

Redazione di Redazione

Relazione primaria, assoluta: parlare del rapporto, nel cinema come ovunque, tra il padre e il figlio maschio (o i figli se più di uno) significa aprire un elenco sterminato. Abbiamo atteso a lungo prima di...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2011
2011

Recensione

barabbovich di barabbovich
8 stelle

Alla morte della madre, il piccolo Andrea (Colagrande) cerca conforto nel padre (Quayle), console inglese presso l'ambasciata di Firenze. Ma l'uomo, che vede in Andrea un ragazzino forte e insensibile, gli preferisce il fratello più piccolo (Giannozzi). Soltanto davanti alla tragedia della morte di Andrea il padre riuscirà a capire i bisogni del figlio. A cavaliere tra il...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2010
2010

Recensione

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

Un horror ante litteram .Io credevo che fosse Rosemary's baby il primo film che parlasse del figlio di Satana o pensavo anche a Il presagio di qualche anno successivo sulle gesta di un bambino non propriamente angelico.E invece dopo aver visto questo film diretto magistralmente da Comencini ho scoperto che l'archetipo del figlioletto luciferino è questo piccolo demonio di nome...

leggi tutto
Il meglio del 2009
2009
Il meglio del 2008
2008

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Drammone strappalacrime che Comencini riesce a dirigere con mano ferma, risultando struggente quanto basta ed evitando di scadere nel patetico. Non a caso lo soprannominarono il 'regista dei bambini': qui al centro di tutto il discorso c'è l'infanzia e la sua propria necessità impellente di scatenarsi negli affetti e nella fisicità, negati a più riprese al protagonista del film.

leggi tutto

L'alchimia del cinema

keith76 di keith76

Cinema, cinema, cinema. Tutto è nato quando mio papà mi ha portato a vedere un film sui pirati. Era l'ultimo dell'anno e dopo il film la signora della biglietteria ha offerto panettone e spumante a tutti.

leggi tutto
Il meglio del 2007
2007
Il meglio del 2004
2004
Il meglio del 2002
2002
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito