Trama

Playboy impenitente, Don Johnston è appena stato lasciato da Sherry, la sua ultima conquista. Un giorno riceve una lettera anonima da una delle sue ex amanti, che gli comunica che suo figlio, un ragazzo diciannovenne che non ha mai conosciuto, si è messo sulle sue tracce. Su consiglio del suo migliore amico Winston, detective per hobby, decide di condurre lui stesso un'indagine per svelare il mistero...

Note

Da sempre tessitore delle immagini del presente, case, strade, figure su uno sfondo, siderali distanze comunicative e, al contrario, istintive, tacite comprensioni, Jarmusch registra con spassionata complicità il viaggio non risolutivo di Don, trasformandolo tra le righe anche in un viaggio attraverso un'America invisibile fatta di prefabbricati di prestigio, di analisti per animali e di anziani Hell's Angels. La macchina da presa indugia, sottolinea la solitudine di Don, accetta i suoi tempi morti, i suoi sguardi perplessi; un paio di brevi zoom intensi quando legge la lettera e i consueti carrelli laterali, descrittivi, lungo le strade e le case. Il rosa, nelle sfumature più varie, intinge tutto. Colore per eccellenza femminile, non necessariamente svenevole o ingannevole, ma piuttosto segno di una tenerezza stinta ma non svanita, per tutte le donne che circondano Don, che Jarmusch ama molto, con il loro impasto di desideri irrisolti (Sharon Stone), malinconia appassita (Frances Conroy), disarmante eccentricità (Jessica Lange), rabbia non addomesticata (Tilda Swinton).

Commenti (29) vedi tutti

  • Il rosa è un colore femminile e Jim Jarmusch lo semina dappertutto in questo suo film. Che mette sì al centro della storia un uomo, con tutte le sue debolezze e i suoi fallimenti, ma che fa sfilare come su una passerella di moda una schiera di donne, ognuna diversa dall’altra e con solo un particolare in comune: hanno avuto a che fare con lui, Don.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Fantastico, estraniante, profondo e molto divertente. Bill Murray è una garanzia. A mio parere nessun altro riesce ad unire così le molte anime del cinema.

    commento di bebabi34
  • Spiazzante!!! Non so dire se mi è piaciuto… ero curiosa, e mi aspettavo di più. Bill Murray è bravo, anche se non da da pensare quanto dovrebbe a mio parere!

    commento di bebe84
  • Ennesimo capolavoro del grande regista americano che dirige una commedia agrodolce con uno strepitoso Bill Murray. La musica, i personaggi, l' ambientazione e la sceneggiatura, come in tutti i film di Jim Jarmusch, sono straordinari. Voto: 10

    commento di Alvin Straight
  • Sopravvalutata autoriflessione: Jarmush, dove vai?

    commento di critico
  • Voto 5…trama carina ma film lentissimo.

    commento di black mamba 70
  • solito jarmush e solito murray in un film sulla solitudine, l'alienazione della provincia usa e sul silenzio.

    commento di sir
  • 5,5/10

    commento di alex77
  • Parabola sulla responsabilità e sul mondo circostante al proprio ego, condotta da un superlativo Murray, in perfetta sintonia coi voleri di un Jarmush particolarmente ispirato.

    commento di Dalton
  • Un film perfetto in tutti gli aspetti, Riflessivo e Ironico; vuole insegnarci ad essere responsabili. Finale che lascia di stucco, per questo merita.

    commento di Carrels
  • Molto carino, il ritmo lento e stralunato aiuta Murray a calarsi ancora nei panni del lostinjapan… lui è perfetto… i personaggi di contorno un po' esagerati…

    commento di RageAgainstBerlusca
  • Il solito tocco misurato e geniale di Jarmusch e un super Bill Murray per un film imperdibile. Se mai ce ne fosse ancora bisogno, "Broken Flowers" ci dimostra che, per fare del grande cinema, non occorrono grandi mezzi.

    commento di movieman
  • 6

    commento di arcarsenal
  • Deludentissimo,da Jarmush mi aspettavo qualcosa di più.

    commento di Lebowsky84
  • voto 8

    commento di alice89
  • Film girato sull'ottimo Bill Murray. Si sorride sull'amarezza della vita. Un po' lento ma al tempo stesso godibile.

    commento di toni70
  • Si va bene Bill Murray è bravissimo etc.etc. ma questo film non ha nulla a che vedere con la poesia di Lost in Traslation..troppi tempi morti..

    commento di principessasofia
  • Tutti i film di Jarmusch sono guidati dal caso e immersi nel caos. Bill Murray va alla ricerca di qualcosa che c'è o forse no. Rimane solo, come tutti, nel mezzo di una strada. Ogni direzione da prendere è identica e non porta a nulla.

    commento di strangerinworld
  • Punto di forza nella scrittura, sicuramente non nella messa in scena, piuttosto lenta. Comunque Murray è straordinario e il finale è spiazzante.

    commento di Ewan
  • Quanto si può capire della realtà tramite indizi e coincidenze? Sottilmente inquietante, come l'espressione apparentemente imperturbabile di Bill Murray.

    commento di haze83
  • Un film piuttosto geniale ed atroce come la vita: tante domande, nussuna certezza.

    commento di Esteban
  • Non è male ma l'ho trovato un po' superficiale e da Jarmusch mi aspettavo qualcosa di più arguto ed astuto.

    commento di Totororesurrection
  • empatico.

    commento di valentinafini
  • Geniale.

    commento di gio83
  • a me il film non è piaciuto affatto! è una noia mortale…ve lo sconsiglio vivamente…

    commento di Taddeo
  • A tratti interessante, girato sulle rughe e le espressioni minimaliste di un sempre più stralunato Bill Murray… Manca però di spirito… Il film non riesce a volare, sembra che debba ancora succedere qualcosa che invece non succede…

    commento di marienbad
  • La nuova coppia d'oro:Jim Jarmush & Bill Murray.Bellissimo film…

    commento di andystarsailor
  • Spot della Vodafone in cui la mdp naufraga attorno al corpo decadente di Bill Murray e gira e gira e gira: capolavoro.

    commento di malatosano
  • una delusione. un film di bravi attori e niente più. sceneggiatura prevedibilissima e 100 minuti che sembrano un'eternità. sopravvalutato.

    commento di redrum80
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
8 stelle

Bill Murray è un campione dell' "understatement" cinematografico, espressione che si potrebbe tradurre qui con "recitazione sottotono". Come già in "Lost in translation" della Coppola, girato un paio di anni prima, Murray si dimostra bravissimo nella sua recitazione laconica, straniata, basata sul togliere, e regge praticamente da solo il peso di tutto il film. Jim Jarmusch gli... leggi tutto

57 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Paul Hackett di Paul Hackett
6 stelle

Beffardo road movie con un ottimo Bill Murray nel ruolo di un apatico Don Giovanni giunto al crepuscolo della propria esistenza. Il film, pur nella sua esasperante lentezza che può tediare non poco qualche spettatore, è a tratti avvincente nel suo meccanismo di rassegna di personaggi e di caratteri e, in questo senso, il cast è davvero notevole, con una splendida Sharon Stone a stupire per... leggi tutto

15 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

LReno di LReno
4 stelle

Eccessivamente citazionistico in avvio, tra Don Giovanni e Lolite varie. Non ci sono personaggi che lasciano il segno; qualche momento durante il viaggio di Don è piacevole, qua e là ci scappa un sorriso, l'amico etiope è simpatico, ma con un cast così ci si aspettava di più. Lo stesso Bill Murray è fin troppo dimesso, una versione più spenta del suo personaggio (quella volta riuscito)... leggi tutto

14 recensioni negative

Trasmesso il 9 ottobre 2017 su Rai Movie
Trasmesso il 2 giugno 2017 su Rai Movie
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 15 aprile 2017 su Rai Movie
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
6 stelle

Playboy di mezza età ormai in declino, Don Johnston (Murray) - che ha fatto fortuna con i computer - si vede recapitare a casa una lettera anonima che gli annuncia l'esistenza di un figlio ormai diciannovenne. Inerte, apatico, inamidato, imperturbabile e distaccato, Don viene mobilitato dall'amico Winston (Wright), che gli organizza un tour per la provincia statunitense alla ricerca...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2016
2016

Petaloso

Mike.Wazowski di Mike.Wazowski

Attenzione c'è una nuova parola in città....petaloso   Un bambino di otto anni di nome Matteo, frequentante la terza elementare, ha coniato una nuova parola durante una lezione di grammatica. ...

leggi tutto

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Bill Murray è un campione dell' "understatement" cinematografico, espressione che si potrebbe tradurre qui con "recitazione sottotono". Come già in "Lost in translation" della Coppola, girato un paio di anni prima, Murray si dimostra bravissimo nella sua recitazione laconica, straniata, basata sul togliere, e regge praticamente da solo il peso di tutto il film. Jim Jarmusch gli...

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015

Recensione

Decks di Decks
8 stelle

Di certo, non è l'originalità ciò che cerca Jim Jarmusch, tanto che senza il suo stile inconfondibile avremmo di fronte l'ennesima storia trita e ritrita. Jarmusch dimostra che non c'è bisogno di scervellarsi alla ricerca di storie singolari e audaci, ma che con semplici accorgimenti si possa creare un film unico e indipendente, che trasuda post-modernismo da...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Gioccik di Gioccik
8 stelle

Don Johnston è un uomo di mezza età che seduto su un divano, televisore acceso, forse neppure lo ascolta, vede uno degli ultimi treni della sua vita che se ne va, una donna, che per l'ennesima volta gli sfugge lasciandolo da solo nel suo appartamento, ma lui non ci fa caso o da poco peso, mentre trova importante una novità, quella dell'arrivo di una misteriosa lettera rosa...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

jonas di jonas
8 stelle

Lo stesso giorno in cui viene lasciato dall’ennesima compagna, Don (Giovanni, viene spontaneo completare...) riceve una lettera anonima con cui una vecchia fiamma di vent’anni prima gli comunica che aveva avuto un figlio da lui: spronato da un amico emulo di Sherlock Holmes, vince la propria naturale riluttanza a muoversi e si mette in viaggio per visitare le quattro papabili (ce ne...

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Il meglio del 2012
2012

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
9 stelle

Film amaro questo di Jarmusch: un viaggio alla ricerca della propria identità, cercandola -svogliatamente (e in questo Bill Murray ci si cala alla grande)- nel proprio passato per paura del proprio presente e futuro. Jarmusch è come sempre bravo a gettare sprazzi di humour (il vicino novello Sherlock Holmes) in una pellicola dove dialoghi e lunghi silenzi coabitano alla perfezione. Belle le...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2011
2011
Il meglio del 2010
2010

Recensione

sasso67 di sasso67
8 stelle

Non al livello dei film precedenti di Jarmusch (Dead Man, Ghost Dog), ma una buona storia, ben raccontata, sulla presa di coscienza – anche del proprio fallimento – da parte di un personaggio che ha fatto della pigrizia psicofisica la propria caratteristica principale. Sebbene non sia un mostro di mimica, Bill Murray si dimostra un attore più che valido, soprattutto per...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2009
2009

Recensione

Mathiasparrow di Mathiasparrow
8 stelle

Invece di crogiolarsi nelle lamentele da vecchi lo statico Bill Murray cerca di rimettersi in gioco con qualcosa di grosso, anche se potrebbe fregarsene e continuare a vegetare in attesa che giunga la sua ora. Forza di volontà? No: scelta dovuta alle ripetute insistenze di un amico. Jarmusch conferisce al proprio film la stessa personalità del timido protagonista e catapulta quest’ultimo...

leggi tutto
Il meglio del 2008
2008

Recensione

Paul Hackett di Paul Hackett
6 stelle

Beffardo road movie con un ottimo Bill Murray nel ruolo di un apatico Don Giovanni giunto al crepuscolo della propria esistenza. Il film, pur nella sua esasperante lentezza che può tediare non poco qualche spettatore, è a tratti avvincente nel suo meccanismo di rassegna di personaggi e di caratteri e, in questo senso, il cast è davvero notevole, con una splendida Sharon Stone a stupire per...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2007
2007

In continua evoluzione

mima77 di mima77

...dovrebbe essere una lista praticamente infinita..ma portroppo non si può..questi sono, senza togliere niente a nessun altro film, quelli che mi emozionano maggiormente ogni volta che li vedo, e ri-vedo , e...

leggi tutto
Playlist

Recensione

Winkler di Winkler
8 stelle

Un film in cui il personaggio di Bill Murray ricorda da vicino quello di Lost in translation (Sofia Coppola): un over cinquanta disincantato, deluso e tormentato dai rimorsi. L'attore è molto bravo, d'altronde i grandi comici sono spesso ottimi interpreti drammatici (raramente accade il contrario). Non conosco molto bene l'itinerario cinematografico di Jarmusch, ma colmerò la lacuna perchè...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2006
2006

LA MIA CANZONE PER L'ESTATE

johnpjgozz di johnpjgozz

Oggi ultimo giorno di lavoro prima della chiusura estiva, finalmente un pò di riposo e cazzeggio, condito da vizi e stravizi vari! Vi auguro un ottimo agosto con 4 film visti quest'anno nelle sale, a mio parere i...

leggi tutto
Playlist

Recensione

LReno di LReno
4 stelle

Eccessivamente citazionistico in avvio, tra Don Giovanni e Lolite varie. Non ci sono personaggi che lasciano il segno; qualche momento durante il viaggio di Don è piacevole, qua e là ci scappa un sorriso, l'amico etiope è simpatico, ma con un cast così ci si aspettava di più. Lo stesso Bill Murray è fin troppo dimesso, una versione più spenta del suo personaggio (quella volta riuscito)...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Il meglio del 2005
2005

Recensione

Aquilant di Aquilant
8 stelle

“E cadde (sdraiato) come corpo morto cade!” Versi danteschi liberamente riveduti e corretti che caratterizzano alla perfezione l’apatia congenita del personaggio Don Johnston, ovvero l’implosione perpetua di sentimenti dolce-amari cui sarà permanentemente preclusa la via della luce. Un volto forzatamente inespressivo, specchio dell’arcana indecifrabilità di quel suo profondo...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Uscito nelle sale italiane il 28 novembre 2005
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito