Trama

Un ragazzo solo, con i capelli lunghi, i jeans stracciati, la maglia penzolante, la "divisa" grunge. Cammina in un bosco, nuota nel fiume, accende un fuoco. Poi, si aggira in una grande casa malconcia, indossa una sottoveste da donna, trova un fucile, cucina degli orrendi spaghetti al formaggio, ascolta un agente pubblicitario delle Pagine gialle, risponde (o non risponde) al telefono, suona un pezzo alla chitarra. Distrattamente, incrocia altri quattro ragazzi che vivono nella stessa casa, che gli parlano, gli chiedono.

Note

Ispirato alla morte di Kurt Cobain e alla curiosità morbosa che si scatenò intorno ai suoi ultimi giorni (un'esperienza che Van Sant ha vissuto per uno dei suoi giovani attori, River Phoenix), Last Days fa un tutt'uno con _Gerry_ (che in Italia non abbiamo mai visto) ed _Elephant_. Non perché somigli a quei film (questo è ancora più asciutto, scarno, non si concede virtuosismi temporali ed è realizzato per lo più a piani fissi), ma perché, come ha detto l'autore "sono tutte e tre storie nelle quali la gente non sa esattamente quello che accade, perché ci sono in tutte elementi mancanti".

Commenti (10) vedi tutti

  • ‘Last Days’ Ispirato agli ultimi giorni della consumata vita di Kurt Cobain (20 febbraio 1967 - 5 aprile 1994) autore, cantante e chitarrista dei Nirvana già salvato da un’overdose mentre era a Roma. Morto, forse suicida con un colpo di fucile nella serra del garage di casa sua. Lo stile del regista è coraggioso, doloroso, suggestivo ma monotono.

    commento di marco bi
  • Mah, in teoria potrebbe anche andare, ma in pratica salvo solo la fotografia, la notevole carrellata fuori dalla finestra (cuore del film) e l'utilizzo ironico de "La Guerre" di Janequin eseguita da The King's Singers. Per il resto ammorbante. 5 1/2

    commento di kotrab
  • Bella descrizione della solitudine vista dall'interno e (non vista) dall'esterno. Voto 7.

    commento di Max76
  • Il senso del distacco (dal mondo) e del rifiuto (del mondo) - Parte 2 (Parte 1 > Gerry)

    commento di movieman
  • Non fosse un film su Kurt Cobain, non se lo sarebbe cagato nessuno. Perché è veramente insignificante. E poi, cazzo, Cobain suonava la chitarra al contrario perché era mancino…non ci siamo! Unico raggio di luce la presenza di Kim Gordon.

    commento di sonicyouth
  • Pezzi di pelle. Anemia falciforme. Compendio medico di derivazione antropologica.

    commento di brando
  • Un film lento e angosciante, ma è giusto che sia così. Grande Gus Van Sant (come sempre), e anche Micheal Pitt, che ha scritto e cantato gran parte delle canzoni del film.

    commento di megalomaniac
  • VOTO : 5 Non ho capito questo film e quindi il mio non può che essere un giudizio negativo. Prima di tutto non c'è una vera storia, poi non si riflette per niente e quello che rimane alla fine è solo noia.

    commento di supadany
  • Un film enigmatico, distaccato a tratti assente, proprio come il suo protagonista, vittima della vita e ansioso solo di morire… Bellissimo…

    commento di marienbad
  • Se il dolore fosse un tutto, sarebbe solo un sostantivo. Purtroppo, l'ultima opera di Gus Van Sant ci mostra che attorno al dolore c'e' altra pelle di dolore.

    commento di Crawford
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

“Last Days” di Gus Van Sant è un film dedicato alla memoria di Kurt Cobain, il leader dei Nirvana, gruppo di spicco nella scena del Grunge, morto in circostanze alquanto misteriose a soli ventisette anni. Il film non è affatto un resoconto veritiero sugl’ultimi giorni di vita dell’artista e neanche vuole essere il tentativo di farne un santino da... leggi tutto

29 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

zombi di zombi
6 stelle

visto solo perchè anche le arene estive non offrono molto di più e invece non è la ciofeca che credevo. non sopporto il maledettismo, i dolori esistenziali sono un terreno minato, soprattutto quando uno poi si guarda notte e nebbia o uno specialista-ritratto di un criminale nazista.ritirato in una magione semi abbandonata ai bordi di un bosco con annesso fiume e cascatella, il nostro divo... leggi tutto

8 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Maciknight di Maciknight
3 stelle

Premetto che mi sono accostato al film trasmesso in tv non sapendo di cosa trattasse, quindi scevro da pregiudizi e con un certo disincanto, non annoverandomi certo tra i fans del genere biografico delle star del rock. Solo in fase avanzata del film e dopo aver letto le più che favorevoli recensioni su film tv mi sono reso conto su cosa fosse veramente incentrato, cioè sugli... leggi tutto

12 recensioni negative

Il meglio del 2016
2016
Il meglio del 2015
2015

Recensione

Maciknight di Maciknight
3 stelle

Premetto che mi sono accostato al film trasmesso in tv non sapendo di cosa trattasse, quindi scevro da pregiudizi e con un certo disincanto, non annoverandomi certo tra i fans del genere biografico delle star del rock. Solo in fase avanzata del film e dopo aver letto le più che favorevoli recensioni su film tv mi sono reso conto su cosa fosse veramente incentrato, cioè sugli...

leggi tutto
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Texano98 di Texano98
8 stelle

Nel 1991 escono due album storici che hanno segnato un'epoca: Nevermind dei Nirvana e Ten dei Pearl Jam. Due dischi e due band che adoro, i quali con questi due album hanno definitivamente fatto scoppiare il "grunge" in tutto il mondo; non si è mai riusciti a capire fino in fondo se il grunge fosse un vero e proprio genere musicale o solo una corrente di riferimento. Il modo...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Solitudini

Ferro 3 di Ferro 3

L’essere soli è una condizione brutale, una ferita struggente nell’animo che si annida nel cuore di ogni uomo lasciato al proprio destino. L’uomo è un animale sociale e, come tale,...

leggi tutto
Il meglio del 2013
2013
Il meglio del 2012
2012

FILMCALENDARIO (6 di 52)

toal26 di toal26

Questa non è una playlist. Si tratta soprattutto di un invito o, se preferite, una sfida a tutti gli utenti di Film.tv.it. Mi spiego. Durante le festività natalizie tutti si divertono a dire il proprio film di...

leggi tutto
Playlist

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

“Last Days” di Gus Van Sant è un film dedicato alla memoria di Kurt Cobain, il leader dei Nirvana, gruppo di spicco nella scena del Grunge, morto in circostanze alquanto misteriose a soli ventisette anni. Il film non è affatto un resoconto veritiero sugl’ultimi giorni di vita dell’artista e neanche vuole essere il tentativo di farne un santino da...

leggi tutto
Il meglio del 2011
2011

Recensione

PompiereFI di PompiereFI
8 stelle

Due segnali emersi dalla cronaca recente mi hanno indotto a (ri)pensare a quanto l’Arte Cinematografica preceda e accompagni il nostro vissuto. Da poco avevo terminato una breve disamina scritta di “Elephant”, un’opera che sento sempre viva sottopelle, riferimento irrinunciabile per tutti quegli atti orribili di violenze arcane che ogni tanto emergono da qualche...

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010

Un giochino inconsapevole

maghella di maghella

Quando guardo un treno passare di notte, mi viene in mente “Non ho sonno”. Se vedo un bimbo con il maglioncino a collo alto: “I 400 colpi”. Se vado in vacanza in albergo: l'Overlook Hotel di...

leggi tutto

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

Permangono i miei dubbi sulla statura autoriale di Van Sant, anche dopo la visione di questo stimolante Last Days. Opera coraggiosa, radicale, della serie "prendere o lasciare". Opera ambigua: dove finisce la sperimentazione e dove comincia il manierismo? quando la messa in scena della deriva esistenziale sfocia nell'ammiccamento ai clichè della cultura grunge (di cui Cobain è...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2009
2009
Disponibile dal 28 aprile 2009 in Dvd a 4,99€
Acquista

Recensione

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

Si chiama Blake ma si legge Cobain.Van Sant chiude un ideale trilogia della morte con questo biopic non autorizzato e che si pone in una sorta di dimensione astratta rispetto al suo protagonista ,un po'come tutto l'alone mitico che circonda gli ultimi giorni del vero Cobain che a 27 anni sulla cresta dell'onda di un successo planetario soccombe al male di vivere sparandosi una fucilata in...

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Chitarre e chitarristi

Redazione di Redazione

Protagonisti sul palco o vagabondi solitari con la chitarra sulla spalla, guitar heroes come spadaccini invincibili e menestrelli da falò sotto le stelle. In molti, sul set, hanno imbracciato lo strumento musicale...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2008
2008

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Un film che presenta il delirio come una circostanza interamente individuale, i cui segni esteriori non sono sufficienti a renderla percettibile agli altri. Per questo motivo il suicidio, per quanto possa essere, apparentemente, preannunciato, rimarrà sempre un gesto imperscrutabile.

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2007
2007

Recensione

emmepi8 di emmepi8
6 stelle

Un film appunto che si basa di elementi mancanti, ma niente a che vedere con Elephant, che ritengo esemplare nel suo genere e oltre. Qui c'è un compiacimento evidente dei pezzi mancanti e penso che sia stato in una maniera troppo studiata, tanto da togliere l'emozione, che un fatto di questo genere poteva dettare. Il fatto che è successo anche ad un suo attore, River Phoenix, poteva...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2006
2006
Il meglio del 2005
2005

Il serpente.

Crawford di Crawford

Alcuni film avvelenati, ma turgidi, eretti, capaci di morsi. Donne e uomini che fanno il proprio sangue pasto pulsante di avvelenamenti.

leggi tutto
Playlist

Recensione

chinaski di chinaski
6 stelle

Last Days è un film, a suo modo, estremo. Per i tempi morti, le inquadrature che si soffermano sulle cose, i mormorii insensati di Blake, la musica dissonante. Per i campi lunghi e la macchina da presa fissa. Gus Van Sant spinge al limite le scelte stilistiche che aveva utilizzato in Elephant. Solo che mentre in quel film erano giustificate da esigenze narrative qui sembrano perdersi in se...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Uscito nelle sale italiane il 9 maggio 2005
Il meglio del 2003
2003
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito