Espandi menu

Distance

Regia di Hirokazu Koreeda vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 261
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Distance

di bradipo68
8 stelle

Quattro persone ritornano nel luogo in cui avvenne un suicidio di massa ad opera di una misteriosa setta.Tutti loro erano legati in qualche modo a esponenti della setta e ogni anno si ritrovano a commemorare questo doloroso anniversario.
Questa volta però sono costretti a passare la notte in quel luogo così pieno di dolore e di mistero perchè qualcuno gli ruba il fuoristrada e la moto con cui sono arrivati.
E ognuno di loro, grazie anche ai colloqui con l'unico sopravvissuto al suicidio di massa della setta che cerca di spiegare le ragioni di chi si è suicidato e le proprie che ha preferito vivere, si confronterà col fardello penoso che si porta dentro.
Non è il film più facile di Koreeda a cui avvicinarsi, sicuramente non è il suo migliore, ma è perfetto per conoscere le tematiche tanto care al regista nipponico.
Qui c'è tutta la sua poetica, il suo approccio filosofico al dolore e alla memoria, il suo osservare da entomologo la capacità di ognuno di elaborare (e quindi superare) il proprio lutto.
E'un film denso di emozioni ,di vite vissute a metà, di silenzi immersi nel fragore della natura che imperiosa circonda  i protagonisti.
La cinepresa scruta e fruga nei vari stati d'animo.
Koreeda qui privilegia il piano sequenza dilatandolo quasi ai limiti della sostenibilità a voler testimoniare la volontà di osservare i suoi personaggi senza per questo empatizzare il loro dolore e la loro rassegnazione.
Distance è un film in cui i protagonisti cercano di capire le ragioni reali o metafisiche di un gesto estremo come il suicidio dei loro cari.Cercano di annullare le rispettive distanze che li tengono separati e che credono abbiano provocato quel gesto senza ritorno.
Koreeda non è interessato al fatto di cronaca che rimane ai margini della narrazione con tutto il mistero che ancora è racchiuso in quella strage inconsulta,è interessato all'eredità lasciata a coloro che sono sopravvissuti, una sensazione dolorosa che stringe come in una morsa il loro cuore.
Il peggio è sempre per chi vive e soprattutto per chi vive con questo lutto che da dentro invade l'anima.
L'unica colonna sonora è assicurata dai mille rumori della foresta e dai suoni sgraziati che li accolgono al loro ritorno nella cosiddetta vita civile.
Distance procede lentamente ma inesorabilmente cattura.

Su Hirokazu Koreeda

regia preziosa

Su Tadanobu Asano

ottimo

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati