Espandi menu

Hobson il tiranno

Regia di David Lean vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 188
  • Post 19
  • Recensioni 1252
  • Playlist 105
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Hobson il tiranno

di steno79
8 stelle

Tratto da una commedia di Harold Brighouse, "Hobson il tiranno" è un film piuttosto atipico per David Lean, sia per la sua struttura teatrale che contrasta con quella dei kolossal girati negli anni successivi, sia perché è uno dei pochi suoi tentativi nel genere della commedia leggera con sfumature romantiche (decisamente migliore rispetto al "Tempo d'estate" realizzato l'anno successivo a Venezia). Un calzolaio di nome Hobson, in una cittadina del Lancashire, si rifiuta di dare la dote alle figlie per permettere il loro matrimonio, finché la figlia maggiore Maggie elabora un piano per sconfiggere la sua ostinazione e la sua avarizia. È un film dalle tinte femministe, pur senza eccedere, che tesse un elogio dell'intelligenza e dell'intraprendenza della donna e mostra anche quanto siano insensati i pregiudizi di classe poiché Maggie sceglie come possibile marito William Mossup, un timido e modesto operaio che lavora nel negozio del padre. Il film si regge sulla bravura degli attori- in particolare Charles Laughton, qui in un ruolo davvero confezionato su misura per lui, ma anche Brenda De Banzie e John Mills sono perfetti nelle rispettive parti- e su una regia che riesce a conferire uno status cinematografico alla piece d'origine con un accorto lavoro sulla costruzione dell'immagine e sul ritmo. Laughton è davvero spettacolare nel rendere la petulanza e l'autoritarismo di Hobson e andrebbe ascoltato nella versione originale, che però non ho visto. Non all'altezza di Breve incontro e degli adattamenti dickensiani, ma sempre da gustare come esempio di un cinema britannico di qualità. 

Voto 8/10

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati