Espandi menu

Il fantasma dell'Opera

Regia di Joel Schumacher vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 160
  • Post 5
  • Recensioni 674
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il fantasma dell'Opera

di bufera
5 stelle

Trasposizione cinematografica del famoso musical di Andrew Lloyd Webber "Il fantasma dell'Opera",che nonostante l'impegno nella fastosa messinscena, resta a cavallo tra teatro e cinema a spese di ambedue.

Locandina-

Il fantasma dell'Opera (2004): Locandina-

 

Andrew Lloyd Webber, autore delle musiche e dello script ispirato all'omonimo romanzo di Gaston Leroux "IL FANTASMA DELL' OPERA", é artefice anche di questa trasposizione cinematografica con la regia di Joel Schumacher,nel 2004.

 

Nulla da dire sulla messinscena, fastosa al limite del kitsch, con la descrizione particolareggiata del Teatro dell'Opera di Parigi, dalla sala, ai palchi, all'immenso lampadario, ai cunicoli labirintici e alle botole, per non parlare dei preziosii costumi e della messe di oggetti, specchi, divani, candelabri etc. Ma é la musica che fa da padrona,e oggi come oggi questo film può essere apprezzato solo dagli amanti delle musiche espressive e coinvolgenti di uno dei più grandi autori di musical.

 

Quanto alla storia e ai personaggi ci sarebbe troppo da raccontare se non che è complessa, piena di magia e sentimento e con la contrapposizione del male  Erik il Fantasma dell'Opera ( che vive occulto a tutti nei sotterranei del teatro) al bene rappresentato dal nobile Raoul de Chagny, ambedue innamorati della bella e dolce cantante Christine Daaé, a sua volta divisa tra la pena per il deforme Erik , genio della musica e dell'architettura, costretto a non mostrarsi in pubblico per il volto sfregiato che incute orrore, e l'amore che prova sin dal'infanzia per Raoul. 

 

Moltissimi sono i personaggi di contorno, alcuni impegnati in siparietti comici, che rendono ancora più intricata la storia. Miranda Richardson è colei che conosce tutti i segreti e gli antefatti della storia, Erik è interpretato da un Gerard Butler forse un po' troppo bello per la parte, ma che mostra una buona vocalità, Raoul è Patrick Wilson, con una disceta voce tenorile e una convincente immedesimazione nel suo personaggio, e infine Emmy Rossum, nella parte di Christine, che fa la sua figura con una vocina di buona estensione e una bellezza innocente.

Indubbiamente questo spettacolo, a cavallo tra teatro e cinema a spese di tutti e due, si avvale di effetti fotografici per cui il passato vira dal seppia al colore accentuato del presente sia all'inizio che in vari flash back. Manca però l'empatia che nasce in teatro con gli attori e l'effetto avvolgente delle belle musiche eseguite dal vivo. Si impone la visione in versione originale per apprezzare meglio la voce degli attori/ cantanti.

 

Emmy Rossum

Il fantasma dell'Opera (2004): Emmy Rossum

Patrick Wilson

Il fantasma dell'Opera (2004): Patrick Wilson

Il 

Gerard Butler

Il fantasma dell'Opera (2004): Gerard Butler

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati