Espandi menu

Camminando sull'acqua

Regia di Eytan Fox vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 204
  • Post 80
  • Recensioni 6332
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Camminando sull'acqua

di FilmTv Rivista
6 stelle

Presentato in prima mondiale al Filmfest di Berlino 2004, Camminando sull’acqua ha rischiato di non uscire in Italia dopo l’infelice battuta di Tremaglia sui “culattoni”. La Teodora Film ha però convinto il regista, il quarantenne israelo-newyorkese Eytan Fox, a lasciar perdere: l’intemperanza lessicale di uno non doveva punire le aspettative cinematografiche di molti. Il film è più interessante che bello, ma è MOLTO importante: agita i temi dell’omofobia, dell’Olocausto, del senso di accerchiamento che attanaglia Israele, della cattiva coscienza tedesca e l’elenco potrebbe continuare. Eyal (Lior Ashkenazy) è un agente del Mossad che deve frequentare, fingendosi un autista, un tedesco venuto in Israele per visitare la sorella. I due ragazzi sono gli ignari nipoti di un criminale nazista, forse ancora vivo: Eyal deve scoprire dove si trova. L’agente, reduce da una missione omicida in Turchia e dal suicidio della moglie, detesta il giovane tedesco “a pelle” e le cose non migliorano quando scopre che è gay. Ma pian piano, Eyal e i due giovani diventano amici, quasi complici. Curioso intreccio di spy-story e orgoglio gay, Camminando sull’acqua mette forse troppa carne al fuoco: ma i sapori sono forti, e il risultato non è indigesto.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 47 del 2004

Autore: Alberto Crespi

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati