Questo sito contribuisce alla audience di
    Espandi menu

    Shark Tale

    Regia di Bibo Bergeron, Vicky Jenson, Rob Letterman vedi scheda film

    Recensioni

    L'autore

    gabriargento

    gabriargento

    Iscritto dal 24 ottobre 2003 Vai al suo profilo
    • Seguaci 5
    • Post -
    • Recensioni 747
    • Playlist 230
    Mandagli un messaggio
    Messaggio inviato!
    Messaggio inviato!
    chiudi

    La recensione

    di gabriargento
    6 stelle

    Non siamo di fronte ad un altro "Alla ricerca di Nemo", neanche di fronte ad un nuovo "Shrek". E "Shark Tale", tra i tre cartoni usciti ultimamente al cinema (gli altri due sono i ben più riusciti "Shrek 2" e "Gli Incredibili", e tutti e tre erano candidati all'Oscar -e non mi stancherò mai di ripetere che doveva vincerlo il secondo capitolo dell'orco verde-) è il meno riuscito. Colpa forse del fattore "già visto" che inizia pian piano ad entrare nella casa di produzione DreamWorks. Ok, il fatto di vedere una metropoli fatta "mondo marino" è molto divertente e presenta chicche interessantissime, ma questa volta i creatori di "Shrek" lasciano un po' in disparte non tanto la trama (che comunque è una storiellina di base), ma il personaggio principale, che dovrebbe giustamente essere lo squalo Lenny: e invece risulta chiaramente essere il pesciolino Oscar. Peccato, così sembra una pura operazione creata apposta per far ridere con le gag, che comunque non sono affatto tante e neanche troppo divertenti: il ritmo è divertente, ma non è elevatissimo, e noi siamo già stati abituati molto bene. Alcuni personaggi sono buffi, troppo secondari in ogni caso (il paguro folle è il migliore!). Le citazioni sono tante e come sempre il pubblico cinefilo ne resterà entusiasta (ovviamente "Lo squalo", poi chiaramente "Il Padrino"). Attenzione a tutti i personaggi, creati apposta sulle caratteristiche dei propri doppiatori: il pesciolino Oscar a guardarlo bene ha le labbra come Will Smith e a tratti si comporta come il principe di Bel Air, lo squalo vegetariano Lenny assomiglia a Jack Black, il pesce Sykes ha le sopracciglia proprio come Scorsese, la bella Lola fa il verso alla Jolie, Angie ha le movenze della Zellweger. E ovviamente il personaggio di De Niro, ossia Don Lino, fa il verso a Don Vito Corleone della saga di Coppola ed ha anche il neo come il mitico attore. Ma a parte queste belle considerazioni cinefile, resta il fatto che la pellicola è una piccola delusione per chi si aspettava qualcosa di esilarante. Peccato, perchè la qualità tecnica resta sempre perfetta. Voto: 6,5

    Sulla colonna sonora

    Assortita.

    Cosa cambierei

    Il personaggio principale deve restare lo squalo Lenny e attorno a lui deve girare la storia, non attorno al pesce Oscar; il ritmo dev'essere più elevato, con gag più assortite e migliori.

    Su Vicky Jenson

    Ha diretto il primo "Shrek", e per questo mi aspettavo un po' di più. Comunque abbastanza godibile anche se non esilarante. Peccato.

    Su Bibo Bergeron

    Peccato, poteva essere esilrante ma "Shark Tale" resta solo godibile.

    Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

    Commenta

    Avatar utente

    Per poter commentare occorre aver fatto login.
    Se non sei ancora iscritto Registrati