Trama

Titta di Girolamo, un distinto cinquantenne, vive da otto anni in una camera d'albergo di una cittadina della Svizzera italiana. Apparentemente ha passato tutto questo tempo senza lavorare, trascorrendo le sue giornate al bar dell'hotel tra una sigaretta e l'altra. L'unico elemento che turba questa routine è l'arrivo, una volta al mese, di una valigia che viene depositata davanti alla sua porta. Quali segreti nasconde?

Note

"L'abitudine alla vita non è un buon motivo per vivere", diceva Jean-Claude Izzo. Al di là dei risvolti noir, dell'esigenza di un colpo di scena esplicativo che forse non è poi così importante, la seconda pellicola - dopo _L'uomo in più_ - del regista napoletano lavora su questo tema: sull'abitudine, sul vuoto, sulla mancanza di senso dei gesti e dei pensieri di un individuo alla deriva. Calato in una dimensione squisitamente metafisica, allora, quello di Sorrentino diventa un grande film. Non importa, cioè, che "dietro" ci sia una storia di mafia, e che la fine di Titta rimandi simbolicamente alla sua ormai appurata "imbalsamazione" (pietrificato di fronte a tutto, alla vita come alla morte). In fondo, il senso del film è già nel suo essere così sospeso, "svuotato", liquido. Non a caso, Sorrentino e il direttore della fotografia Luca Bigazzi ci mantengono all'esterno, schermando la visione attraverso vetri e filtri e facendoci assistere alla tragedia del protagonista (straordinaria la prova d'attore di Servillo) come fosse immerso in una sorta di acquario.

Commenti (29) vedi tutti

  • Bella prova di Sorrentino

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Per me l'apice assoluto di Paolo Sorrentino.

    commento di Fiesta
  • Dopo il suo ultimo, sublime e filosofico Youth, il film più interessante del regista, secondo me. Vogliamo più film così e meno caz*ate con Massimo Boldi e combricola che fanno cag*are. Insopportabili. Comunque un grande Tony Servillo in un bel film con una parte finale interessante.

    commento di LucaJazz94
  • Che dire? Un film riuscito, interessante e fuori dagli schemi, che si regge su un precarissimo equilibrio e forse, proprio per questo, funziona.

    leggi la recensione completa di Dagoberta_Era
  • non c'è molto da dire - veramente un capolavoro 

    commento di Spettro
  • Film meraviglioso che tratta il tema della solitudine ! Toni Servillo che recita per sottrazione è un piacere per gli occhi. Brava e bella Olivia Magnani.voto 9

    commento di VAJONT
  • buon film di Sorrentino con un grande Servillo

    commento di antonio de curtis
  • commento di antz
  • commento di antz
  • Film particolare, all'inizio mi ha snervata, ma col passare dei minuti, diventa sempre più coinvolgente, e chi lo vede fino alla fine capisce il perchè si intitola così! Mitico Toni Servillo!

    commento di luanizza
  • Voto 9!

    commento di Mr Blonde
  • film lento ma tutto sommato bello

    commento di danandre67
  • mi devo ricreder,nonostante Sorrentino sia u n regista italiano,che con il cinema, salvo rari casi non c'entano nulla. mette in atto un'incredibile situazione ad intermittenza e ad orologeria.questo è un grande film

    commento di kross
  • Io tutto sto capolavoro non ce lo vedo…

    commento di primavera63
  • Voto 7 Equilibrista

    commento di luca826
  • VOTO 7 film molto bello e particolare

    commento di arcarsenal
  • voto 7:buon film salvo alcune recitazioni e punti in cui la trama traballa

    commento di mazingo72
  • Un film bellissimo, che avrebbe potuto dirigere Kitano, per lo stile per i ritmi… Un Toni Servillo bravissimo, forse il migliore attore italiano.

    commento di mise en scene 88
  • Un bel film, ma in fondo un filmetto…

    commento di RageAgainstBerlusca
  • E' proprio un gran bel film. Lontano dai clichè dei film italiani degli ultimi anni.

    commento di Camorino
  • imperdibile! una bella poesia sull'AMORE. Bravi tutti, lunghi e densi silenzi tengono incollati allo schermo, cosa c'è di più difficile?

    commento di apivit
  • Cert non siamo di fronte ad un film che riempirà le sale o di facile fruizione…però affascina, pian piano prende ed appassiona (anche se è un po' carente sul versante immedesimazione con i personaggi, certamente un buon film.

    commento di aquila79
  • Film che va avanti a sprazzi di buone inquadrature. La caratterizzazione del protagonista risulta talvolta appesantita da battute sentenziose e da furbe scorciatoie. Film incompleto ma godibile

    commento di daje de tacco
  • Finalmente un bel film italiano.Oltre la bella trama è da segnalare la caratterizzazione del protagonista grazie ad un impeccabile Toni Servillo

    commento di andystarsailor
  • VOTO : 6,5 Un film particolare che sinceramente non ho capito fino in fondo ma che mi ha comunque a tratti colpito ed emozionato.

    commento di supadany
  • 8

    commento di incallito
  • Uno dei film migliori visti negli ultimi anni. Grande prova di Sorrentino che si conferma uno dei più interessanti registi italiani. Strepitoso Toni Servillo.

    commento di Carlito
  • mi ha coinvolto dalla prima inquadratura. bellissim

    commento di inthemoodfor
  • Un film che riecheggia la media dei film italiani d'autore, assolutamente non brutto ma tetro ed incompleto. E' comunque un signor film, il classico film italiano.

    commento di faromagico
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

Kurtisonic di Kurtisonic
8 stelle

Forse il bellissimo titolo è l'unico punto debole del film di P.Sorrentino, perchè è fuorviante e ingannatore, perchè di tante cose parla il film e fa riflettere, ma " l'amore " per il protagonista non ha significato, non rappresenta niente che riconosca. Interpretato dall'attore italiano del momento ( che si protrae con merito ormai da lungo tempo), Tony Servillo, il protagonista... leggi tutto

96 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

panflo di panflo
6 stelle

Non riesco, non riesco a farmelo piacere ; secondo me vi è troppa staticità  palesemente imposta dal regista e non dalla vicenda, la quale , se non fosse cristallizzata in moduli da palcoscenico,  risulterebbe alquanto interessante. Vi  ritrovo l'Antonioni dell' incomunicabilità portata all'esasperazione, il Resnais di Marienbad  e l'ambientazione... leggi tutto

12 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

emil di emil
4 stelle

Sorrentino con la macchina da presa ci sa fare per davvero. Basta vedere la scena dell'arrivo di Titta Di Girolamo alla corte del boss per capirlo. Una magnifica carrellata senza stacchi dove l'immagine non è solo in movimento, ma essa stessa diviene movimento, portandoci tutto d'un fiato fra le braccia del famigerato capo.   Riprese panoramiche, giochi di specchi, prospettive... leggi tutto

11 recensioni negative

Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 31 luglio 2017 su Iris

Recensione

Malpaso di Malpaso
7 stelle

In questa tragedia moderna la noia, la staticità è la reale morte dell'animo. In contrasto con l'uso vertiginoso e pirotecnico che Sorrentino fa della macchina da presa, niente sembra poter scombussolare il piattume della vita di Titta Di Girolamo, neanche se il regista stesso gli mettesse sotto il naso uno sbadato sconosciuto che si schianta su un palo, il tutto sottolineato da...

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

Seconda prova di  Sorrentino.Non delude i suoi tanti fan.Un uomo,un immenso Servillo,vive in albergo da otto anni,a Lugano in Svizzera,apparentemente non fa niente,ma una volta al mese "ricicla" i soldi della mafia.Le sue giornate sono vuote,i suoi rapporti con i familiari ormai inesistenti,vive o per meglio dire, si lascia vivere passivamente.Non gradisce intrattenere conversazioni...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Il meglio del 2016
2016

Recensione

Dagoberta_Era di Dagoberta_Era
9 stelle

Le conseguenze dell'amore riesce, senz'altro, nel difficile compito di svecchiare tematiche del cinema viste e riviste. Ma forse, più della trama e dei dati oggettivi, a contare è il tentativo di Sorrentino di costruire il film sull'interiorità di un uomo che non vuole mostrarsi. E come lo si mostra, un uomo che vuole nascondere se stesso? Utilizzando la sua prospettiva...

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
Il meglio del 2015
2015

Recensione

labbro di labbro
8 stelle

Titta è il muro di menzogne che ci riguarda tutti. Titta sono le pulsioni inconfessate, gli amori che non abbiamo il coraggio di afferrare, i rapporti di coppia consunti dalla inadeguatezza, l'abitudine alla vita e la disabitudine al vivere davvero. Titta si inietta ogni mattina una dose di autoinganno, per proteggersi dagli altri, e rendere più sopportabile l'horror vacui,...

leggi tutto
Disponibile dal 2 gennaio 2015 in Dvd a 9,99€
Acquista
Il meglio del 2014
2014

Recensione

Lehava di Lehava
8 stelle

Un tragico viaggio nei meandri del vuoto che sta dentro di noi, come staticità e silenzio. Nel baratro del nulla che sta fuori di noi, spazio senza forma e sostanza che non può mai trasformarsi in luogo, men che meno confine. Fine ineluttabilmente consequenziale all'inizio o forse, inizio che è già fine. Come dire: il cuore della poetica sorrentiniana. Nella sua declinazione più...

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il meglio del 2013
2013

Recensione

cheftony di cheftony
8 stelle

“Progetti per il futuro: non sottovalutare le conseguenze dell'amore.”   Titta Di Girolamo (Toni Servillo) è un distinto signore salernitano di mezz'età che risiede da quasi dieci anni in un albergo in Svizzera, presso il quale ha sempre mantenuto il più stretto riserbo sulla motivazione del suo lungo soggiorno e sulla sua vita privata, “intrattenendosi” esclusivamente in qualche...

leggi tutto
Il meglio del 2012
2012

Fammi quello che vuoi...

gene55 di gene55

'L'uomo più saggio che abbia mai conosciuto,un giorno mi aveva spiegato che nella vita non c'è nulla di paragonabile all'emozione che si prova quando si spoglia una donna per la prima volta. Non mi aveva mentito,ma...

leggi tutto

Recensione

Kurtisonic di Kurtisonic
8 stelle

Forse il bellissimo titolo è l'unico punto debole del film di P.Sorrentino, perchè è fuorviante e ingannatore, perchè di tante cose parla il film e fa riflettere, ma " l'amore " per il protagonista non ha significato, non rappresenta niente che riconosca. Interpretato dall'attore italiano del momento ( che si protrae con merito ormai da lungo tempo), Tony Servillo, il protagonista...

leggi tutto
Recensione
Utile per 16 utenti
Il meglio del 2011
2011

Recensione

luisasalvi di luisasalvi
6 stelle

Titta Di Girolamo (Servillo), commercialista della mafia, punito per aver fatto un investimento sbagliato, vive segregato in solitudine da dieci anni in un albergo svizzero da dove esce solo per depositare ogni tanto una valigia di dollari sporchi della mafia ad una banca. Non sto a raccontare i dettagli della vicenda; ci sono episodi e personaggi collaterali abbastanza interessanti, la storia...

leggi tutto

Souvenirs...

gene55 di gene55

Qual'è l'oggetto di un film che portereste volentieri via con voi,quello da esporre in salotto,provocando l'invidia di amici e parenti..?? ...I guantoni di Rocky,la piuma di Forrest Gump,il...

leggi tutto
Il meglio del 2010
2010

Recensione

panflo di panflo
6 stelle

Non riesco, non riesco a farmelo piacere ; secondo me vi è troppa staticità  palesemente imposta dal regista e non dalla vicenda, la quale , se non fosse cristallizzata in moduli da palcoscenico,  risulterebbe alquanto interessante. Vi  ritrovo l'Antonioni dell' incomunicabilità portata all'esasperazione, il Resnais di Marienbad  e l'ambientazione...

leggi tutto

Toni Servillo.

Peppe Comune di Peppe Comune

Credo fermamente che Toni Servillo sia uno dei pochi attori viventi capace di reggere sulle sue spalle il peso di un intero film. Estremamente colto e raffinato, oscilla tra cinema e teatro con la naturalezza di un...

leggi tutto
Il meglio del 2009
2009

Recensione

Daskabinett di Daskabinett
8 stelle

Notevole. Sorrentino schiva i difetti presenti spesso nella nostra cinematografia contemporanea (leziosimo delle immagini, esagerato fai da te in sede di sceneggiatura) e consegna il ritratto di un uomo che non c'è, un uomo senza passato ma con più di uno scheletro nell'armadio, nel cui ruolo si cala con la solita maestria e rigore Toni Servillo. La storia è comunque...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Il meglio del 2008
2008

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Film piuttosto atipico per il nostro panorama cinematografico, “Le conseguenze dell’amore” racconta la vicenda di un modesto “impiegato” della mafia che vive da anni in un lussuoso albergo di Lugano, in Svizzera, dove ricicla denaro sporco per conto dell’Onorata Società. La sua vita scorre sotto il segno dell’alienazione più completa, finché il casuale incontro e l’abbozzo...

leggi tutto
Il meglio del 2007
2007

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Lentissimo, lezioso e didascalico nella regia, per buona parte farcito di mediocri speculazioni di bassa filosofia, il film in sè non vale quasi niente, ma va riconosciuta una certa ambizione che nel cinema italiano d'oggi pare davvero morta. Bravo Servillo, che circondato di un cast composto da sgraziati figuranti da soap opera pare addirittura mostruoso.

leggi tutto

A est di nulla

ROTOTOM di ROTOTOM

A est si fa così, si dilatano i tempi, il narrare perde quella connotazione didascalica tanto cara al cinema occidentale e si espande sostituendo alla verbosità la pulizia dell’ immagine, alla frenesia la...

leggi tutto
Il meglio del 2006
2006

Recensione

carlos brigante di carlos brigante
8 stelle

Per chi non ne ha mai sentito parlare, non si faccia ingannare, come me inizialmente, dal titolo. Non è un film smielato, non c'è una storia d'amore banale e tipica dei film hollywoodiani....non c'è Richard Gere insomma. E' semmai un film dalle atmosfere cupe, ben rese dalla fotografia, dalla scenografia e dalla "maschera" del bravissimo attore protagonista (Toni Servillo). Troviamo un...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2005
2005

Recensione

lao di lao
8 stelle

LA SETTA DEGLI INSONNI---Sorrentino, già autore del bel film sul calcio”L’uomo in più”, qui al suo secondo lungometraggio, va in una direzione opposta e colloca la storia di Titta e della sua strana passione per una cameriera nel cuore più segreto del mondo contemporaneo: la Svizzera delle grandi banche, del riciclaggio del denaro sporco, con le sue strade pulite e i suoi...

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Il meglio del 2004
2004

Recensione

barryegan983 di barryegan983
6 stelle

"Progetti per il futuro: non sottovalutare le conseguenze dell'amore": in questa frase è sintetizzato il senso del film. O forse è solo un bluff ai danni di chi guarda, come ve ne sono tanti nel corso della narrazione. Esco dal coro degli entusiasmi incondizionati, per dire che ho trovato questo film poco coinvolgente almeno quanto ho trovato la regia di Sorrentino straordinaria. Credo che...

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 20 settembre 2004

varie

seilor di seilor

non so se questi sono in assoluto i miei fim preferiti...ma li ho amati molto...

leggi tutto
Playlist
Il meglio del 2003
2003
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito