Espandi menu

Buongiorno, notte

Regia di Marco Bellocchio vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Kurtisonic

Kurtisonic

Iscritto dal 7 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 81
  • Post 2
  • Recensioni 401
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Buongiorno, notte

di Kurtisonic
8 stelle

Il film che fa capire qualcosa degli anni di piombo senza ricorrere alla rigida rappresentazione dei fatti, ma che invece usa la creatività e l'acume dell'artista.

Pier Giorgio Bellocchio, Maya Sansa, Luigi Lo Cascio

Buongiorno, notte (2003): Pier Giorgio Bellocchio, Maya Sansa, Luigi Lo Cascio

Per un periodo ancora piuttosto oscuro come quello degli anni di piombo che ha contraddistinto la storia del nostro paese dai primi anni settanta alla prima metà degli ottanta, il cinema ha riservato un'attenzione che non può ancora oggi dirsi compiuta. Nonostante una serie di film che con efficacia ha cercato di affrontare il tema e di descrivere il malessere profondo che ha percorso la società, è con Buongiorno Notte che uno degli autori più acuti del nostro cinema   riesce ad inquadrare quell' atmosfera sociale sconcertata e attonita che ha contrassegnato quel momento storico. Marco Bellocchio però si distanzia in maniera netta da quello che fino a quel momento era collocabile come cinema politico.  Ispirandosi al memoriale della terrorista Anna Laura Braghetti, il regista riprende le fasi cruciali della detenzione e dell'esecuzione di Aldo Moro da parte delle brigate rosse. Bellocchio adotta un registro e uno stile inaspettato rispetto ai fatti, usa il materiale del libro per una transizione astratta della realtà nella quale i pensieri e le contraddizioni dell'unica donna del gruppo guida l'analisi e la rilettura degli eventi senza distorsioni o fraintendimenti che derivino da quella che ormai è stata una verità assodata. Intanto Bellocchio rinuncia alla spettacolarizzazione, alla manifestazione violenta con la quale si definiscono i protagonisti, che sia l'azione diretta del gruppo che la risposta dello stato.  L'autore indirizza lo sguardo sulla fragilità insita nel corpo sociale di una nazione, attraverso i turbamenti e le riflessioni dello statista e piaccia o meno anche dei suoi rapitori. Sia chiaro, non mettendoli sullo stesso piano, ma quasi disinteressandosi della vicenda e negandogli quella presa in diretta dei fatti, contrapponendosi a come i mass media (e la TV in particolare) hanno saputo decostruire l'immaginario collettivo.

Maya Sansa

Buongiorno, notte (2003): Maya Sansa

Come una costante propria di Bellocchio (che già con il precedente e discusso Il diavolo In Corpo aveva abbozzato un discorso su quegli anni caldi) si pone la scelta su come rielaborare i fatti, se dall'esterno che ricondurrebbe la rappresentazione verso la convenzionalità, oppure come invece in Buongiorno Notte privilegiando l'analisi interna, intima di tutti i protagonisti. Il racconto si fa tutto interno all'appartamento dove Moro è tenuto nascosto e alla stanza segreta in cui vive quei giorni, ed è proprio questo modo di focalizzarne la presenza nell'aspetto più umano e comune, che porta alla messa in crisi che emerge tra i vari personaggi e al modo in cui si relazionano tra di loro.  Trattandoli come soggetti unici e definiti all'interno di una realtà irrappresentabile dal punto di vista razionale, prende le distanze dalla rappresentazione iconica, li isola dal contesto che gli grava intorno.  Banalmente i terroristi guardano i notiziari TV che parlano di loro, l'unico contatto con l'esterno, e il flusso continuo e indiscriminato delle informazioni rappresenta già il sintomo di un paese nuovo in lento e inesorabile allontanamento dalla realtà. L'azione disperante dei terroristi come l'insensibilità forzata delle istituzioni si contorna sempre di più come un’ingiustizia, una profonda incomprensione che ferisce lo sguardo e il cuore di ogni spettatore. Chiara la terrorista sogna di vedere Moro muoversi liberamente nel covo, quando legge le lettere dei condannati a morte della resistenza le sembra di ascoltare le stesse parole del politico che rivolge alla moglie, agli amici. Quando ne spia i movimenti dentro la camera in cui è recluso sente di condividere la stessa condizione di restrizione. Eppure al film sul quale si è discusso (ma non troppo..) mancherà proprio  quell'interesse di un pubblico generazionale che ha preferito la negazione e il rigetto totale che non  cercare il senso e l'origine di quel malessere. Per una curiosa coincidenza Buongiorno Notte cinematograficamente vede la luce con The Dreamers di Bertolucci, contrapponendo due diverse visioni della realtà ma che drammaticamente furono destinate a confrontarsi ed a naufragare insieme. L’unica possibilità di salvezza di Chiara e della sua generazione era quella di cercare di sognare, di evadere da un mondo ingiusto con nuove modalità, per finire nella tragedia di chi si è impadronito della protesta e l’ha ridotta in scontro anziché  in confronto. Le rigide teorie dei compagni di Chiara che sono le uniche parole che sanno dire per rompere l’incapacità di tradurre ciò che li circonda, vengono smontate e messe a nudo dalla semplicità del suo collega di lavoro, capace di collegare razionalità e desideri. Il film di Bellocchio in questo caso (e negli anni successivi non sempre gli accadrà) ha il sapore dello svelamento e della riappropriazione e con Buongiorno Notte non ha ottenuto quel riconoscimento che forse merita, la sua verità artefatta diventa manifesto contro l'ideologia e la ragion di stato. Emblematica la scena dell'ascensore nell'ufficio pubblico dove Chiara lavora, all'interno viene tracciata la stella delle brigate rosse e in una sequenza magistrale quando qualcuno vuole utilizzarlo, alla sua vista scappa o si paralizza. L'unico che ne sosterrà la presenza sarà ancora il giovane collega di Chiara, aspirante sceneggiatore di un testo che si chiama come il film, Bellocchio così realizza un parallelismo con l'artista demiurgo che non nasconde la verità, che non può mai sottrarsi ad essa e con il dovere di pronunciarsi nel merito.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati