Espandi menu

Expect the Unexpected

Regia di Patrick Yau vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Tetsuo35

Tetsuo35

Iscritto dal 7 giugno 2017 Vai al suo profilo
  • Seguaci 6
  • Post -
  • Recensioni 71
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Expect the Unexpected

di Tetsuo35
8 stelle

E’  impossibile analizzare questo film senza addentrarsi nei meccanismi della trama (perché di geniale meccanismo si tratta). Ma procediamo con ordine.

L’accoppiata Patrick Yau (regista) e Johnnie To (produttore e non solo) in questo film sembra di primo acchito volersi inserire nel filone poliziesco hongkonghese, con un’alternanza tra scene di scontro tra una squadra di poliziotti e una banda di stupratori assassini, girate con un ritmo frenetico e l’immagine sgranata, a momenti legati alle interrelazioni sentimentali tra i protagonisti (un’esasperazione dei sentimenti è un classico delle produzioni action made in HK del periodo, cfr. The Killer di Who). Man mano che la storia procede il lato relazionale sembra prendere il sopravvento sulle indagini fino a scivolare quasi verso lo stucchevole. L’inaspettatamente veloce e semplice prefinale alleggerisce ulteriormente i toni verso canoni confortanti.

Ma ecco che in un attimo tutto viene ribaltato e si scopre che quello che si ha davanti non è un ritmato poliziesco canonico, bensì un’opera(zione) clamorosamente concettuale, assimilabile per certi versi ad un altro film-saggio spiazzante, ovvero Funny Games. Come nel film di Haneke il rapito e torturato si scopriva essere il pubblico stesso, cavia di un prontuario illustrato dimostrativo sulla tensione, anche qui è lo spettatore ad essere messo in trappola e costretto a rileggere a posteriori quanto visto. E quindi l'eccesso di sentimentalismo si rivela un escamotage, un modo per costringere chi guarda ad empatizzare con almeno un personaggio (ce n'è per tutti i gusti tra almeno cinque differenti personalità per cui parteggiare) e ad abbassare la guardia. Ed ecco che quindi il personaggio della cameriera, corteggiata e protetta dai vari protagonisti, diventa un contraltare dello spettatore, come lui nel finale bloccata a guardare spiazzata e sconvolta quanto mostrato dallo schermo.

E dire che eravamo stati avvertiti fin dal titolo.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati